Piazza Affari in verde, attesa per manovra economica. FTSE MIB +0,28%.

*Il FTSE MIB segna +0,28%, il FTSE Italia All-Share +0,11%, il FTSE Italia Mid Cap -1,13%, il FTSE Italia STAR -1,44%. Oggi pomeriggio il governo varerà il Documento Programmatico di Bilancio da inviare alla Commissione UE. Salgono le tensioni nell'esecutivo: l'M5S contesta il progetto di pace fiscale voluto dalla Lega.

Mercati azionari europei in verde: *Euro Stoxx 50 +0,3%, FTSE 100 +0,2%, DAX 30 +0,5%, CAC 40 invariato, IBEX 35 -0,1%.

*Pochi minuti prima dell'apertura di Wall Street i future sui principali indici USA sono in lieve calo (ma in rimonta dai minimi): S&P 500 -0,1%, NASDAQ 100 -0,2%, Dow Jones Industrial -0,1%.

Bene i petroliferi* con il greggio stabile sopra i minimi da fine settembre toccati venerdì. In evidenza Saipem (+2,1% a 5,0660 euro): Banca Akros conferma la raccomandazione buy e il target a 6,40 euro. Stamattina il gruppo ha annunciato l'aggiudicazione di tre contratti offshore in Azerbaigian, Mare del Nord e Repubblica del Congo per 400 milioni di dollari. Ricordiamo anche le indiscrezioni di fine settimana scorsa di Upstream (testata specializzata nel settore petrolifero) secondo cui Saipem è in buona posizione per aggiudicarsi buona parte delle commesse offshore da 3 miliardi di dollari che la saudita Aramco assegnera' entro poche settimane.

Positiva Eni (+1,3% a 15,8240 euro) su cui Equita venerdì aveva confermato la raccomandazione buy e incrementato il target da 18,50 a 19,50 euro. Dopo un incontro con l'a.d. Claudio Descalzi gli analisti del broker prevedono che la generazione di cassa del 2018 consentirà ad Eni di migliorare il ritorno per gli azionisti (via dividendo e buyback) e di avere comunque risorse disponibili per l'espansione tramite acquisizioni.