Le principali Borse europee hanno aperto la seduta in ribasso dopo il rinvio dell'Eurogruppo chiamato a fronteggiare la crisi economica scaturita dall'emergenza coronavirus. L'indice Stoxx 600 cede lo 0,7%, il Dax30 di Francoforte lo 0,6%, il Cac40 di Parigi lo 0,9%, il Ftse100 di Londra l'1% e l'Ibex35 di Madrid l'1,1%.
Tra i titoli in evidenza Asos +25%. Il rivenditore di abbigliamento e accessori su internet ha registrato una crescita delle vendite tra il 20% ed il 25% nelle ultime tre settimane.
Tesco -5%. Il retailer britannico ha comunicato per l'anno fiscale 2020 profitti prima delle tasse calati da 1,62 a 1,32 miliardi di sterline (da 1,84 a 1,49 miliardi di euro). La performance è stata condizionata in negativo soprattutto dall'aumento delle spese, mentre Tesco prevede aggravi per 925 milioni di sterline (1,05 miliardi di euro) a causa dell'epidemia di coronavirus. Nell'esercizio chiuso lo scorso 29 febbraio, Tesco ha registrato ricavi in crescita da 63,91 a 64,76 miliardi di sterline (da 72,43 a 73,40 miliardi di euro). Il board ha proposto un saldo sulla cedola di 6,50 pence per azione, per un dividendo complessivo di 9,15 pence nell'anno, contro i 5,77 pence dell'esercizio precedente. Tesco ha anche confermato i suoi piani per restituire 5 miliardi di sterline (5,67 miliardi di euro) agli azionisti attraverso lo stacco di cedole straordinarie.
Givaudan -1%. Il produttore di profumi ed aromi ha comunicato per il primo trimestre un progresso delle vendite del 6,1% annuo, attestatesi a 1,62 miliardi di franchi (pari a 1,53 miliardi di euro). La crescita a perimetro costante è stata invece del 5,4% annuo. "La buona performance è stata raggiunta nella maggior parte dei segmenti di prodotto e delle aree geografiche, con prestazioni particolarmente solide nei settori della cura della casa e della persona all'interno della divisione fragranze, nonché negli alimenti confezionati, salati, snack e nutraceutici nella divisione aromi", ha dichiarato il gruppo svizzero. Givaudan ha sottolineato di essere stata in grado di mantenere le sue operazioni e la supply chain globale con interruzioni minime nell'emergenza sanitaria per il coronavirus.
Lufthansa +0,6%. La compagnia aerea ha comunicato che, all'interno di un più ampio piano di ristrutturazione e revisione del business, chiuderà la low-cost Germanwings. Per tagliare i costi il colosso tedesco ridurrà la capacità nei suoi hub di Francoforte e Monaco e il numero di velivoli in servizio per Lufthansa ed Eurowings.
DWS +0,6%. Credit Suisse ha alzato il rating sul titolo del gruppo degli investimenti a "outperform" da "neutral".

(RV - www.ftaonline.com)