Le principali Borse europee hanno aperto l'ultima seduta della settimana in rialzo. L'indice Stoxx 600 guadagna lo 0,6%, il Dax30 di Francoforte lo 0,9%, il Cac40 di Parigi lo 0,8%, il Ftse100 di Londra lo 0,8% e l'Ibex35 di Madrid lo 0,6%. Per arginare l'epidemia di coronavirus (25 le vittime accertate) la Cina ha preso misure senza precedenti con otto città (e oltre 25 milioni di persone) in quarantena: chiuse Wuhan, Ezhou, Huanggang, Chibi, Qianjiang, Zhijiang, Jingmen e Xiantao, tutte nella provincia di Hubei. Per le festività del Capodanno cinese (che quest'anno cade il prossimo 25 gennaio) stop alle piazze di Shanghai e Shenzhen (riapriranno solo venerdì 31 gennaio).
Tra i titoli in evidenza Carrefour +3,9%. Il gigante della distribuzione ha registrato nel quarto trimestre un giro d'affari in crescita (a perimetro e cambi costanti) del 3,1%. L'utile operativo annuale è atteso a circa 2,090 miliardi di euro. I risultati 2019 definitivi saranno comunicati il prossimo 27 febbraio.
Ericsson -7% nonostante una trimestrale superiore alle attese. Il gruppo delle infrastrutture di rete ha alzato la cedola annuale da 1,00 a 1,50 corone per azione. Il colosso svedese ha comunicato per l'ultimo periodo dell'esercizio 4,43 miliardi di corone (420 milioni di euro) di profitti, contro il rosso di 6,55 miliardi (621 milioni di euro) del quarto trimestre 2018. Le vendite sono aumentate del 4% annuo a 66,37 miliardi di corone (6,29 miliardi di euro). Il consensus di FactSet era invece per 3,79 e 65,97 miliardi rispettivamente (circa 360 milioni e 6,26 miliardi).
Nokian Tyres -8%. Il produttore di pneumatici prevede un calo di ricavi ed utile operativo nel 2020.
Rémy Cointreau -8%. Il gruppo del cognac ha comunicato che nel terzo trimestre dell'esercizio 2019/2020 le vendite sono calate da 321,5 a 290,2 milioni di euro (11% il declino a perimetro costante), contro i 309 milioni del consensus di FactSet. Il colosso francese del settore spirits ha annunciato la decisione di sospendere la guidance in scia al cambio di leadership (in dicembre Eric Vallat aveva sostituito Valerie Chapoulaud-Floquet nel ruolo di chief executive), dichiarando che comunicherà una nuova roadmap strategica in occasione della presentazione del bilancio d'esercizio in giugno.