Il Consiglio di Amministrazione della Pininfarina ha approvato il Progetto di bilancio 2012 della Società e del Gruppo, la Relazione annuale sul governo societario e gli assetti proprietari, la Relazione sulla remunerazione ed ha convocato l'Assemblea ordinaria degli Azionisti.

L'anno 2012 è stato caratterizzato da alcuni eventi significativi che hanno permesso alla Società ed al gruppo Pininfarina di incrementare il giro di affari con l'aggiunta di primari clienti globali al suo portafoglio. Ciò è stato possibile, tra l'altro, potendo dimostrare di aver stabilizzato e rafforzato le proprie condizioni finanziarie e patrimoniali rispetto al recente passato e permettendole di continuare ad operare in un contesto economico internazionale ancora particolarmente difficile.

Si ricorda che le vicende economiche, susseguenti alla ristrutturazione del debito avvenuta nel 2008, avevano causato perdite tali da ridurre l'ammontare del patrimonio netto sotto la soglia prevista dall'art. 2446 c.c..

L'Assemblea degli Azionisti, tenutasi il 15 febbraio 2012, deliberò il rinvio a nuovo delle perdite in attesa di un imminente secondo accordo di ristrutturazione tra la Società e gli Istituti Finanziatori che effettivamente entrò in vigore il 1° maggio 2012.

Con l'approvazione del Piano Industriale e del Piano Finanziario 2011 - 2018 da parte del Consiglio di Amministrazione della Pininfarina S.p.A. e la conseguente sottoscrizione del nuovo Accordo di Riscadenziamento si sono realizzate le condizioni di ripatrimonializzazione della Società (con il superamento delle fattispecie previste dall'art. 2446 c.c.) ed il riequilibrio tra i flussi finanziari previsti dai nuovi Piani ed il rimborso del debito residuo agli Enti creditori.