In considerazione della sfavorevole congiuntura di mercato dovuta, da un lato, alle incertezze legate alla codadella crisi pandemica e, dall'altro lato, al mutato quadro geopolitico, macroeconomico e finanziario derivantedallo scoppio del conflitto in Ucraina, il Consiglio di Amministrazione di NEXT RE SIIQ, riunitosi in data odierna, facendo seguito a quanto già comunicato al mercato il 5 agosto 2021 e il15 marzo 2022, ha preso atto che non si sono realizzati entro le tempistiche preventivate i presupposti perl'esecuzione parziale, fino ad un importo di Euro 1 miliardo, dell'aumento di capitale a valere sulla delegaconferita in data 26 aprile 2021 dall'Assemblea straordinaria di Next RE al Consiglio di Amministrazione dellaSocietà, ai sensi dell'art. 2443 del codice civile (l'"Aumento di Capitale").

Pertanto, si prevede che il termine del 30 giugno 2022 per il verificarsi delle condizioni sospensive nonché perl'adempimento degli impegni in relazione all'Aumento di Capitale assunti dalla Società, dall'azionista dicontrollo CPI Property Group S.A. e dalle società del Gruppo DeA Capital con il framework agreementsottoscritto in data 5 agosto 2021 e successivamente modificato in data 23 settembre 2021 (il "FrameworkAgreement") potrebbe essere posticipato, sulla base delle negoziazioni in corso tra le parti del FrameworkAgreement, in merito al cui esito il mercato sarà tempestivamente aggiornato.

Allo stato, il Framework Agreement e le relative pattuizioni parasociali - le cui informazioni essenziali sonopubblicate sul sito internet della Società - perderanno efficacia alla data del 30 giugno 2022.La Società comunica, inoltre, di aver sottoscritto in data 28 giugno 2022 un accordo transattivo (l'"Accordo") aventead oggetto, inter alia, il trasferimento dei titoli obbligazionari emessi dal Comparto Euro del Fondo di dirittolussemburghese "Historic & Trophy Building Fund" gestito da Main Source S.A. "Fondo HTBF- €", sottoscrittida Next RE per una tranche pari a nominali Euro 6.000.000 (il "Bond") nonché la definizione transattiva deiprocedimenti giudiziali, ordinari ed esecutivi, relativi al recupero dei crediti connessi al Bond (i "ProcedimentiPendenti").

Si rammenta che, in data 6 febbraio 2020, la Società ha informato il mercato, nell'ambito dell'Addendum alDocumento Informativo relativo ad un'operazione di maggiore rilevanza con parte correlata del 26 ottobre2017, del mancato pagamento della cedola degli interessi al 31 dicembre 2019 relativa al Bond e della presad'atto dell'avviso pubblicato presso la Borsa del Lussemburgo di sospensione delle negoziazioni dei titoliobbligazionari HTBF-€ motivata da un event of default.Successivamente, la Società ha, tempo per tempo, fornito informativa al mercato – da ultimo nella Relazionefinanziaria annuale al 31.12.2021 - in merito all'adeguamento al fair value del valore del Bond nonché alle azioni giudiziarie poste in essere ai fini del recupero del proprio credito, nei confronti di Main Source e delFondo HTBF-€ nonché del garante Fondo Donatello – Comparto Tulipano.

Con la stipula dell'Accordo, le Parti si sono reciprocamente impegnate a rinunciare alla prosecuzione deigiudizi, ordinari ed esecutivi, pendenti innanzi alla Corte d'Appello di Milano, al Tribunale di Roma e alTribunale di Belluno, definendo bonariamente le controversie in corso, e Next RE ha ceduto, nel contestodell'Accordo, il Bond e tutti i crediti, diritti e accessori ad esso connessi, per un corrispettivo complessivamentepari ad Euro 2.850.000, oltre IVA.L'Accordo prevede dichiarazioni e garanzie usuali in operazioni similari.

(GD - www.ftaonline.com)