Webuild S.p.A. ("Webuild" o la "Società") annuncia le condizioni delle obbligazioni senior non garantite a tasso fisso legate a performance di sostenibilità (le "Obbligazioni"), i cui proventi netti saranno utilizzati per rifinanziare parte dell'indebitamento esistente e per scopi generali della Società. Massimo Ferrari General Manager del Gruppo ha commentato: "Il successo del collocamento del sustainability linked bond di Webuild conferma il significativo apprezzamento, da parte della comunità finanziaria internazionale e nazionale, della strategia di Webuild perseguita negli ultimi anni e rappresenta inoltre un segnale di fiducia sull'Italia e sulla sua capacità di realizzare gli obiettivi del PNRR per le infrastrutture. La nuova emissione obbligazionaria, di €400 milioni con maturity nel 2026, segue gli straordinari risultati finanziari preliminari del 2021 del Gruppo, che ha visto una posizione finanziaria netta positiva e una forte riduzione del debito lordo, nonostante la persistente incertezza sull'economia globale legata all'andamento epidemiologico. Ciò a conferma della correttezza delle scelte strategiche recentemente implementate, quali la realizzazione di Progetto Italia e il riposizionamento in paesi a basso rischio. Continueremo a mobilitare tutte le risorse e le energie per garantire salute e sicurezza sul lavoro, sostenibilità delle infrastrutture e generazione di cassa a beneficio di tutti gli stakeholder, quali presupposti fondamentali per continuare il processo di crescita e contribuire alla stabilizzazione del settore con tutta la filiera." L'importo complessivo in linea capitale delle Obbligazioni è pari a €400 milioni. La data di scadenza delle Obbligazioni è il 28 luglio 2026 e la relativa cedola annuale è del 3,875%. L'emissione, la prima per la Società nel mercato "Sustainability-Linked", dimostra l'impegno di Webuild a integrare pienamente la sostenibilità nella propria strategia di business, inclusa quella finanziaria. La nuova emissione è legata al raggiungimento dell'obiettivo di riduzione del 50%, entro il 2025, della carbon intensity emissions (Scope 1 & 2), contribuendo all'avanzamento degli obiettivi di sviluppo sostenibile ("SDG") fissati dalle Nazioni Unite - SDG 9 (Industry, Innovation and Infrastructure) e 13 (Climate Action), in linea con il Sustainability Linked Financing Framework di Webuild. Questa operazione contribuisce ad ottimizzare ulteriormente il profilo del debito corporate, estendendo la durata media a 3,7 anni, con oltre il 90% delle scadenze a partire dal 2024 e incrementando la componente a tasso fisso a oltre l'85%. Durante il collocamento sono stati raccolti ordini per circa Euro 900 milioni, in esubero per oltre 2,2 volte, con una domanda rilevante da parte di investitori nazionali e internazionali, provenienti soprattutto da Gran Bretagna, Germania e Francia. Le Obbligazioni saranno riservate esclusivamente a investitori qualificati, con esclusione di collocamento negli Stati Uniti d'America ed altri paesi selezionati, e saranno quotate presso il Global Exchange Market della Borsa di Dublino (Euronext Dublino). L'emissione delle Obbligazioni è prevista per il 28 gennaio 2022. BofA Securities Europe SA, Goldman Sachs International, Intesa Sanpaolo S.p.A. – Divisione IMI Corporate & Investment Banking, Natixis e UniCredit Bank AG agiscono in qualità di Joint Lead Managers, e Banca Akros S.p.A. – Gruppo Banco BPM, Banco Bilbao Vizcaya Argentaria S.A. e BNP Paribas agiscono in qualità di CoManagers.

(RV - www.ftaonline.com)