In data odierna si è tenuto, con la presidenza della Dott.ssa Gabriella Chersicla, il Consiglio di Amministrazione della Società che ha approvato il progetto di bilancio al 31 dicembre 2015, di cui vengono riportate qui di seguito le principali evidenze, ed ha convocato l'Assemblea Straordinaria e Ordinaria degli Azionisti.
In dettaglio, il fatturato netto è pari a 6.416,1 milioni di euro, in aumento di 868,5 milioni (+15,7%) rispetto ai 5.547,6 milioni del 2014.
Il margine operativo lordo si attesta a 444,5 milioni di euro, in aumento di 4,8 milioni (+1,1%) rispetto ai 439,7 milioni del 2014, nonostante gli effetti negativi determinati dalla contabilizzazione dell'iperinflazione del Venezuela.
L'utile dell'esercizio è pari a 147,6 milioni di euro, in diminuzione di 57,6 milioni rispetto ai 205,2 milioni del 2014.
Le disponibilità finanziarie nette sono pari a 301,1 milioni di euro, in diminuzione di 818 milioni rispetto ai 1.119,1 milioni del 31 dicembre 2014.

Guidance 2016
Nel 2016 il Gruppo Parmalat avvia una nuova fase di crescita in continuità con gli obiettivi strategici già da tempo definiti. Per il 2016, a tassi di cambio costanti, considerando per le nuove acquisizioni dati comparativi 2015 proforma ed escludendo - data l'incertezza che caratterizza la situazione del Paese accompagnata da una forte svalutazione della valuta locale - la consociata venezuelana, Parmalat stima una crescita del fatturato netto di circa il 5% e del margine operativo lordo di circa il 10%. In particolare si prevede un primo semestre con una congiuntura economica nei Paesi dove il Gruppo opera non particolarmente favorevole, mentre la crescita sarà concentrata soprattutto nel secondo semestre, quando si potranno cogliere i risultati attesi relativi al piano di efficienze in atto e ai processi riorganizzativi in corso per quanto riguarda le nuove acquisizioni.