Il bonus vacanze è accessibile a tutti gli italiani che vogliono utilizzarlo per i mesi estivi, fino alla fine dell'anno. Eppure sono molte le critiche intorno a questa misura di sconto che permette ai cittadini di risparmiare sulla spesa per il pernottamento presso hotel, alberghi e villaggi turistici.

Chi vuole utilizzare il bonus vacanze per questa estate deve necessariamente aver presentato richiesta l'anno scorso, durante il 2020. Non avendo ancora utilizzato il bonus messo a disposizione lo scorso anno, è possibile avvalersi di questo sconto per l'estate 2021.

Eppure il bonus vacanze è considerato un vero e proprio flop da moltissimi italiani, perché non è possibile richiederne uno nuovo per l'anno in corso, e deve essere utilizzato entro il 2021, come spiega Tg24.sky.it:

"Non è prevista al momento dal governo una riapertura dei termini per le domande per ottenere il contributo sui soggiorni in Italia, né uno slittamento delle date per l’utilizzo dell’incentivo."

E’ alta la delusione di moltissimi italiani, che lo considerano un bonus flop per l'anno in corso. Saranno effettivamente pochi quelli che riusciranno a utilizzare il bonus vacanze 2021, e va ricordato che non tutte le strutture ricettive lo accettano. Vediamo come funziona e come utilizzare lo sconto per l’estate in corso.

Bonus vacanze 2021 per chi non l’ha richiesto: un flop!

Il bonus vacanze 2021 in particolare risulta essere un vero e proprio flop per chi non l'aveva richiesto nel 2020, a cui viene negato anche quest’anno. Inoltre il funzionamento del bonus vacanze quest'anno non è lo stesso dell'anno scorso.

Il bonus vacanze 2021 non si può nuovamente richiedere, ma si può solo sfruttare quello non utilizzato nel 2020. La delusione per questo sistema è alta, e non è neanche previsto, successivamente all'estate 2021, che venga introdotto un nuovo bonus vacanze per i prossimi anni.

Questa misura potrebbe quindi scomparire, e di fatto scadrà il 31 dicembre 2021. Attualmente per l'estate il bonus può essere una valida possibilità di ottenere uno sconto per il pernottamento presso un hotel o un albergo aderente all'iniziativa.

Eppure sono moltissimi italiani che vedono questo bonus come un vero e proprio flop per quest'estate, pur avendo comunque la necessità di continuare a risparmiare anche per trascorrere le vacanze.

Come funziona il bonus vacanze 2021

Per chi può utilizzare questo bonus vacanze 2021 per l'estate, ricordiamo le modalità di fruizione: è possibile accedere a questo sconto purché la situazione ISEE complessiva del nucleo familiare non sia superiore a 40.000 euro annui.

Il bonus è diverso a seconda dei componenti del nucleo familiare. Una famiglia con almeno tre componenti può anche chiedere 500 euro di bonus vacanze 2021, mentre una famiglia che è composta da una coppia di persone può accedere a 300 euro. Nel caso in cui a chiedere il bonus vacanze per quest'anno sia una persona singola, lo sconto equivale a 150 euro.

Una delle novità interessanti per quest'anno, che potrebbe essere utile per l'estate, riguarda la possibilità di utilizzare il bonus vacanze, purché sia stato richiesto nel 2020, anche presso le agenzie di viaggio.

Questo significa che per usufruire del bonus vacanze 2021 si può decidere di ricevere uno sconto direttamente dalla struttura ricettiva aderente, oppure tramite una agenzia specializzata nell'organizzazione dei viaggi.

Stop bonus vacanze: diremo addio alla misura

Il bonus vacanze 2021 risulta essere una continuazione di quello richiesto nel 2020, per chi ancora non l'ha utilizzato. Questo significa che tutte le ipotesi di proroga del bonus sono state annullate. Una delle note positive di cui si può tenere conto è il fatto che il bonus vacanze in questo caso si può usare non solamente per le vacanze estive, ma anche per eventuali viaggi durante la stagione invernale, fino a fine dicembre.

Non è ancora chiaro se verranno introdotte altre misure a favore delle vacanze per gli italiani, anche se si può dire con chiarezza che il bonus vacanze non è stato richiesto da moltissimi italiani.

Si tratta di un flop anche a livello di numero di beneficiari: non sono stati così tanti gli italiani che hanno utilizzato questa forma di sostegno per pagare il proprio soggiorno, dal 2020 ad oggi. Come spiega Stream24.Ilsole24ore.com il governo ha deciso di incentivare l'uso del bonus dello scorso anno proprio perché spesso gli italiani hanno scelto di non utilizzarlo:

"Il mezzo flop del Bonus Vacanze: 1.885.802 i voucher generati alla scadenza del 31 dicembre 2020 per un controvalore economico di 829.431.050 euro, e meno della metà quelli sinora utilizzati."

Bonus vacanze 2021: a chi richiederlo?

Per il bonus vacanze 2021, è ancora valida la modalità di utilizzo che è stata messa disposizione lo scorso anno: sarà possibile utilizzarlo se, avendo installato sul proprio cellulare l'applicazione ufficiale "Io", sia stata compilata correttamente la richiesta.

Per utilizzare il bonus bisogna sempre considerare che non tutte le strutture ricettive aderiscono all'iniziativa, è bene informarsi al momento della prenotazione e chiedere se questo avviene.

Nel momento in cui si è scelta una struttura ricettiva che accetta questo tipo di pagamento, è necessario procedere al pagamento sul posto presentando il proprio bonus vacanze 2021. Lo sconto sarà così suddiviso:

• 80% del bonus vacanze 2021: verrà utilizzato per il pagamento diretto in hotel;

• 20% del bonus vacanze 2021: verrà utilizzata come detrazione fiscale, portato a credito con la dichiarazione dei redditi.

Se si utilizza il bonus vacanze bisogna ricordare questa distinzione, e non dimenticare il 20% di credito applicabile a livello fiscale. In ogni caso è possibile utilizzare per l'estate questo sconto, nel caso in cui le spese vengono sostenute presso un'unica struttura ricettiva, da un unico componente della famiglia.

Per questo motivo non è possibile dilazionare il bonus vacanze 2021 in periodi diversi, sia per l'estate che per l'inverno. È necessario scegliere una località è una struttura ricettiva in cui utilizzare questo sconto.

Vacanze 2021 più care per gli italiani

Per gli italiani quest'anno è complesso dal punto di vista economico, non solamente perché la crisi ancora è in agguato, ma soprattutto per l'aumento dei prezzi che sta coinvolgendo numerosi beni e servizi ad uso dei cittadini.

In particolare per le vacanze di questa estate di italiani si troveranno molto probabilmente a spendere molto di più rispetto agli scorsi anni per fare il pieno per la propria automobile, per il motoveicolo o per il camper.

Questo è dovuto al rialzo dei prezzi della benzina a cui si sta assistendo in questo periodo. In linea generale infatti stanno aumentando le spese per l'acquisto di materie prime, per questo motivo gli italiani vedranno un'impennata di aumenti per beni essenziali: per fare il pieno alla propria auto, e per pagare le bollette domestiche come il gas e l'elettricità.

Indubbiamente si tratta di un'estate che lascia un po' di amaro in bocca sia per questo aumento esponenziale di prezzi, sia per il flop del bonus vacanze 2021. Questa estate la vacanza per gli italiani potrebbe mediamente costare di più, e probabilmente non tutti sceglieranno di viaggiare.

Bonus vacanze 2021 e attività ricettive

Per le attività ricettive che si dimostrano interessate a ricevere il bonus vacanze 2021 come pagamento, sul sito dell'Agenzia delle Entrate esiste un’area riservata proprio per le strutture, e come spiega info-alberghi.com la struttura che accetta questo tipo di pagamento può recuperare lo sconto in due modi diversi:

Credito di imposta: si può utilizzare il modello F24 con Codice Tributo "6915" per compensazione del pagamento di alcune imposte;

Cessione ai fornitori: è possibile cedere questo credito ai fornitori di beni o servizi.

Per le attività ricettive è bene collegarsi al sito dell'Agenzia delle Entrate per conoscere le modalità specifiche per accettare questo tipo di pagamento.

Per chi vuole utilizzare il bonus vacanze 2021 per quest'estate, è raccomandato informarsi precedentemente, o rivolgersi ad una agenzia di viaggi che possa essere un intermediario per poter sfruttare lo sconto presso una struttura aderente.

Bonus vacanze 2021 e genitori separati: come funziona

Uno dei dubbi emersi dall'utilizzo di questo sconto riguarda quelle situazioni in cui sono presenti genitori separati in famiglia con figli minori. Come spiega in un articolo della collega Laura Pellegrini, l'Agenzia delle Entrate ha dato una risposta per questa situazione specifica:

"L’Agenzia delle Entrate ha chiarito ogni dubbio: l’agevolazione spetta solo a quel genitore nel cui ISEE rientra anche il figlio minore, quindi il genitore che ha a carico fisicamente il minore."

Questo significa che il bonus vacanze 2021 ha la precedenza al genitore che si occupa direttamente del figlio minore. Comprenderne le motivazioni è piuttosto semplice: per poter utilizzare lo sconto è necessario presentare una dichiarazione ISEE relativa al reddito complessivo del nucleo familiare.

A questo proposito fa riferimento la situazione fiscale in cui uno dei genitori ha a proprio carico il figlio minore, e presenta un’attestazione ISEE non superiore a 40.000 euro.

Estate 2021: la riapertura del turismo

Con l'estate 2021 si intravede una ripresa del turismo, e si prospetta questo proposito che possa arrivare un momento favorevole a livello economico per un settore che è stato uno dei più colpiti dalla crisi da quando è scoppiata la pandemia.

Va ricordato che per garantire una ripresa del turismo è stato istituito dal governo un Ministero apposito, e secondo gli ultimi dati in ogni caso si avrà un aumento di fatturato in questo settore, con andamento positivo. Moltissimi italiani hanno già prenotato la propria struttura ricettiva per trascorrere le vacanze estive, e anche per la stagione invernale si prospettano buoni risultati.

In questo mese è possibile che molte attività che sono state chiuse per mesi rivelano finalmente un'apertura, come le piscine e i centri termali, i locali aperti al pubblico e le attività connesse a eventi anche di grandi dimensioni.

Tra tutte le misure di sicurezza messe a punto per limitare un'ulteriore diffusione del contagio, ricordiamo che l'Europa ha deciso di istituire il green pass, il passaporto che garantisce la possibilità di viaggiare attestando di aver ricevuto la vaccinazione, essere guariti dal Covid-19 o aver effettuato un tampone con esito negativo.