Piazza Affari poco mossa in attesa di notizie da Palazzo Chigi. FTSE MIB +0,16%.

*Mercati azionari europei positivi. Wall Street contrastata: *a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,2%, Nasdaq Composite -0,2%, Dow Jones Industrial +0,4%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +0,16%, il FTSE Italia All-Share a -0,01%, il FTSE Italia Mid Cap a -1,29%, il FTSE Italia STAR a -1,72%. Entro stasera il governo varerà il Documento Programmatico di Bilancio da inviare alla Commissione UE. Salgono le tensioni nell'esecutivo: l'M5S contesta il progetto di pace fiscale voluto dalla Lega.

Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, negli USA le vendite al dettaglio hanno evidenziato nel mese di settembre un incremento dello 0,1% m/m, pari alla lettura di agosto e dopo un incremento dello 0,7% a luglio, molto al di sotto delle attese fissate su un incremento dello 0,7%. L'indice escluso il comparto auto è diminuito dello 0,1% dal +0,2% della rilevazione precedente (rivisto da +0,3%). Le attese erano per un indice pari al +0,4%. L'indice Empire State Manufacturing (che misura l'andamento dell'attività manifatturiera di New York) si attesta nel mese di ottobre a 21,10 punti da 19 punti di settembre (ad agosto si era attestato a 25,6 punti) risultando superiore alle attese degli analisti fissate su un indice pari a 20,40 punti. Negli Stati Uniti e' stato reso noto che le Scorte delle imprese sono cresciute dello 0,5% ad agosto, risultando pari alle attese degli analisti ma inferiori al +0,7% della lettura precedente (rivista da +0,6%).

*Bene i petroliferi *con il greggio stabile sopra i minimi da fine settembre toccati venerdì. In evidenza Saipem (+2,06% a 5,0620 euro): Banca Akros conferma la raccomandazione buy e il target a 6,40 euro. Stamattina il gruppo ha annunciato l'aggiudicazione di tre contratti offshore in Azerbaigian, Mare del Nord e Repubblica del Congo per 400 milioni di dollari. Ricordiamo anche le indiscrezioni di fine settimana scorsa di Upstream (testata specializzata nel settore petrolifero) secondo cui Saipem è in buona posizione per aggiudicarsi buona parte delle commesse offshore da 3 miliardi di dollari che la saudita Aramco assegnera' entro poche settimane.