Borsa italiana in leggero rialzo: FTSE MIB +0,17%.

  • Il FTSE MIB segna +0,17%, il FTSE Italia All-Share +0,15%, il FTSE Italia Mid Cap +0,06%, il FTSE Italia STAR +0,07%.

Mercati azionari europei incerti:* Euro Stoxx 50 +0,1%, DAX invariato, FTSE 100 +0,3%, CAC 40 +0,1%, IBEX 35 -0,3%.

  • Future sugli indici azionari americani in verde*: S&P 500 +0,3%, NASDAQ 100 +0,4%, Dow Jones Industrial +0,3. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -0,64%, NASDAQ Composite -1,02%, Dow Jones Industrial -0,68%.

  • Mercato azionario giapponese negativo, il Nikkei 225 termina a -0,87%. Borse cinesi in rosso:* l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen chiude a -0,44%, l'indice Hang Seng a -0,53%.

  • Buon avvio di seduta per Telecom Italia (+1%), che recupera dopo le flessioni delle due sedute precedenti, CNH Industrial (+0,7%), Enel (+0,8%), Banco BPM (+0,8%).

In verde Leonardo (+0,9%)* nel giorno del cda chiamato ad approvare i risultati dell'esercizio 2017. Ieri il Tar del Lazio ha respinto il ricorso di Aersud Elicotteri (facente parte del gruppo Airbus) contro l'assegnazione a Leonardo del contratto per la fornitura di 7 elicotteri alla Guardia di Finanza. Confermato quindi l'appalto del valore di 380 milioni di euro a favore del gruppo italiano.

  • In calo Atlantia (-0,6%): il gruppo ha annunciato di "aver raggiunto un'intesa preliminare con ACS*, Actividades de Construcción y Servicios, S.A. ed Hochtief AG" su Abertis e che detta intesa preliminare "sarà oggetto di delibera da parte del Consiglio di Amministrazione convocato in data odierna alle ore 18.15". Nei giorni scorsi la stampa spagnola aveva anticipato la possibilità di un accordo tra i contendenti al fine di evitare una battaglia a colpi di rilanci su Abertis, battaglia che rischierebbe di far lievitare il prezzo dell'offerta a livelli sanguinosi per il soggetto che ne uscisse vincitore.