Sentiamo sempre più spesso parlare dei conti correnti per giovani, l’esigenza di questi ultimi di ottenere un proprio conto corrente personale è cresciuta negli anni; rendendo il conto corrente essenziale anche solo per poter lavorare.

Ma quando si tratta di conto corrente giovani a cosa bisogna stare attenti?

Conto corrente e conto corrente giovani: cosa cambia?

Il conto corrente, come sappiamo e come abbiamo potuto appurare anche in questo articolo, non è nient’altro se non una sorta di salvadanaio virtuale che al posto che essere gelosamente custodito nelle nostre mura domestiche, viene custodito dalle banche.

Quindi, questo strumento permetterebbe di racimolare o cumulare denaro, di spenderlo, inviarlo e di riceverlo.

Quest’ultima possibilità è quella che porta la maggior parte dei giovani ad aprire un conto corrente bancario non appena si immettono nel mondo del lavoro.

Questo poiché per un contratto – anche solo come stagista o tirocinante o i vari Garanzia Giovani – di lavoro sarà necessario rilasciare un IBAN su cui il datore di lavoro potrà bonificare lo stipendio mensile del dipendente.

Ma qual è l’effettiva differenza fra un conto corrente bancario “normale” ed uno destinato unicamente ai giovani?

Le clausole di adesione, sono la principale differenza.

Siccome, come abbiamo appena visto, solitamente i giovani che si avvicino al mondo dei conti correnti bancari lo fanno per poter ottenere versato il proprio stipendio – che come sappiamo bene, non potrà essere così ingente visto che si è appena iniziato a lavorare – le banche riservano a questi ultimi dei contratti particolari.

Proprio tenendo conto di questa “peculiarità”, solitamente i contratti riservati ai giovani – di solito under 36 – non hanno un canone fisso e quindi per poter usufruire di questo conto corrente il giovane non dovrà pagare nessuna quota mensile o annuale.

 Per lo stesso motivo, molto spesso in questi contratti vengono omaggiati un numero predefinito di operazioni mensili, per poter permettere al giovane lavoratore di gestire il suo stipendio con flessibilità e senza troppe spese extra.

Un’altra peculiarità sta nella forma dei conti correnti per i giovani: questi ultimi vengono aperti, sottoscritti e mantenuti – di solito – online. 

Difatti, questi conti correnti permettono ad una fascia di pubblico più giovane e quindi “più smart” di poter evitare appuntamenti in loco, lunghissime code e/o i temuti assembramenti.

In questo modo sarà, dunque, possibile grazie a pochi tap del dito indice sul proprio smartphone, inviare i propri documenti e aprire un conto corrente gratuito riservato ai giovani e molto spesso canone zero, fino ad una certa soglia di età.

Ma vediamo insieme, in quale caso è davvero conveniente aprire un conto corrente per i giovani.

Conto corrente giovani: quando conviene?

Conto corrente giovani non vuol dire unicamente un giovane lavoratore – sebbene una grossa fetta di utenti che si affidino ai conti correnti giovani ricada in questa descrizione – ma può riferirsi anche ad un giovane universitario fuorisede.

Un conto corrente, infatti, permetterebbe ai genitori di inviare i soldi necessari a foraggiare lo studente e i suoi studi nel periodo in cui si trova fuori sede.

A questi ultimi, vengono spesso dedicate offerte specializzate, con annessi sconti per mostre d’arte, accessi ai musei o a teatro ed altre attività.

Per questi utenti è previsto un canone zero e la possibilità di gestire la carta di credito o debito annessa al conto corrente giovani con un range di operazioni gratuite mensilmente.

Discorso molto simile per quanto riguarda i succitati giovani lavoratori, i quali non potrebbero ancora sostenere i costi di un canonico conto corrente bancario con il canone fisso mensile e le spese di gestione e quindi necessitano di un conto flessibile che cresca insieme al giovane e gli permetta di seguirlo nelle tappe importanti e nel risparmio di propri soldi.

Quindi, in ogni caso, se si è un giovane lavoratore o un giovane studente – magari fuori sede – il conto corrente bancario giovani conviene.

Ma a cosa bisogna fare attenzione?

Conto corrente giovani: occhio alle clausole!

Rispetto ad alcuni anni fa, gli istituti bancari che offrano dei conti correnti bancari riservati ai giovani sono sicuramente aumentati e così anche le offerte dedicate ai giovani.

Ma aumentata l’offerta, diventa difficile a volte comprendere quale sia quella che meglio si confà alle nostre aspettative ed esigenze e quale, invece, non coincide economicamente o burocraticamente con ciò che cerchiamo.

Ecco perché è importante valutare attentamente le clausole presenti in ogni singolo contratto di apertura di un conto corrente giovani, prima di stipularlo.

Se siete un giovane lavoratore non vi servirà aprire un conto corrente per giovani studenti universitari e se invece siete dei giovani studenti universitari potreste perdervi delle bellissime promozioni aderendo ad un canonico contratto per un conto corrente giovani, principalmente pensato per i lavoratori.

Conto corrente giovani: quali convengono?

Quali sono, dunque, i conti correnti per giovani più convenienti?

Come leggiamo sul sito mondo-prestiti.it, esistono varie offerte dedicate ai giovani da parte di svariati enti bancari.

Vediamo di seguito alcuni di loro:

Hello bank! – come possiamo vedere sul loro sito è una di quelle banche pensate prevalentemente per i giovani. Difatti, come accennato precedentemente, questo tipo di banca è una di quelle che rende possibile ogni singola operazione – dall’apertura al monitoraggio del conto corrente giovani – online, senza bisogno di recarsi nella sede fisica della filiale della banca e attendere code interminabili.

  • Hello Bank! – per chi ha meno di 30 anni – è a canone zero, fruibile da cellulare, tablet o pc grazie all’home banking, senza spese di gestione e con la possibilità di effettuare bonifici gratuiti. 
    Per i giovani viaggiatori, inoltre, permette di effettuare prelievi gratuiti all’estero e presso qualsiasi istituto bancario.

Un’altra iniziativa legata ai giovani e che ha fatto parecchio chiacchierare di sé, grazie alla sua pubblicità effettuata magistralmente tramite Youtuber ed Influencers, è quella legata al conto corrente giovani N26.

Anch’essa rientra fra le banche online, che permette di aprire il proprio conto corrente semplicemente utilizzando il proprio smartphone, non ha spese di gestione e – oltre a delle comode notifiche push delle spese effettuate – permette di monitorare l’andamento dei propri risparmi.

Sempre rimanendo nell’ambito dei conti correnti online – questa volta con alle spalle una realtà come la Banca Sella – vi è il conto corrente giovani Hype, il quale al suo esordio permetteva a chiunque facesse aprire ad altri amici o conoscenti un conto Hype col proprio codice, di ottenere delle ricariche in denaro o dei buoni Amazon di diversi valori.

Il conto Hype è completamente gestibile attraverso l’app apposita.

Su quell’ultima si può visionare la carta di debito associata – sia fronte che retro – e visualizzare il PIN associato in ogni momento.

Si possono inoltre monitorare gli andamenti dei propri risparmi.

Ha un IBAN incorporato su cui ricevere i bonifici  e – chicca aggiuntiva – permette dei bonifici istantanei e gratuiti fra possessori di carta Hype.

Vi è, inoltre, la possibilità di ottenere il cashback sulle spese.

Unica vera “pecca” del conto corrente per giovani Hype, ideato da Banca Sella, è il suo limite nella sua versione gratuita.

A differenza della versione Hype Next – a pagamento – Hype ha un range massimo di utilizzo pari a 2500,00€, oltre ad un limite di ricarica giornaliera di 1000€.

Passiamo ora al conto corrente per giovani Widiba.

Widiba è una banca online che permette al giovane lavoratore o giovane studente di ottenere il proprio conto corrente gratuito per i primi due anni di fruizione, vi sono delle carte di credito personalizzabili e può essere facilmente integrata sia con Google Pay che con Apple Pay.

Inoltre, permette di ottenere un conto di deposito con remunerazione con percentuale pari al 1,5%, prestiti con TAEG al 7,18% e la possibilità di aprire il proprio conto corrente semplicemente uploadando i propri documenti sull’app apposita o sul sito, senza code o appuntamenti in loco.

Ma non dimentichiamoci dei soliti colossi!

Non crediate che banche come Unicredit, Intesa San Paolo e Che Banca! si siano tirate indietro davanti a questa sfida.

Che Banca! ad esempio è stata una delle pioniere dell’online, rendendosi una delle prime banche completamente online.

Essendo una banca piuttosto rinomata oltre ai servizi dedicati ai più giovani propone tutti i servizi canonici legati ad un istituto bancario, come prestiti e mutui.

Anche l’Unicredit ha puntato sulle nuove generazioni proponendo conti correnti under 25 – arrivando fino ai 17 anni d’età – e creando dei pacchetti personalizzati per studenti che vogliano finanziare i propri studi o ancora propone mutui a tassi agevolati per i giovani.

Infine, ricordiamo Banca Intesa San Paolo, che oltre a proporre conti correnti dedicati ai giovani  con carte di debito e/o credito annesse, propone finanziamenti e mutui dedicati ed è stata una delle prime a proporre mutui al 100% per gli under 35.

Siete ancora indecisi su quale sia il conto corrente giovani più conveniente nel 2021?

Di seguito vi lasciamo un video del canale Youtube di Leonardo Pinna che si intitola: I migliori conti correnti del 2021 a zero spese!