Piazza Affari inizia bene la settimana. Il FTSE MIB segna +0,63%, il FTSE Italia All-Share +0,62%, il FTSE Italia Mid Cap +0,47%, il FTSE Italia STAR +0,09%.
BTP in peggioramento, spread stabile. Il rendimento del decennale segna 0,81% (chiusura precedente a 0,78%), lo spread sul Bund 101 bp (da 101) (dati MTS).
Oggi negli USA mercati chiusi per festività (Independence Day) ma i future sugli indici azionari sono attivi e si muovono attorno alla parità.
A Milano banche in ascesa: l'indice FTSE Italia Banche segna +1,42%. In evidenza Mediobanca +2,42% in scia a indiscrezioni di stampa secondo cui l'incremento della partecipazione detenuta da Leonardo del Vecchio tramite Delfin al 18,9% potenziale potrebbe essere il preludio a un rimpasto del cda. Inoltre un report di Citigroup ha ipotizzato una fusione con Banca Mediolanum -0,02% o con Unicredit +1,74%. Salgono anche Banco BPM +1,62%, Intesa Sanpaolo +1,41% e BPER Banca +0,79%.
Industriali in recupero dal rosso di inizio mattinata: Pirelli +1,48%, CNH Industrial +0,43%, STM +1,0%, Stellantis +1,4%. In evidenza Maire Tecnimont +3,92% che stamattina si è aggiudicata un contratto Lump Sum EPCC (Engineering, Procurement, Construction and Commissioning) da Indian Oil Corporation Limited (IOCL), per la realizzazione di un nuovo impianto di polipropilene e della relativa sezione per la logistica del prodotto. Il valore complessivo del contratto è di circa 170 milioni di dollari.
Per gli analisti di Intesa Sanpaolo, Poste Italiane (+1,43%) ha un prezzo obiettivo a 12,8 euro, dagli attuali 11,345 euro. Confermata anche la raccomandazione add. Mediobanca Securities conferma invece la raccomandazione outperform su Piaggio (-1,23%) con target price a 3,7 euro.
Netta flessione per Hera -2,64% a 3,4330 euro, a causa dello stacco del dividendo da 0,11 euro. Al netto dell'effetto-cedola il titolo sarebbe in leggero rialzo rispetto alla chiusura di venerdì a 3,5260.
Bel progresso per Reno de Medici +3,86%. Apollo ha annunciato l'acquisto del 67% del capitale dai due maggiori azionisti Cascades e Caisse de dépot et placement du Québec, ad un prezzo di 1,45 euro per azione. A seguito del perfezionamento dell'operazione, Apollo promuoverà un'offerta pubblica di acquisto obbligatoria sulle azioni residue finalizzata al delisting della Società.
Unieuro +3,34% positiva. Gli analisti di Mediobanca puntano sui nuovi standard di trasmissione tv e sui bonus statali come elemento di sostegno per la domanda di televisioni.

(AC - www.ftaonline.com)