Comunicato stampa BP Sondrio - Consiglio di amministrazione dell'8 agosto 2019.

Approvazione della relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2019
CET1 RATIO fully–phased al 15,47%, ai vertici del settore bancario europeo.
Deliberata cessione di un miliardo di NPL.
Il positivo risultato netto semestrale già incorpora gli effetti economici della deliberata cessione.
Accelerazione della crescita e derisking ora possibili, senza oneri straordinari per gli azionisti.

Il Consiglio di amministrazione della Banca Popolare di Sondrio, società cooperativa per azioni, ha oggi esaminato e approvato la relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2019.

L'andamento economico del Gruppo
L'utile netto consolidato, al 30 giugno 2019, ammonta a € 47 milioni, in riduzione del 36,6% rispetto ai 74,2 milioni di euro dei primi sei mesi del 2018.
Il margine di interesse si è attestato a € 230,1 milioni, in riduzione del 7,9% rispetto ai primi sei mesi del 2018.
Le commissioni nette da servizi hanno cifrato € 152,6 milioni, mantenendosi sostanzialmente invariate (-0,5%) nel confronto con i 153,4 milioni del primo semestre 2018.
Stabile l'ammontare dei dividendi incassati, pari a € 3,2 milioni.
Il risultato complessivo dell'attività in titoli, cambi, derivati e crediti (dato dalla somma delle voci 80, 90, 100 e 110 del conto economico) è risultato pari a € 43,3 milioni, in notevole aumento (+60,8%) rispetto ai 26,9 milioni di euro consuntivati al 30 giugno 2018. Ciò grazie al positivo andamento dei mercati finanziari che ha caratterizzato il primo semestre del corrente anno.
Il margine d'intermediazione, in ragione di quanto predetto, è pertanto sceso a €429,1 milioni dai 433,2 milioni di euro del periodo di confronto (-1,0%).