Le principali Borse europee hanno aperto la prima seduta della settimana in ribasso in scia alla netta flessione a Wall Street dei mercati asiatici. L'indice Stoxx 600 cede lo 0,5%, il Dax30 di Francoforte lo 0,3%, il Cac40 di Parigi lo 0,9%, il Ftse100 di Londra lo 0,4%. Preoccupa lo stato di salute dell'economia americana. Sotto osservazione anche l'inversione della curva dei rendimenti Usa con il differenziale tra Treasury decennali ed a tre mesi scivolato in negativo per la prima volta dal 2007.
Minerari e tecnologici registrano le peggiori performance settoriali. Sulla parità utility e telecom.
Tra i titoli in evidenza Inmarsat +7%. Triton Bidco ha comunicato di avere raggiunto l'accordo per il takeover dell'operatore britannico di telecomunicazioni satellitari con un'offerta di 7,21 dollari per azione in contanti (di cui 12 centesimi dal saldo sul dividendo, in pagamento il prossimo 30 maggio).
Hermes -1,5%. Credit Suisse ha tagliato il rating sul titolo del gruppo del lusso a neutral da outperform.
LVMH -0,5%. Nei primi scambi il titolo del gruppo del lusso è arrivato a perdere quasi il 9% a causa di un probabile errore di trading ("fat finger").
Sul fronte macroeconomico in Spagna l'istituto di statistica INE ha annunciato che l'indice dei prezzi alla produzione PPI è cresciuto dello 0,2% nel mese di febbraio. La variazione è dell'1,9% rispetto allo stesso periodo del 2018 dell'1,8% precedente.

(RV - www.ftaonline.com)