Le principali Borse europee hanno aperto l'ultima seduta della settimana in calo. L'indice Stoxx Europe 600 cede lo 0,7%, il Dax30 di Francoforte lo 0,5%, il cac40 di Parigi lo 0,9% e il Ftse100 di Londra lo 0,4%.
Sul fronte macroeconomico in Francia l'Insee ha reso noto che il dato preliminare del Pil relativo al secondo trimestre e' cresciuto dello 0,5% su base trimestrale, in linea con quanto rilevato nel trimestre precedente (rivisto al rialzo dal +0,3%) e al consensus. Nel mese di giugno la spesa per consumi e' diminuita dello 0,8% su base mensile, dopo un incremento dello 0,9% rilevato il mese precedente. Gli addetti ai lavori avevano stimato una flessione più contenuta pari allo 0,2%. Nel mese di luglio l'indice dei prezzi al consumo è diminuito su base mensile dello 0,3% dopo la variazione nulla di giugno ma è aumentato dello 0,7% su base annuale (anche a giugno si era registrato un incremento dello 0,7%). L'indice armonizzato è cresciuto dello 0,8% su base annua.
L'INE (Instituto Nacional de Estadistica) ha comunicato la stima del PIL nel secondo trimestre del 2017. Il Pil è atteso in crescita dello 0,9% rispetto al trimestre precedente, risultando in linea al consensus ma in crescita dalla rilevazione del trimestre precedente (+0,8%). Rispetto allo stesso periodo del 2016 il Pil è atteso in crescita del 3,1% dal +3% precedente.
Tra i titoli in evidenza Adidas +7%. Il gruppo dell'abbigliamento sportivo ha alzato le stime per l'intero esercizio in corso.
BNP Paribas -0,5% nonostante un utile trimestrale superiore alle attese. Nel secondo trimestre i profitti netti si sono attestati a 2,4 miliardi di euro contro gli 1,9 miliardi del consensus.
Renault -6%. Il giro d'affari della casa automobilistica francese è cresciuto nel primo semestre meno del previsto a 29,5 miliardi di euro contro i 29,85 miliardi del consensus.