I Consigli di Amministrazione di CIR-Compagnie Industriali Riunite S.p.A. ("CIR") e di COFIDE-Gruppo De Benedetti S.p.A. ("COFIDE" e, insieme a CIR, le "Società"), riunitisi a Milano, presieduti da Rodolfo De Benedetti, hanno esaminato e approvato il progetto di fusione per incorporazione della controllata CIR nella controllante COFIDE (la "Fusione" o "Operazione"). Il Presidente del Gruppo, Rodolfo De Benedetti, ha dichiarato: "La fusione rappresenta una svolta molto importante per il nostro gruppo e ci consentirà di semplificarne la struttura societaria e renderla coerente con l'evoluzione del mercato, nell'interesse degli azionisti di CIR e di COFIDE. La nuova holding confermerà la focalizzazione sulle attività industriali e si chiamerà CIR. Con l'amministratore delegato Monica Mondardini proseguiremo il percorso di creazione di valore per tutti gli azionisti e di consolidamento e crescita delle nostre partecipazioni strategiche".

Razionale e benefici della Fusione
La Fusione è finalizzata a realizzare i seguenti principali obiettivi:
• accorciare la catena di controllo rispetto alle società operative, ponendosi in linea con le migliori pratiche internazionali e con le aspettative del mercato e delle autorità di regolazione;
• creare una Società con una dimensione del flottante superiore sia in termini di percentuali del capitale sia in valore assoluto, con la conseguente maggiore facilità di negoziazione delle azioni e appetibilità delle stesse per gli investitori;
• ridurre i costi operativi legati al mantenimento di due società holding quotate e semplificare la struttura partecipativa e l'assetto di governo societario, con conseguente creazione di sinergie a vantaggio di tutti gli azionisti.