A solo 3 settimane dal raggiungimento dell'obiettivo del 4 luglio stabilito dal presidente Joe Biden di vedere il 70% di tutti gli adulti americani con almeno 1 dose di vaccino COVID-19, i tassi di vaccinazione nazionali scendono clamorosamente in tutto il paese, a meno di 1 milione di dosi somministrate al giorno.

Si tratta di un calo esorbitante  di oltre il 70% rispetto al picco nazionale di 3,4 milioni di dosi al giorno somministrate ad aprile, secondo un'analisi del Washington Post .

Il rallentamento si sta verificando a livello nazionale, ma in alcuni stati più di altri. Per esempio nel Sud e nel Midwest. In Alabama, solo 4 persone ogni 10.000 residenti si sono vaccinate la scorsa settimana.

C'è da dire, però, che 13 stati hanno raggiunto l'obiettivo di Biden e altri 15 stati hanno vaccinato ben oltre il 60% della loro popolazione adulta e si prevede che raggiungeranno serenamente l'obiettivo del 4 luglio.

Ma in 15 stati, secondo un'analisi del New York Times , circa la metà degli adulti si è vaccinata con almeno una dose. Questo sta provocando preoccupazione negli esperti che temono un'ondata estiva e autunnale del virus.

Sempre più americani rifiutano il vaccino J&J

Dopo una pausa di 11 giorni ad aprile per indagare su rischi di trombosi legati al al vaccino J&J, la domanda e l'interesse per il vaccino monodose di Johnson & Johnson COVID-19 sono diminuiti sensibilmente in tutti gli Stati Uniti.

Quasi la metà dei 21 milioni di dosi prodotte per gli Stati Uniti è rimasta inutilizzata. Durante l'ultima settimana di maggio, meno di 650.000 americani hanno ricevuto il vaccino.

CDC: "i vaccini a mRNA riducono l'infezione del 91%"

Secondo un nuovo studio dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) i vaccini a MRna riducono il rischio di infezione del 91% per le persone completamente vaccinate.

I risultati provengono da 4 settimane di dati aggiuntivi aggiunti allo studio HEROES-RECOVER di CDC sugli operatori sanitari, i primi soccorritori, i lavoratori in prima linea e altri lavoratori essenziali.

Un totale di 3.975 partecipanti si sono autosomministrati tamponi nasali per 17 settimane consecutive per valutare l'efficacia dei vaccini: dopo una dose di vaccino mRNA, il rischio di infezione era dell'81%; dopo la vaccinazione completa, la protezione è aumentata al 91%.

"I vaccini COVID-19 sono uno strumento fondamentale per superare questa pandemia", ha affermato il direttore del CDC Rochelle Walensky, in un comunicato stampa .

"I risultati del lungo periodo provano che i vaccini mRNA COVID-19 sono efficaci e dovrebbero prevenire la maggior parte delle infezioni, e che le persone completamente vaccinate che ancora contraggono COVID-19 dovrebbero avere una sintomatologia più lieve e più breve e meno probabilità di diffondere il virus agli altri. Questi benefici sono un altro motivo importante per vaccinarsi".

Il conteggio dei casi negli Stati Uniti continua a diminuire

Gli Stati Uniti hanno riportato ieri 5.395 nuovi casi di COVID-19 e 251 decessi, secondo il tracker COVID-19 di Johns Hopkins . 

Il CDC COVID Data Tracker mostra che negli Stati Uniti sono state consegnate 371.520.735 dosi di vaccino COVID-19 e sono state somministrate 301.368.578, con 138.969.323 americani completamente vaccinati.

Ma meno del 25% dei neri americani ha ricevuto la prima vaccinazione contro il COVID-19,  nonostante gli sforzi per accelerare la vaccinazione nelle comunità minoritarie. Il vicepresidente Kamala Harris è stato scelto per guidare un tour di vaccinazione negli Stati del sud per tentare di convincere le comunità nere, molto scettiche ed esitanti sul vaccino. 

Mentre gli Stati Uniti tentano di combattere la diffusa esitazione nei confronti del vaccino e persuadere più americani a farsi vaccinare contro il Covid-19, un nuovo sondaggio di Morning Consult rileva che gli Usa hanno la percentuale di scettici più alta, superati solo dalla Russia. Altri paesi scettici sono l'Australia e la Corea del Sud.

Tra i 40.408 intervistati statunitensi intervistati tra il 25 e il 31 maggio, il 31% non era disposto a vaccinarsi o incerto sul da farsi.

La Russia ha avuto il più alto tasso di esitazione al vaccino con il 53% di riluttanza o incertezza, seguita da Australia (37%), Corea del Sud (33%), Giappone (33%) e Francia (31%).

Anthony Fauci: "I vaccini sono indispensabili per raggiungere l'immunità di gregge"

A dicembre, Anthony Fauci dichiarò che sarebbe stato necessario vaccinare una percentuale dal 70 all'85% della popolazione americana per poter ottenere "l'immunità di gregge" contro SARS-CoV-2.

Sin dai primi mesi della pandemia di COVID-19, per"immunità di gregge" si è sempre intesa una percentuale sufficiente di persone  immune al virus che permetterebbe di porre fine al  distanziamento sociale e che non renda più gli ospedali sovraffollati. 

Ma quando raggiungeremo l'immunità di gregge? Anche se Fauci e altri scienziati tentando di stabilire una data e una percentuale, devono fare i conti sia con l'incomprensione pubblica del termine sia con il disaccordo scientifico su cosa significhi davvero "immunità di gregge".

Il concetto di immunità di gregge ha una definizione più sfumata rispetto al suo uso popolare, questo è uno dei motivi per cui prevedere quando lo raggiungeremo rimane difficile. 

Alla domanda sulla sua definizione di immunità di gregge, l'epidemiologo delle malattie trasmissibili Paul Fine risponde: "La maggior parte degli epidemiologi ora inquadra il concetto come una percentuale di persone immune tale da permettere la diminuzione delle infezioni".

Tecnicamente, quindi, una popolazione può raggiungere l'immunità di gregge anche con bassi livelli dell'agente patogeno ancora in circolazione, il che significa che non sarà necessario debellare il virus per sempre

Fine continua dicendo: "I dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), rilasciati alla fine di marzo e focalizzati sugli operatori sanitari e altro personale essenziale, suggeriscono che i vaccini Moderna e Pfizer-BioNTech a RNA messaggero forniscono un alto grado di protezione dalle infezioni, ma ci sono ancora  pochi dati per sapere quanto gli attuali vaccini ridurranno la trasmissione. I risultati delle prove mostrano già  una parte dei vaccinati sarà ancora infettata, sebbene anche il numero reale rimanga poco chiaro".

I ricercatori dovrebbero sapere bene quanto i vaccini prevengano anche le infezioni asintomatiche e la trasmissione da parte di coloro che vengono infettati. Ma al momento su questi argomenti non si ha alcun dato certo. 

I vaccini indispensabili per l'immunità di gregge, ma quest'ultima potrebbe essere solo un miraggio

Anche tra gli scienzati "alcuni dei nostri colleghi sono in disaccordo tra loro" sulla definizione di immunità di gregge, afferma il biologo Joshua Weitz del Georgia Tech di Atlanta.

Le popolazioni sviluppano l'immunità attraverso una combinazione di vaccinazione e infezioni naturali, afferma Weitz, anche se il percorso sicuro ed etico per raggiungere l'immunità di gregge è attraverso le vaccinazioni.

Ma se l'immunità di gregge è un concetto troppo sfuggente, allora qual è il modo migliore per capire c ome finisce la pandemia?

Un punto chiave è che la "fine" della pandemia probabilmente non significherà la fine del virus. Pochi scienziati pensano che l'eradicazione di SARS-CoV-2 sia davvero possibile nel prossimo futuro.

Molti, incluso l'epidemiologo Lavine, credono invece che il virus alla fine sarà solo domato attraverso una combinazione di resistenza acquisita naturalmente e indotta dal vaccino, che non farà sparire il virus dalla terra, ma piuttosto lo trasformerà in una malattia più benigna; diventerà un coronavirus endemico che causa il raffreddore. 

Immunità di gregge transitoria, cos'è?

Di solito quando le infezioni raggiungono l'apice, il numero dei casi inizia a diminuire durante un periodo refrattario in cui si presume che un'ampia parte della popolazione sia immune. Questo sarebbe il punto in cui la popolazione supera la soglia di immunità di gregge, afferma Lavine: non ci sono più abbastanza individui suscettibili per supportare lunghe catene di trasmissione virale.

Ma se il virus continua a evolversi o l'immunità svanisce nel tempo, diciamo in sei mesi o un anno dopo l'infezione o la vaccinazione, quando le persone diventano vulnerabili alla reinfezione, le catene di trasmissione ricominceranno e le condizioni dell'immunità di gregge non sarebbero più soddisfatte. "Il nostro gruppo ha iniziato a chiamarla 'immunità transitoria di gregge'", afferma Lavine.

Manaus, la settima città più grande del Brasile, offre un esempio inquietante di come potrebbe essere l'immunità di gregge transitoria.

Sulla base dei casi e dei test sugli anticorpi, i ricercatori hanno stimato alla fine dello scorso anno che il 76% della popolazione di Manaus era già stata infettata dal virus.

Quando i ricoveri si sono stabilizzati e poi sono diminuiti, sembrava che la città avesse superato la soglia teorica di immunità di gregge.

Tuttavia, le infezioni sono decollate e i decessi sono aumentati di nuovo all'inizio del 2021. Una maggiore sorveglianza genomica e monitoraggio delle infezioni dovrebbe aiutare i ricercatori a capire se l'immunità è calata e dopo quanto tempo e se una nuova variante altamente contagiosa denominata ha contribuito a un aumento degli infetti. 

Il virus può mutare diventando più contagioso e mortale, o potrebbe mutare diventando più contagioso, ma meno virulento, come un raffreddore. Potrebbe farlo per tentare di sopravvivere.  

A dicembre, quando Fauci ha stimato che più del 67%, della popolazione americanaavrebbe dovuto essere vaccinato per raggiungere la soglia di immunità di gregge, molto probabilmente si stava riferendo al fatto che questi tipi di vaccini sono "imperfetti, che l'immunità naturale non si sa quanto duri, e che inoltre ci sono le varianti. 

Con così poche certezze stabilire quando si potrà raggiungere l'immunità di gregge è un miraggio. I ricercatori e i funzionari della sanità pubblica potrebbero aver bisogno di un modo diverso per descrivere la fine della pandemia e il ritorno alla "normalità" che non sia l'immunità di gregge.