Il Consiglio di Amministrazione di SAES Getters S.p.A., riunito oggi a Lainate (MI), ha approvato il Bilancio Consolidato e il Progetto di Bilancio della Capogruppo SAES Getters S.p.A., che saranno esaminati dall'Assemblea Ordinaria degli Azionisti convocata, in unica convocazione, il 24 aprile 2018, alle ore 10.30.

• Fatturato consolidato a 231,1 milioni di euro, in crescita del 22,2% rispetto a 189 milioni di euro del FY 2016
• Fatturato complessivo di Gruppo a 244,9 milioni di euro, in crescita del 23,5% rispetto a 198,4 milioni di euro del FY 2016
• EBITDA consolidato a 50 milioni di euro (21,6% del fatturato), in forte crescita (+40,9%) rispetto a 35,5 milioni di euro (18,8% del fatturato) nel FY 2016
• Posizione finanziaria netta pari a –17,7 milioni di euro, in deciso miglioramento rispetto a -33,8 milioni di euro al 31 dicembre 2016, grazie alla forte generazione di cassa operativa
• Utile netto consolidato penalizzato dalla svalutazione (pari a 10,8 milioni di euro) di attività per imposte anticipate della Capogruppo
• Utile netto consolidato pari a 13,9 milioni di euro, ma escludendo il sopra citato write-off, utile netto pari a 24,6 milioni di euro (+75,6% rispetto a 14 milioni di euro nel FY 2016)
• Proposto un dividendo di euro 0,70 sia per azione ordinaria, sia per azione di risparmio
• Fatturato consolidato del primo bimestre 2018 pari a 39,7 milioni di euro, in crescita del 14,2% rispetto al 2017, nonostante la svalutazione del dollaro; crescita organica pari a +28,1%

"Il 2017 è stato un anno record per le vendite consolidate, in cui il Gruppo ha conseguito un obiettivo che la profonda crisi iniziata nel 2009 aveva allontanato, al punto da farlo sembrare irraggiungibile. Il fatturato complessivo ha inoltre sfiorato i 250 milioni di euro" - ha dichiarato l'Ing. Massimo della Porta, Presidente di SAES Getters S.p.A. "Tale risultato di fatturato è maturato grazie al fortissimo recupero dei settori tradizionali e alla continua crescita di quelli innovativi e si è tradotto in eccellenti risultati economico-finanziari, con l'EBITDA di poco inferiore ai 50 milioni di euro. La forte generazione di cassa operativa e il contenuto livello dell'indebitamento consentiranno al Gruppo di effettuare con serenità tutti gli investimenti necessari a sostegno della crescita, che oggi è il nostro principale obiettivo. L'inizio dell'esercizio 2018 conferma le favorevoli condizioni di mercato dell'anno precedente e prevediamo che il Gruppo continui a crescere, malgrado l'indebolimento del dollaro nei confronti dell'euro".