A Piazza Affari l'appuntamento chiave con i dividendi è fissato per il 23 maggio, giorno in cui ci sarà il maxi stacco, con pagamento due giorni dopo, ossia il 25 maggio.

Piazza Affari: 16 titoli staccano il dividendo lunedì 16 maggio

In quella occasione oltre la metà delle blue chips staccherà il dividendo, insieme a numerosi altri titoli di Piazza Affari.
Prima di tale evento ci sarà un'altra data da segnare sul calendario ed è quella di lunedì prossimo 16 maggio.

In avvio della prossima settimana, infatti, saranno ben 16 i titoli che staccheranno il dividendo, con pagamento mercoledì 18 maggio.

Nel dettaglio lo stacco cedola interesserà 2 azioni MidCap, 3 del segmento Star e 3 dell'Euronext Milan, mentre gli altri 8 titoli appartengono all'Euronext Growth Milan.

Tra quelli dell'Euronext Milan (ex MTA), ne segnaliamo due in particolare che si apprestano a staccare un dividendo con un rendimento da favola e si tratta di Immsi e RcsMediagroup.  

Immsi

Immsi è la holding italiana controllata dalla famiglia Colaninno e quotata a Piazza Affari da inizio 2000.

Il titolo ha pagato per la prima volta il dividendo nel 2003 e da allora ha remunerato i suoi azionisti solo in 10 occasioni fino.

Immsi si appresta a staccare lunedì prossimo la cedola, dopo un vuoto di sei anni, visto che l'ultima risale al 2016.
In quell'occasione il titolo aveva pagato un dividendo di 0,015 euro, dimezzato rispetto a quelli degli anni precedenti.

La buona notizia è che Immsi non solo tornare a pagare il dividendo quest'anno, ma la cedola è in forte crescita.
Rispetto a quella del 2016 infatti è in aumento del 100%, visto che si attesta a 0,03 euro.

Rapportando questo valore ai prezzi correnti del titolo, pari a 0,44 euro, il dividendo di Immsi offre un rendimento molto appetitoso del 6,82%.     

Da ricordare che il Cda ha proposto di distribuire questa cedola alla luce dei risultati registrati dal gruppo nel 2021.

L'esercizio è stato archiviato con un utile netto pari a 35,4 milioni di euro, più che raddoppiato rispetto ai 15,8 milioni di euro del 2020, mentre i ricavi sono saliti del 24,2% a 1.709,6 milioni di euro.    

RcsMediagroup

Tra i titoli dell'Euronext Milan, è molto interessante anche RcsMediagroup che si appresta a pagare un dividendo ancora più redditizio di quello di Immsi.

A differenza di quest'ultimo, RcsMediagroup ha staccato la cedola con più regolarità da quando il titolo è quotato a Piazza Affari.

Il primo pagamento risale al 2000, segnalando poi che c'è stato un vuoto di un decennio dal 2009 al 2019 durante il quale gli azionisti sono rimasti a bocca asciutta.

Lo scorso anno RcsMediagroup ha staccato una cedola di 0,03 euro, mentre quella in arrivo lunedì prossimo è pari a 0,06 euro, quindi raddoppiata rispetto al 2021.

In relazione ai valori correnti del titolo, che negli ultimi minuti passa di mano a 0,759 euro, il dividendo offre un ottimo rendimento del 7,9%.

L'entità dl dividendo è stata decisa dal Cda di RcsMediagroup sulla base dei risultati conseguiti nel 2021.
Il gruppo ha archiviato lo scorso anno con un utile netto pari a 72,4 milioni di euro, più che raddoppiato rispetto ai 31,7 milioni del 2020, mentre i ricavi consolidati sono aumentati da 749,5 a 846,2 milioni di euro.