Il Consiglio di Amministrazione di Borgosesia *- società quotata sul mercato MTA di Borsa Italiana ed attiva nel campo della rigenerazione di valore nell'ambito di operazioni distressed di natura prevalentemente immobiliare – ha deliberato il 18 maggio 2021 di far propria la *proposta avanzata dai titolari di complessive n. 123.000 azioni di risparmio della Società, pari al 14,26% del capitale sociale di categoria, circa la conversione obbligatoria delle azioni di risparmio in azioni ordinarie *(la "Conversione") sulla base di un *rapporto pari a 3 azioni ordinarie per ciascuna azione di risparmio.

Il Consiglio di Amministrazione ha quindi deliberato di sottoporre la proposta di Conversione all'Assemblea Straordinaria degli Azionisti e all'Assemblea Speciale degli Azionisti di Risparmio convocate per il giorno 25 giugno 2021 in prima convocazione, per il giorno 28 giugno 2021 in seconda convocazione ed occorrendo per il giorno 29 giugno in terza.

La Conversione è finalizzata a razionalizzare e semplificare la struttura del capitale di Borgosesia S.p.a. riducendo gli adempimenti societari e i costi connessi all'esistenza di differenti categorie di azioni.
Inoltre, realizzando la concentrazione delle azioni ordinarie e di risparmio in un'unica categoria quotata, la Conversione potrà recare beneficio a tutti gli azionisti consentendo di semplificare la governance della Società, di allinearne i dirittie di ampliare il flottante complessivo delle azioniordinarie, creando così i presupposti per una maggiore liquidità di queste ultime.

I termini economici della Conversione, muovendo dalla chiusura del 18 maggio 2021 delle azioni ordinarie della società, implicano un premio sul prezzo delle azioni risparmio pari a:

  • 8,50 % rispetto al prezzo ufficiale di Borsa al 18 maggio 2021 (Euro 1,67);

  • 16,94 %rispetto al prezzo medio ufficiale dell'ultimo mese;

  • 33,89 % rispetto al prezzo medio ufficiale degli ultimi 3 mesi;

  • 47,16% rispetto al prezzo medio ufficiale degli ultimi 6 mesi;

Poiché la Conversione implica una modifica dello Statuto sociale riguardante i diritti di voto e di partecipazione delle azioni di risparmio in circolazione, gli azionisti di risparmio che nondovessero concorrere all'approvazione della relativa delibera dell'Assemblea Speciale saranno legittimati ad esercitare il *diritto di recesso *ai sensi dell'articolo 2437, comma I, lett. g), del codice civile. Il valore di liquidazione di ciascuna azione di risparmio è stato quindi determinato dal Consiglio di Amministrazione, in conformità all'art. 2437 ter del codice civile, in *Euro1,2313 *ossia in misura pari alla media aritmetica dei prezzi di chiusura delle azioni di risparmio sul mercato nei sei mesi precedenti la data di pubblicazione dell'avviso di convocazione dell'Assemblea Speciale degli azionisti di risparmio (prevista per domani).

Qualora da taluni azionisti di risparmio venisse esercitato il diritto di recesso, sarà necessario liquidare le loro partecipazioni secondo la procedura prevista dall'art. 2437 quater del codice civile. Nel contesto di tale procedura, la Società potrebbe essere tenuta a riacquistare le azioni degli azionisti recedenti che non siano state acquistate dagli altri soci a cui verranno offerte in opzione o eventualmente collocate sul mercato.

Alla luce di ciò, è sottoposta all'Assemblea straordinaria anche l'autorizzazione alla vendita delle azioni eventualmente acquistate in virtù del suddetto procedimento.

La Conversione, laddove approvata tanto dall'Assemblea Straordinaria che dall'Assemblea Speciale degli azionisti di risparmio, diverrà efficace a *condizione che l'importo da riconoscere a coloro che abbiano esercitato il diritto di recesso non ecceda l'ammontare di Euro 200 migliaia *al termine del periodo previsto per l'esercizio del diritto di recesso, salva la facoltà di rinuncia a tale condizione da parte della Società.

La data di efficacia della Conversionecoinciderà col ventesimo giorno successivo a quello di iscrizione al registro imprese della relativa delibera - o con quella diversa che dovesse essere concordata con Borsa Italiana – e sarà resa nota mediante pubblicazione sul sito della Società e su almeno un quotidiano nazionale, ai sensi dell'articolo 72, comma 5, del Regolamento Emittenti.

Con la medesima comunicazione, la Società renderà noti i dettagli sulle modalità di assegnazione delle azioni ordinarie in conseguenza del rapporto di conversione. All'efficacia della Conversione farà seguito la revoca dalle quotazioni sul Mercato Telematico Azionario delle azioni di risparmio. Atteso che la data di efficacia della Conversione, laddove come sopra approvata, risulterebbe prossima a quella della messa in pagamento del dividendosulla cui distribuzione sarà chiamata a deliberare l'Assemblea Ordinaria indetta per il 28-29 giugno 2021, il Consiglio di Amministrazione, per facilitare le connesse operazioni, ha altresì deliberato di posticiparnelarelativaerogazione al 4 Agosto 2021 (data valuta) con data stacco della cedola 51 per le azioni ordinarie (IT0003217335) e della cedola 21 per le azioni di risparmio (IT0003217368) il 2 Agosto 2021 (record date il 3 Agosto 2021).

La documentazione relativa alle proposte di delibere assembleari verrà messa a disposizione del pubblico nei termini e con le modalità previste dalla normativa vigente.

(GD - www.ftaonline.com)