A New York i principali indici azionari hanno chiuso l'ultima seduta della settimana in netto rialzo. Il Dow Jones ha guadagnato l'1,13%, l'S&P500 l'1,17% e il Nasdaq Composite l'1,41%. A mettere il turbo ai listini azionari americani è stata l'inattesa decisione della Bank of Japan di adottare nuove misure a sostegno dell'economia. Positivi poi i dati macroeconomici americani pubblicati in giornata. Dow Jones e S&P500 hanno chiuso sui massimi storici.
L'Indice PMI Chicago (attivita' manifatturiera) nel mese di ottobre e' salito a 66,2 punti dai 60,5 punti del mese precedente, risultando ben al di sopra delle attese degli addetti ai lavori, fissate su un indice pari a 60 punti.
Gli esperti dell'Universita' del Michigan e di Reuters hanno rivisto al rialzo la stima preliminare dell'indice sulla fiducia dei consumatori statunitensi del mese di ottobre a 86,9 punti dai precedenti 86,4 punti. Le aspettative degli analisti erano fissate su un indice pari a 86,4 punti.
Sul fronte societario LinkedIn +12,66%. Il giro d'affari del social network per professionisti è aumentato nel terzo trimestre del 45% a 568,3 milioni di dollari, meglio rispetto ai 543-547 milioni stimati dalla società. L'utile adjusted è cresciuto a 0,52 dollari per azione. Il dato è superiore alle attese.
Honeywell +0,5%. Il conglomerato ha annunciato un aumento del dividendo trimestrale del 15% a 2,07 dollari per azione.
GoPro +12,97%. Il produttore di microcamere per uso sportivo ha pubblicato una trimestrale migliore delle aspettative. Nel terzo trimestre l'utile adjusted si è attestato a 0,12 dollari su ricavi per 280 milioni. Gli analisti avevano previsto un Eps di 0,08 dollari su ricavi per 265 milioni.