Borsa italiana in netto progresso, brillano Telecom e FCA: FTSE MIB +1,75%.

Mercati azionari europei in indebolimento nel finale. Wall Street in flessione: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 -0,3%, Nasdaq Composite -0,1%, Dow Jones Industrial -0,5%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +1,75%, il FTSE Italia All-Share a +1,76%, il FTSE Italia Mid Cap a +1,85%, il FTSE Italia STAR a +1,86%.

Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, negli USA gennaio gli ordini industriali sono diminuiti dell'1,4% dopo l'incremento dell'1,8% registrato a dicembre (rivisto da +1,7%). Gli economisti avevano stimato una flessione dell'1,3% su base mensile.

Forte progresso per Telecom Italia (+5,95%) nel giorno del cda chiamato ad approvare i dati 2017 e il piano industriale al 2020, nonchè il dossier relativo alla cessione di Persidera. Gli acquisti sono però scattati in scia all'indiscrezione di Bloomberg secondo cui il fondo Elliott Management sta acquistando titoli del gruppo telefonico al fine di raggiungere una quota sufficiente a contrastare l'azionista di controllo Vivendi nella gestione della società. Repubblica scrive che Elliott ha rastrellato il 6% del capitale di Telecom. Il fondo creato da Paul Singer sarebbe insoddisfatto della performance del titolo da quando, nel 2016, i francesi hanno assunto il controllo di Telecom. L'obiettivo di Elliott sarebbe quello di arrivare all'assemblea del 24 aprile con abbastanza diritti di voto per poter nominare membri nel cda di Telecom e partecipare alla gestione del gruppo.

*Molto bene il comparto auto. *L'indice EURO STOXX Automobiles & Parts segna +1,3%. Guadagnano terreno Pirelli & C (+2,84%), Brembo (+1,92%), Piaggio & C (+4,05%) *e soprattutto FCA (+5,67%): *il titolo approfitta delle indiscrezioni secondo cui la casa torinese intende scorporare Magneti Marelli mediante quotazione a Piazza Affari senza emissione di nuove azioni. L'a.d. Sergio Marchionne in conferenza stampa al salone dell'auto di Ginevra ha detto che dello scorporo della controllata si parlerà in occasione della presentazione del piano industriale il primo giugno, e ci sono stati diversi incontri di routine con la cinese Geely e che il Lingotto si prepara a ridurre la produzione dei motori diesel. Inoltre Moody's Investors Service ha comunicato oggi di aver alzato da "Ba3" a "Ba2" il Corporate Family Rating di FCA N.V., e da "B1" a "Ba3" il rating sulle obbligazioni emesse o garantite da FCA N.V.. L' outlook è stabile.