Piazza Affari in rosso con i dividendi. FTSE MIB -0,7%.

Il FTSE MIB segna -0,7%, il FTSE Italia All-Share -0,6%, il FTSE Italia Mid Cap -0,3%, il FTSE Italia STAR -0,4%.

Euro sui minimi da mercoledì scorso contro dollaro. EUR/USD al momento quota 1,1585 circa.

Mercati azionari europei negativi: EURO STOXX 50 -0,8%, FTSE 100 -0,2%, DAX -0,5%, CAC 40 -1,0%, IBEX 35 -0,4%.

Future sugli indici azionari americani deboli: S&P 500 -0,4%, NASDAQ 100 -0,5%, Dow Jones Industrial -0,3%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +0,75%, NASDAQ Composite +0,50%, Dow Jones Industrial +1,09%.

Mercato azionario giapponese in lieve calo, il Nikkei 225 stamattina ha terminato a -0,15%. Borse cinesi negative: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -1,16%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna -0,2%.

Avvio di seduta debole per la borsa italiana, anche a causa dello stacco del dividendo di alcuni titoli "pesanti" *tra cui Banca Mediolanum -4,5%, Unipol -3,8%, Generali -2,1%, Banca IFIS -3,9%, Marr -2,1%.

Stacco cedola anche per Intesa Sanpaolo -3,1%. Secondo Affari&Finanza di Repubblica il gruppo sta tenendo sotto osservazione banche e asset manager all'estero (soprattutto Olanda, Belgio e Spagna) per mettere a segno un'acquisizione ma al momento non sembrano esserci le condizioni. L'operazione resta sul tavolo in attesa di un clima migliore.

Buone performance nel risparmio gestito con Banca Generali +2,1%, Finecobank +0,6%, Azimut Holding +1,1%, Anima Holding +0,8%.

Incerti i bancari. L'indice FTSE Italia Banche segna -1,3% penalizzato dai dividendi di Intesa soprattutto e Banca IFIS. Lieve calo per Unicredit -0,2% e Banca MPS -0,2% dopo le notizie di stampa del fine settimana. Secondo La Stampa, Unicredit e Tesoro sono ancora distanti su MPS: le trattative andranno avanti fino al 28 ottobre, ovvero alla riunione del cda di Unicredit per l'approvazione dei risultati al 30 settembre e per il probabile annuncio dell'eventuale accordo sulla banca senese. Intanto Il Messaggero scrive che il governo sta trattando con Commissione UE un'estensione di 6 mesi del termine per la privatizzazione di MPS.

Vendite sul settore lusso: Moncler -1,6%, Brunello Cucinelli -2,5%, Salvatore Ferragamo -1,5%, Tod's -1,3%.

In rosso Atlantia -1,7% e Autogrill -3,2% con i dati sul traffico il rallentamento. Atlantia ha comunicato che è stato sottoscritto l'atto transattivo tra Autostrade per l'Italia "e il Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili. Tale firma posta a chiusura del procedimento di contestazione per presunto grave inadempimento avviato a suo tempo dal Concedente in seguito al tragico crollo del Ponte Morandi". L'accordo prevede il versamento di 3,4 miliardi di euro da ASPI al MISE.

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: negli USA alle 15:15 USA produzione industriale, alle 16:00 indice NAHB (mercato immobiliare), alle 22:00 acquisti netti att. finanziarie (l/term.).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)