Piazza Affari in rosso: nuovo peggioramento del clima USA-Cina. Spread in deciso rialzo. FTSE MIB -1,08%.

*Il FTSE MIB segna -1,08%, il FTSE Italia All-Share -1,03%, il FTSE Italia Mid Cap -0,73%, il FTSE Italia STAR -0,49%. Ieri il presidente USA Donald Trump ha affermato che un accordo sulla "fase 1" dei negoziati con la Cina potrebbe arrivare presto, ma in caso contrario sarebbe pronto ad alzare i dazi in modo consistente.

BTP deboli, spread in netto rialzo. *Il rendimento del decennale segna 1,33% (chiusura precedente a 1,32%), lo spread sul Bund segna 163 bp (da 157) (dati MTS).

Mercati azionari europei negativi: Euro Stoxx 50 -0,4%, FTSE 100 -0,3%, DAX -0,5%, CAC 40 -0,2%, IBEX 35 -1,6%.

Circa mezz'ora prima dell'apertura di Wall Street i principali indici USA sono in flessione: S&P 500 -0,3%, Nasdaq Composite -0,3%, Dow Jones Industrial -0,3%.

Prysmian -7,0% a 18,99 euro. Kepler Cheuvreux peggiora la raccomandazione sul titolo da buy a hold e riduce il target da 21,50 a 20,50 euro. Gli analisti tagliano le stime di utile per azione del 7,3% per il 2019 e del 7,9% per il 2020. I risultati dei primi nove mesi del 2019 sono stati inferiori alle attese. L'a.d. Valerio Battista nella call con gli analisti ha affermato che l'EBITDA adjusted 2019 sarà nella nella metà inferiore della guidance (0,95-1,02 miliardi di euro) e che i profitti dell'esercizio saranno più bassi della guidance a causa della debolezza nel settore telecom.

Bancari in netto ribasso, annullano il balzo di ieri. L'indice FTSE Italia Banche segna -1,7%, ancora peggio l'EURO STOXX Banks a -2,8%. A Milano UniCredit -2,3%, Banco BPM -2,2%, Intesa Sanpaolo -1,6%.

Petroliferi in flessione: il greggio scivola dai massimi di ieri pomeriggio e torna sui livelli di venerdì. Il future gennaio sul Brent segna 61,65 $/barile (da 62,70 circa), il future dicembre sul WTI segna 56,55 $/barile (da 57,40 circa). Saipem -2,5%, Tenaris -1,6%, Eni -0,9%.