Le principali Borse europee hanno aperto la seduta in rialzo spinte dalle rassicurazioni del chairman della Federal Reserve Jerome Powell. L'indice Stoxx 600 guadagna lo 0,2%, il Dax30 di Francoforte lo 0,5%, il Cac40 di Parigi lo 0,2%, il Ftse100 di Londra lo 0,5% e l'Ibex35 di Madrid lo 0,8%.
Powell, parlando davanti alla commissione Financial Services dell'House of Representatives (la Camera Usa), ha ribadito quanto già dichiarato il giorno precedente al Senato: la Fed non inizierà ad alzare i tassi d'interesse fino a quando non sarà sicura di avere raggiunto gli obiettivi d'inflazione e piena occupazione. A contribuire alla tendenza rialzista anche l'ulteriore ottimismo sui vaccini contro il Covid-19: in questo caso buone notizie sono arrivate per quello sviluppato da Johnson & Johnson, che dovrebbe ottenere a breve il via libera per l'uso d'emergenza da parte della U.S. Food and Drug Administration (Fda).
Tra i titoli in evidenza Sap +0,5%. Il colosso del software enterprise ha comunicato che il supervisory board raccomanderà all'annuale assemblea degli azionisti (che si terrà il prossimo 12 maggio) un aumento del 17% per la cedola 2020 rispetto a quella del 2019, a quota 1,85 euro per azione. Su tali basi verrebbero distribuiti ai soci 2,18 miliardi di euro. Il gruppo tedesco ha parallelamente annunciato l'estensione del mandato fino alla fine del 2024 per il chief technology officer Jürgen Müller (che è anche membro dell'executive board).
Bayer -2%. Il gruppo chimico-farmaceutico ha chiuso il quarto trimestre con un Ebitda adjusted inferiore alle attese (2,39 miliardi di euro contro i 2,5 miliardi del consensus).
Standard Chartered -2%. Il gruppo bancario britannico ha comunicato un crollo del 57% per l'utile prima delle tasse, attestatosi nel 2020 a 1,61 miliardi di dollari, contro gli 1,85 miliardi del consensus. Le entrate nette da interessi sono calate dell'11% rispetto al 2019 a 6,88 miliardi di dollari. L'esercizio è stato condizionato da svalutazioni più che raddoppiate a 2,3 miliardi di dollari a causa della pandemia, anche se la banca ha notato come circa due terzi del totale sia riferito al primo semestre.
Axa +2%. Il gruppo assicurativo francese ha annunciato che intende distribuire un dividendo agli azionisti di 1,43 euro per azione nel corso del 2021.
Sul fronte macroeconomico in Germania a febbraio il clima di fiducia dei consumatori ha iniziato a riprendersi. Sono aumentate sia le aspettative economiche che di reddito, insieme alla propensione all'acquisto. Di conseguenza, a marzo GfK prevede un calo di 12,9 punti nella fiducia dei consumatori, in aumento di 2,6 punti rispetto a febbraio di quest'anno (rivisto da -15,5 punti).
In Francia la fiducia delle famiglie sulla situazione economica peggiora a febbraio. L'indice sintetico si è attestato a 91 punti, al di sotto della media di lungo termine (100) e in calo rispetto a gennaio (92 punti) e a dicembre (95 punti). Le attese erano fissate su un indice pari a 92 punti.

(RV - www.ftaonline.com)