Il consiglio di amministrazione di Bastogi Spa, riunitosi in data odierna, ha approvato alcuni dati qualiquantitativi al 30 settembre 2019, atti a informare il mercato sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria di Bastogi Spa e del Gruppo ad essa facente capo, come richiesto dalla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (Consob), ai sensi dell'art. 114 del D.Lgs. n. 58/98. In detto ambito, nei limiti e per le finalità della richiesta ex art. 114 del Testo Unico della Finanza anche riguardante lo stato di implementazione dei piani industriali e finanziari, viene riportato, per completezza di informativa, un aggiornamento circa l'andamento gestionale del Gruppo al 30 settembre 2019.

ANDAMENTO GESTIONALE DEL GRUPPO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2019
Nel corso dei primi nove mesi del presente esercizio il Gruppo ha proseguito le diverse attività in linea con gli obiettivi aziendali. Come ampiamente descritto nella Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2019 cui si rimanda, nell'ambito del comparto immobiliare si sono verificati i presupposti per il completamento dello sviluppo residuo del comparto di Milanofiori Nord. Nei mesi di febbraio e giugno sono stati infatti sottoscritti due accordi per la costruzione e successiva locazione di due immobili ad uso uffici per oltre complessivi 42.000 mq di superficie lorda di pavimento (edifici "U1" e "U3") da adibire a headquarters di due noti operatori internazionali. I lavori di costruzione di entrambi gli immobili sono iniziati nel corso del mese di aprile, e sono previsti concludersi entro la fine del 2021. Nel corso del mese di giugno sono stati inoltre formalizzati con il sistema bancario gli accordi per il finanziamento integrale dei costi di realizzazione dei menzionati edifici (per un importo complessivo fino a 129 milioni, compresi imposte indirette, oneri, costi finanziari e garanzie) e contestualmente sono stati ridefiniti i termini dell'esposizione debitoria complessiva del Gruppo Brioschi verso BNL per oltre 35 milioni di euro con previsione di rimborso in unica soluzione a 48 mesi e costituzione di una garanzia ipotecaria di secondo grado sull'area, ove insistono gli immobili in corso di edificazione. Nel corso del 2019 sono inoltre proseguite positivamente le attività di cessione degli immobili secondari con il sostanziale completamento della commercializzazione della residenza libera "R1" di Milanofiori Nord, unitamente alla cessione di una porzione di area edificabile con annesso l'edificio denominato "casa campione", e la cessione di un compendio immobiliare e due rami d'azienda nel centro commerciale Latinafiori. Sono iniziate infine le interlocuzioni con Banco BPM finalizzate alla ridefinizione del debito 36,6 milioni di euro in linea capitale di Sintesi in scadenza nell'ottobre 2020. Il settore dell'intrattenimento ha registrato nei primi nove mesi del 2019 una performance positiva, sebbene caratterizzata da una contrazione della marginalità operativa. I ricavi complessivi del settore sono cresciuti grazie al contributo delle attività teatrali e alla controllata All Events. Il settore arte e cultura ha proseguito con le attività pianificate, principalmente riguardanti l'art consulting e la valorizzazione del complesso immobiliare dei Frigoriferi Milanesi. Da un punto di vista economico il margine operativo lordo consolidato al 30 settembre 2019, pari a 9 milioni di euro, è principalmente determinato dal margine operativo del settore dell'intrattenimento (5,1 milioni di euro) e del comparto immobiliare (circa 3,6 milioni di euro). Il margine operativo lordo al 30 settembre 2018 (47 milioni di euro) includeva gli effetti della vendita dell'immobile di via Darwin a Milano da parte della controllata Brioschi Sviluppo Immobiliare per 39,5 milioni di euro. La gestione finanziaria registra complessivamente un passivo di 6,2 milioni di euro, che include per 0,6 milioni di euro gli oneri netti di natura non ricorrente derivanti dalla ridefinizione dei termini della posizione debitoria complessiva esistente con BNL, i cui maggiori benefici in termini di riduzione dei tassi d'interesse saranno riflessi nei prossimi anni. Il miglioramento rispetto al 30 settembre 2018, che registrava un passivo di 8,9 milioni di euro, è principalmente attribuibile alla riduzione dell'indebitamento bancario e alle migliori condizioni di tasso ottenute nell'ambito delle ridefinizioni del finanziamento della controllata Sintesi e delle linee di credito della Capogruppo, perfezionatesi nel mese di dicembre 2018. Il risultato complessivo di periodo, al netto di imposte positive per 0,1 milioni di euro e di componenti negative, principalmente relative alla valutazione a valore equo degli strumenti derivati di copertura, contabilizzate direttamente nel patrimonio netto per 0,9 milioni di euro è negativo per 4,7 milioni di euro (di cui 2,3 milioni di euro di pertinenza del Gruppo) rispetto al risultato positivo di 24,3 milioni di euro al 30 settembre 2018 (di cui 13,3 milioni di euro di pertinenza del Gruppo). Da un punto di vista patrimoniale, il patrimonio netto consolidato al 30 settembre 2019 ammonta a 67,7 milioni di euro rispetto a 73,4 milioni di euro al 31 dicembre 2018. La variazione è attribuibile al risultato complessivo di periodo per 4,7 milioni di euro e, per la parte residua, principalmente alla quota di dividendo distribuita agli azionisti di minoranza dalla controllata Brioschi Sviluppo Immobiliare. La posizione finanziaria netta al 30 settembre 2019 ammonta a 198 milioni di euro rispetto a 182,7 milioni di euro al 31 dicembre 2018. La variazione è principalmente attribuibile alle maggiori passività da leasing iscritte in bilancio a seguito dell'adozione del nuovo principio contabile IFRS 16 – Leases, nonché alla minore liquidità disponibile per effetto del pagamento dei costi di edificazione dei nuovi sviluppi immobiliari a Milanofiori Nord; nel mese di ottobre 2019 detti costi, unitamente alle relative quote di imposte indirette e oneri, hanno determinato il primo utilizzo del finanziamento a medio-lungo termine dedicato per complessivi 13 milioni di euro.