Il Consiglio di Amministrazione di Banca IFIS, presieduto dal Vicepresidente dott. Ernesto Fürstenberg Fassio, ha approvato oggi i risultati preliminari relativi all'esercizio 2019. Il 12 marzo 2020 verrà approvato il progetto di bilancio 2019.

«Banca IFIS è una banca profittevole e ben capitalizzata, con un patrimonio netto di 1,5 miliardi di euro; vantiamo un buon posizionamento di mercato con un importante vantaggio competitivo e un business model diversificato in due divisioni "core": il segmento Commercial e Corporate Banking focalizzato sulle PMI e quello dei crediti deteriorati (NPL) – dichiara Luciano Colombini, Amministratore Delegato del Gruppo Banca IFIS -. Anche quest'anno proponiamo ai nostri azionisti un dividendo in crescita a conferma della solidità della Banca che consente, ancora una volta, di soddisfare chi ha deciso di investire in Banca IFIS. A ulteriore dimostrazione del fatto che la Banca è pienamente in grado di autofinanziare la sua crescita, abbiamo il CET1 che nei 12 mesi è aumentato dello 0,66% raggiungendo quota 10,96%».

«Nel 2019, un anno che ha visto la Banca impegnata in importanti cambiamenti, abbiamo realizzato un utile di 123,1 milioni di euro: un risultato questo che risente della diminuzione fisiologica del "reversal PPA" che, al netto delle imposte, scende dai 61 milioni di fine 2018 ai 47 milioni di fine 2019.

Per quanto riguarda il business NPL, nel corso del 2019, è stata perfezionata l'acquisizione dell'intero capitale sociale della società FBS ed è stato così accelerato il processo di integrazione tra i due business che porterà importanti sinergie derivanti dalla complementarietà del know-how di Banca IFIS e FBS.