Borsa italiana in verde dopo no ad accordo Brexit. Brillano Juventus e Ferragamo. FTSE MIB +0,21%.

*Il FTSE MIB segna +0,21%, il FTSE Italia All-Share +0,20%, il FTSE Italia Mid Cap +0,16%, il FTSE Italia STAR +0,24%.

BTP stabili.* Il decennale rende il 2,55% (invariato rispetto alla chiusura precedente), lo spread sul Bund segna 248 bp (invariato) (dati MTS).

Mercati azionari europei incerti dopo il no del parlamento britannico all'accordo sulla Brexit della premier May: Euro Stoxx 50 +0,2%, FTSE 100 invariato (oggi nuovo voto su ipotesi hard Brexit il 29 marzo), DAX -0,1%, CAC 40 +0,3%, IBEX 35 -0,2%.

Future sugli indici azionari americani in parità: S&P 500 invariato, NASDAQ 100 +0,1%, Dow Jones Industrial -0,1%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +0,30%, NASDAQ Composite +0,44%, Dow Jones Industrial -0,38%.
*
Mercato azionario giapponese in flessione, l'indice Nikkei 225 ha terminato a -0,99%. Borse cinesi deboli:* l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -0,83%, l'indice Hang Seng di Hong Kong a -0,39%.

Juventus Football Club +15,5% riduce i guadagni visti in avvio (toccati i massimi da fine gennaio) ma resta in ampio rialzo dopo la qualificazione ai quarti di finale di Champions League conquistata ieri sera ai danni dell'Atletico Madrid. I bianconeri hanno ribaltato lo 0-2 subito all'andata battendo l'Atletico per 3 a 0. Prosegue quindi il cammino della Juventus nella principale competizione europea per club, fondamentale per far quadrare il bilancio: nella recente relazione finanziaria semestrale il cda ha previsto che l'esercizio 2018/2019 si chiuda in perdita, e "sarà come di consueto fortemente influenzato dall'andamento dei risultati sportivi ed in particolare della UEFA Champions League".