Banca Generali perde terreno e si avvicina alle ex resistenze di area 22,50 euro, complice lo stacco del dividendo da 1,25 euro per azione avvenuto lunedì 20 maggio. Le prospettive di medio periodo restano positive: conferme in tal senso al superamento di quota 24 per 24,70 e il recente massimo a 25,58, riferimento oltre il quale verrebbe riattivato il rally partito a fine ottobre. L'eventuale rottura di 22,50 creerebbe invece le condizioni per un'estensione della correzione verso 21 almeno.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)