Borsa italiana sopra la parità: bene i bancari, UniCredit in evidenza. FTSE MIB +0,16%.

*Il FTSE MIB segna +0,16%, il FTSE Italia All-Share +0,15%, il FTSE Italia Mid Cap +0,12%, il FTSE Italia STAR +0,02%.

BTP deboli, spread in rialzo.* Il rendimento del decennale segna 1,15% (chiusura precedente a 1,11%), lo spread sul Bund segna 145 bp (da 143) (dati MTS).

Mercati azionari europei in verde: Euro Stoxx 50 +0,2%, FTSE 100 +0,0%, DAX +0,2%, CAC 40 +0,2%, IBEX 35 +0,3%.

Future sugli indici azionari americani sopra la parità: S&P 500 +0,1%, NASDAQ 100 +0,2%, Dow Jones Industrial +0,1%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -0,12%, NASDAQ Composite +0,01%, Dow Jones Industrial +0,11%.

Mercato azionario giapponese positivo, *il Nikkei 225 ha terminato a +0,22%. *Borse cinesi incerte: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -0,45%, l'Hang Seng di Hong Kong a +0,02%.

Bancari tonici in avvio: l'indice FTSE Italia Banche segna +1,4%. In evidenza UniCredit (+2,4%) che ha annunciato il "trasferimento di €4,1 miliardi Gross Book Value (€6,1 miliardi di creditoria complessiva) di portafoglio Non performing rappresentato da mutui residenziali a una società veicolo" Prisma SPV attraverso un'operazione di cartolarizzazione, assistita da garanzia pubblica GACS sulla tranche senior. Domani il cda di UniCredit esaminerà i risultati del terzo trimestre.

In verde anche doValue (+1,0%) che ha siglato un accordo con UniCredit per la gestione esclusiva (Master e Special Servicer) del portafoglio di mutui residenziali cartolarizzato (il cosiddetto Project Prisma). Per dimensioni, si tratta del più importante progetto di cartolarizzazione di NPL residenziali in Europa. I crediti oggetto dell'operazione sono, per la quasi totalità, già gestiti da doValue come parte del contratto con Unicredit stipulato nel 2015.