Un risultato strabiliante, una performance davvero eccellente quella di Banca Generali.

In nove mesi Banca Generali ha conseguito un utile netto pari a 196 milioni di euro con un incremento rispetto allo scorso anno del 44%.

Il direttore generale e amministratore delegato di Banca Generali, Gian Maria Fossa, si dichiara soddisfatto, anche del raggiungimento degli obiettivi primari del piano triennale.

Banca Generali: conti terzo trimestre e performance strepitose

Sono numeri da record quelli snocciolati durante l'assemblea tenutasi in occasione della trimestrale di Banca Generali.

I risultati migliori emersi in questa storica giornata sono l'utile relativo al periodo dei primi nove mesi e le masse gestite, due cifre che hanno toccato livelli da record.

196 milioni con un +44% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno è l'utile netto, quello ricorrente è di 103 milioni, in progresso del 18%, e i ricavi totali hanno toccato quota 408 milioni, anche questo dato in crescita del 23%.

L'altro aspetto positivo sono le masse gestite al loro massimo storico. 66 miliardi è infatti una quota mai vista in Banca Generali e si deve grazie ai flussi nuovi di raccolta che hanno contribuito con quasi 4 miliardi di euro da inizio 2019.

È il miglior anno nella storia della banca, che malgrado le incertezze economiche continua a crescere nella raccolta e nel numero di clienti.

Banca Generali: i motivi del boom di utili

Le cause che hanno portato a questi risultati sono da ricercarsi nelle scelte strategiche che i vertici della banca hanno compiuto in questi anni.