Piazza Affari migliore in Europa. Spread in rialzo. FTSE MIB +0,37%.

Mercati azionari europei incerti. Wall Street in verde: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,2%, NASDAQ Composite +0,2%, Dow Jones Industrial +0,1% (nuovi massimi storici per i tre indici). A Milano il FTSE MIB ha terminato a +0,37%, il FTSE Italia All-Share a +0,57%, il FTSE Italia Mid Cap a +2,01%, il FTSE Italia STAR a +2,30%.

BTP deboli, sale lo spread. Il rendimento del decennale segna 1,28% (chiusura precedente a 1,26%), lo spread sul Bund segna 165 bp (da 162) (dati MTS).

*Tra i dati macroeconomici pubblicati in giornata segnaliamo che negli USA le vendite di nuove abitazioni sono diminuite *a ottobre dello 0,7% rispetto al mese precedente, attestandosi a 733 mila unita', in calo rispetto alle 738 mila unità della rilevazione precedente (rivista da 701 mila unità). Le attese erano per un incremento mensile dell'1,1% a 709 mila unità. Il Conference Board ha comunicato che l'indice di fiducia dei consumatori USA a novembre si è attestato a 125,5 punti, in flessione dai 126,1 di ottobre (rivisto da 125,9) e sotto i 127 attesi dagli analisti. l'indice S&P/Case Shiller, che misura l'andamento dei prezzi delle abitazioni nelle 20 principali citta' americane, ha evidenziato nel mese di settembre un incremento del 2,1% rispetto allo stesso periodo del 2018, in crescita rispetto alla rilevazione precedente (+2%) e risultando pari al consensus. Rispetto al mese precedente l'indice è cresciuto dello 0,4% (consensus +0,3%) dal +0,2% precedente. Nel mese di ottobre negli USA la bilancia commerciale di beni (stima preliminare) ha segnato un deficit pari a 66,53 miliardi di dollari, in calo rispetto al disavanzo di 70,55 mld del mese precedente risultando inferiore alle attese fissate su un deficit di 71,3 mld. Le esportazioni sono diminuite di 0,9 miliardi di dollari a 135,3 miliardi e le importazioni sono scese di 5 miliardi di dollari rispetto al mese precedente, a 201,8 miliardi.