Borsa italiana in ascesa nel finale: Ftse Mib +0,45%.

*Mercati azionari europei positivi. Wall Street in verde: *a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,4%, Nasdaq Composite +0,2%. A Milano il Ftse Mib ha terminato a +0,45%, il Ftse Italia All-Share a +0,43%, il Ftse Italia Mid Cap a +0,40%, il Ftse Italia Star a +0,30%.

Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata odierna segnaliamo che negli USA la lettura definitiva del PIL relativo al quarto trimestre 2016 segna un incremento pari al 2,1%, superiore alle precedenti stime pari all'1,9%. Nel terzo trimestre il PIL era cresciuto del 2%. Negli USA le nuove richieste di sussidi di disoccupazione nella settimana terminata il 24 marzo si sono attestate a 258 mila unità, superiori alle attese (248 mila). Nel mese di marzo l'indicatore del clima economico per l'area dell'euro è sceso a 107,9 punti dai 108 punti della rilevazione precedente. Il dato è risultato inferiore alle attese fissate a 108,3 punti. Secondo i dati pubblicati dalla Commissione Europea l'Indice di Fiducia dei Consumatori si è attestato a marzo a un tasso annuale di -5 risultando allineato al consensus e alla lettura precedente. La fiducia nel settore industriale si attesta a 1 punto da 1,3 punti precedenti. In Germania, l'Ufficio Federale di Statistica (Destatis) ha reso note le stime preliminari sull'inflazione. L'indice dei prezzi al consumo è atteso in crescita dello 0,2% a marzo rispetto a febbraio (inferiore al consensus pari al +0,4%), attestandosi al +1,6% su base annuale dal +2,2% della rilevazione precedente.

Positivi i petroliferi grazie al recupero del greggio, sui massimi dal 9 marzo. Bene Saipem (+1,36%), Eni (+1,32%) e soprattutto Tenaris (+3,59%): due giorni fa il presidente e CEO Paolo Rocca ha rivisto la previsione di crescita della domanda globale di tubi per l'industria del petrolio nel 2017 dal +25% di novembre al +37% (12,1 milioni di tonnellate).