Ogni tanto occorre tornare sull’argomento, occorre tornare a parlare del male assoluto dell’Italia: l’euro! 

Non ho esagerato a definirlo “il male assoluto”, da lì infatti arrivano tutti i problemi che attanagliano il nostro Paese.

Intendo dire i problemi economici, sappiate che i difetti degli italiani li conosco bene, e non sono pochi, ma conosco anche i pregi e, credetemi, anche quelli non sono pochi.

Senza dilungarmi sulla follia dell’euro, basterebbe ricordare infatti che quando nella storia si è fissato un cambio fra monete di Paesi diversi non solo non si sono avuti benefici, ma si è sempre rivelata una scelta disastrosa.

E’ ovvio che se un Paese debole, àncora la sua moneta a quella di un Paese forte si appesantisce, o meglio è come se caricasse, maggiorasse i prezzi di ciò che produce che così ovviamente diventano meno competitivi sui mercati internazionali.

Assurdo è poi, quando si comincia a faticare a trovare investitori del proprio debito pubblico, emettere debito pubblico in un’altra moneta.

 E’ chiaro anche ad un bambino che la cosa andrà a finire male. Come faccio a rendere, a restituire il mio debito se non sono io ad emettere quella moneta?

Quindi cari ascoltatori io ve l’ho già detto, ma lo ripeto e lo ripeterò alla noia, il Recovery Fund è una frode, un inganno, è il formaggio che si dà da mangiare al topo per far scattare la trappola.

Certo, si potrebbe anche pensare che quando l’inganno del Recovery Fund sarà evidente a tutti, forse, magari, in quel momento la maggioranza degli italiani capirà che l’euro è un cappio al collo per l’Italia.

Però, attenzione, perché dobbiamo arrivare ad avere le pezze sul sedere per far capire agli italiani che siamo caduti in una trappola?

Ma poi non è nemmeno corretto che io usi il termine trappola, perché la trappola è un qualcosa di celato che cattura il malcapitato a sua insaputa, noi invece ci siamo cascati di proposito, perché?

Questa è la domanda che ci poniamo tutti, chi ci ha portati dentro l’euro lo ha fatto in buona fede perché stupido oppure era in malafede e quindi lo ha fatto per avere il suo tornaconto personale.

Obiettivamente dovremmo propendere per la seconda ipotesi, visto che chi ci ha portato dentro l’euro è stato premiato dall’Europa, Prodi è addirittura stato nominato Presidente della Commissione europea, figuratevi un po’ voi!

Quindi l’Europa, o meglio, per essere precisi, l’Unione europea si è trasformata in una  super mega iper burocrazia, ed a questo punto capirete che si è anche cementificata, perché?

Ma anche quello è semplice, perché chi sta in quei palazzi, e voi dovete pensare che si tratta di migliaia e migliaia di persone, di questo vive, ed allora anche se si rende conto che l’Unione europea è una gigantesca trappola per l’Italia, non ha alcuna convenienza a contrastarla, anzi, ha tutta la convenienza affinché questa gigantesca burocrazia diventi ancora sempre più grande.

In effetti ciascuno di loro può senza dubbio dire “anche se io denunciassi tutto, cosa cambierebbe? Nulla! E allora perché sputare sul piatto nel quale mangio”.

Certo così ovviamente le cose non cambieranno mai, anzi, peggioreranno! 

Ma torniamo al Recovery Fund ed alla sua estrema pericolosità, il Recovery Fund è una tagliola!!!

Ma d’altronde, scusate, secondo voi, la cosiddetta Europa, che traducendola si declina con Germania, Francia, Olanda ecc. ecc., secondo voi davvero potete pensare che questi Stati che sono nostri concorrenti, quindi di fatto nemici, vogliano darci loro soldi per aiutarci?

Ma non capite che ci stanno prendendo in giro?

Io quando sento alla televisione che adesso finalmente l’Europa è diventata solidale mi vengono i sudori freddi, ma come si fa ad essere così falsi ed ipocriti?

Il Recoveri Fund è il Mes moltiplicato per 7.

Il Mes era di 30 miliardi ed il Recovey Fund è di 210 miliardi, ma dal punto di vista della pericolosità è la stessa cosa perché?

Perché è debito pubblico in valuta straniera!!!

Perché se noi usciremo dall’euro il nostro debito pubblico, essendo stato emesso con legislazione italiana verrà denominato nella nostra nuova moneta e quindi la nostra Banca centrale potrà sempre farvi fronte.

Il Recovery Fund no!!!

Il Recovery Fund è emesso con legislazione lussemburghese e rimarrà in euro anche se noi dovessimo uscire dalla moneta unica!!!

E per rimborsare il Recovery Fund, saranno dolori, lì per forza ci vorrà senza dubbio una patrimoniale, e di quelle toste!!!

Io veramente non so più come dirlo, però, cari ascoltatori, dovete anche voi diffondere il verbo!!!

Ditelo ai vostri familiari, ai vostri parenti, ai vostri vicini, ai vostri colleghi, ai vostri conoscenti … il Recovery Fund è una trappola, una tagliola, altro che l’aiuto dell’Europa, l’Europa solidale non esiste, gli altri Stati vogliono solo spolpare l’Italia, non aiutarla.

E poi noi non abbiamo bisogno di nessun aiuto.

Basta tornare ad essere padroni in casa nostra, ed a quel punto saranno gli altri a doverci temere.