Piazza Affari in parità. Bene i bancari, vendite su petroliferi e utility. FTSE MIB +0,05%.

*Il FTSE MIB segna +0,05%, il FTSE Italia All-Share +0,08%, il FTSE Italia Mid Cap +0,26%, il FTSE Italia STAR +0,17%.

BTP in rialzo, scende lo spread.* Il decennale rende il 2,60% (-3 bp rispetto alla chiusura precedente), lo spread sul Bund segna 259 bp (-6 bp) (dati MTS).

Mercati azionari europei incerti: Euro Stoxx 50 -0,2%, FTSE 100 +0,3%, DAX invariato, CAC 40 +0,1%, IBEX 35 -0,5%.

*Pochi minuti prima dell'apertura di Wall Street i future sui principali indici USA in parità: S&P 500 +0,01%, Nasdaq 100 -0,02%, Dow Jones Industrial +0,02%.

Bancari in rialzo grazie al recupero dei BTP* dopo che S&P ha confermato il rating dell'Italia a BBB e l'outlook negativo: l'indice FTSE Italia Banche segna +1,6%. In evidenza Banco BPM +3,1%, UBI Banca +3,3%, Intesa Sanpaolo +1,9%, UniCredit +1,8%. Molto bene anche Banca MPS +3,5%, uno degli istituti maggiormente esposti sul debito sovrano italiano. In controtendenza FinecoBank -1,3% e Banca IFIS -2,9%: quest'ultima però ha staccato un dividendo da 1,05 euro per azione (pari a oltre il 6%).

Sale anche Mediobanca, +1,2% a 9,5220 euro: Morgan Stanley conferma la raccomandazione overweight e incrementa il target da 10,30 a 11,30 euro.

*Negativi i petroliferi *con Eni -1,3%, Tenaris -0,8%, mentre Saipem +1,0% si muove in controtendenza. Il greggio recupera leggermente dai minimi dalla prima metà di aprile toccati in mattinata. Il future luglio sul Brent segna 71,50 $/barile, il future giugno sul WTI segna 63,15 $/barile.

Juventus Football Club -0,9% ancora debole dopo il -2,02% di venerdì. Sabato i bianconeri hanno pareggiato 1 a 1 con l'Inter a Milano, match di prestigio per la Serie A ma sostanzialmente inutile dato che La Juventus ha già in matematicamente vinto lo scudetto. Il titolo resta in flessione di circa il 25% rispetto ai massimi toccati prima dell'eliminazione dalla Champions League a opera dell'Ajax: la principale competizione europea è infatti fondamentale per i bilanci del club bianconero: nella relazione del primo semestre dell'esercizio 2018-2019 pubblicata a fine febbraio si legge: "L'esercizio 2018/2019, attualmente previsto in perdita, sarà come di consueto fortemente influenzato dall'andamento dei risultati sportivi ed in particolare della UEFA Champions League".