Sono arrivati alla fine? Cosa possono fare di più? Intendo naturalmente dire: cosa possono fare di peggio?

Beh, forse raddoppiare il costo dei tamponi, o proprio renderli non più idonei per avere il green pass, quindi di fatto costringere alla vaccinazione tutta la popolazione.

Comunque il fatto rilevante è capire, dopo che avranno raggiunto il massimo della coercizione,  della costrizione, della repressione, capire quante persone avranno resistito e quindi se queste persone saranno in numero sufficiente per, di fatto, bloccare l’Italia.

Certo anche se oggi dovessero finire tutte le angherie di questo malefico Governo ci vorrebbe molto tempo prima di tornare alla normalità e sappiamo invece che, purtroppo, il peggio questo Governo deve ancora darlo, quindi …

Perché per tornare alla normalità ci vorrebbe molto tempo? Ma semplicemente perché il danno maggiore è stato proprio la rottura dei legami sociali e familiari che, per gli italiani, erano alla base della loro vita.

Questa storia ha provocato una serie di rotture, fra padri e figli, fra fratelli e sorelle, fra mariti e mogli, fra amici, colleghi, vicini di casa, insomma tutta quella rete di rapporti che da sempre ha contraddistinto il nostro viver comune.

Quei rapporti non si sono soltanto rotti, si sono lacerati, quindi ricucirli sarà un’impresa titanica, forse impossibile, uno strappo forse si può ricucire, una lacerazione … no!

Questo è il danno maggiore che è stato arrecato alla nostra società, poi c’è un danno fisico, cioè un danno alla salute, quindi uno economico. 

Per quanto riguarda il danno che ho definito “fisico”, beh, è sotto gli occhi di tutti.

Ormai siamo arrivati anche ad uccidere adolescenti sani. Quattordicenni, sedicenni, e, come se ciò non bastasse si arriva pure a parlare di vaccinare i bambini sotto i dodici anni.

Come si può arrivare a questi punti?

E non dobbiamo neppure dimenticare una cosa importantissima: e cioè che gli adolescenti ed i bambini saranno coloro che avranno i maggiori danni, perché? 

Ma semplicemente per una questione matematica, perché al momento noi conosciamo soltanto i danni a breve e brevissimo termine, ed è praticamente assodato che i danni maggiori saranno invece a medio/lungo termine.

Ed allora è ovvio che “matematicamente” saranno maggiormente i giovani ad avere i danni a medio e lungo termine semplicemente perché hanno l’aspettativa di vita più lunga.

Insomma per essere chiari, se iniettiamo quei vaccini ad un novantenne e questi avrà danni che si manifesteranno fra dieci anni, ossia a cento anni, è molto probabile che quella persona (proprio per l’età così avanzata) muoia prima per altra causa.

Mentre un ragazzo di 14/15 anni fra dieci anni sarà ancora una persona giovanissima ed eventuali danni collaterali li subirà per il resto della propria vita.

Insomma riuscite a trovare un termine per descrivere ciò che sta accadendo, ciò che stanno facendo alla popolazione? Io sono in difficoltà non so come definire queste persone.

Pensare poi che tutte queste cose sono state votate quasi all’unanimità in Parlamento rende il tutto ancora più incredibile, ci si chiede cosa possa aver spinto tutte queste persone, tutti questi parlamentari a comportarsi in questa maniera, a votare non solo una legge liberticida, ossia che sopprime la libertà civile, ma una legge che procurerà certamente danni fisici a persone completamente sane costrette a farsi iniettare un siero sperimentale.

Infine, non possiamo nemmeno minimizzare i danni economici.

Danni alla struttura economica in senso lato.

E’ banale e comprensibile a tutti che ci sono interi settori che sono stati messi sul lastrico o in condizione di non essere più profittevoli, ma questo è l’effetto più evidente.

Ci sono altri effetti meno evidenti ma non meno dannosi. Ad esempio, sappiamo che diversi medici hanno preferito dare le dimissioni anziché farsi iniettare quel siero, visto che conoscono bene quali effetti comporti.

Ebbene non è che queste persone non lavoreranno mai più oppure andranno a fare un’altra professione, sono medici e quello sanno fare, quindi?

Quindi questi medici e questi infermieri con ogni probabilità andranno a lavorare all’estero dove sanno già di avere un posto assicurato, e se hanno un posto è perché sanno già fare bene il proprio lavoro.

Ed il loro posto in Italia da chi invece sarà occupato?

Probabilmente da neofiti, certamente non all’altezza dei loro predecessori, e che quindi, essendo neofiti ossia senza esperienza potranno soltanto fornire un servizio decisamente peggiore rispetto ai loro predecessori.

Ma non solo, essendo vaccinati è probabile che in futuro manifesteranno patologie dipendenti appunto dal vaccino, quindi non potranno nemmeno essere efficienti sul lavoro.

Insomma una catastrofe per la nostra Italia.