Più che giusto il Tweet di Marco Cappato il quale dice: "Gli esperti spiegano che bisognerà convivere molto a lungo con la pandemia. La conseguenza politica è che il Governo NON deve prorogare lo stato d'emergenza, perché convivere molto a lungo con lo stato di emergenza, è incompatibile con la democrazia e con lo stato di diritto".

Ma davvero si può dire che l'Italia sia ancora una democrazia? Uno stato di diritto? Davvero si può dire che il potere sia del popolo? Davvero vogliamo chiamare democrazia un paese dove il parlamento è stato svuotato dei suoi poteri da ben due anni, e i pieni poteri che invocava Salvini ( e lo hanno crocifisso giustamente) adesso ce li ha Draghi e va tutto bene per tutti, compreso Salvini? Non è un regime autoritario questo? Non è un'autocrazia questa? Siamo in Italia o in Draghistan? 

Uno stato d'emergenza protratto illegalmente per più di due anni non è più emergenza, è semplicemente tentare di far abituare il popolo a quella che è la nuova normalità. In fondo Conte lo disse quasi subito: "Niente sarà più come prima". Fu davvero una profezia quella.

La scandalosa proroga dello stato d'emergenza voluta da Draghi giustificata da Omicron

Su tutte le testate giornalistiche si ripete come un mantra la stessa identica cosa: prorogato lo stato d'emergenza fino al 31 marzo.

Ma come? Non poteva essere prorogato al massimo fino al 31 dicembre 2021? Non doveva durare al massimo due anni? Come farà il Governo a stabilire una nuova emergenza e farla durare tre mesi in più? Sfrutterà la nuova variante come giustificazione? E per la prossima proroga, userà la successiva variante? E se questa è la situazione con quasi il 90% dei vaccinati (vaccino che sarebbe dovuto essere il messia e la salvezza per tornare alla normalità) quando usciremo davvero da questa emergenza? E, soprattutto, il governo è intenzionato ad uscire dall'emergenza o vuole solo assodare un nuovo tipo di normalità?

E invece pare, ancora non è certo, ma di solito vox populi vox dei, che lo stato d'emergenza con il quale il Governo riesce a prendere tutte le decisioni che vuole, fregandosene di Parlamento, leggi ordinarie e Costituzione, durerà ancora per tre mesi, fino al 31 marzo. Con quale provvedimento ad hoc, ancora non ci è dato sapere. Qualsiasi provvedimento sarà preso dal Governo, sarà completamente illegittimo e anti-costituzionale. 

Stato di emergenza: Draghi lo proroga per superare l'inverno, poi lo prorogherà per superare l'estate

Stato di emergenza ancora per tre mesi, per superare l'inverno e mantenere operativi "i pieni poteri". Piacciono tanto a Mario Draghi i pieni poteri, chissà forse pensa di star dirigendo una banca, ma ormai ci si trova davvero bene in quel ruolo di potere totalitario. E così, senza passare dal Parlamento ovviamente (mai sia si dovesse avvertire un accenno di democrazia), il nostro caro Governo dei Migliori, è pronto a portare in CDM già oggi la proposta di proroga fino al 31 marzo. Almeno così dicono i giornali del mainstream.

Cosa accadrà in Consiglio dei Ministri? Qualcuno oserà opporsi a sua Maestà Draghi? Un Salvini? Un Berlusconi? Non c'è alcuna speranza. Sicuramente ancora una volta il CDM voterà all'unanimità quello che ha deciso Draghi.  E il Parlamento? Ormai esiste solo nei manuali di Diritto Costituzionale.

Addio Democrazia, in Draghistan non c'è posto per il potere del popolo 

Una scelta maturata guardando i dati, fanno sapere da Palazzo Chigi. Ma quali dati? Dove vedete la catastrofe? Ma insomma sti vaccini funzionano o non funzionano? O funzionicchiano come disse il Buon Galli? Ma è mai possibile che con quasi il 90% di vaccinati si debba stare ancora in stato di emergenza?

Nessuno si ribella a questo scempio nel Governo? Nessuno! C'è il benestare del Pd (figurarsi!), di Salvini (ormai di destra in Salvini non c'è nemmeno più la mano) e ovviamente del Movimento 5 Stelle che ormai ha tradito tutto il tradibile possibile.  

Il ridicolo di questo governo rasenta il grottesco proprio con Matteo Salvini, il quale fino a qualche giorno fa si diceva contrario ad una nuova proroga dello stato di emergenza. Ma ormai abbiamo imparato benissimo che la sua parola vale meno di quella di Topo Gigio e, infatti, adesso ha commentato conciliante (sottomesso a Draghi come un agnellino): "Non do giudizi a priori, aspettiamo i dati".

Ma la proroga non si adeguerà ai dati, statene pur certi. Sono i dati che saranno adeguati alla volontà di prorogare i pieni poteri del governo. 

Il terrore come strumento per far preparare il popolo alla proroga dello Stato d'emergenza

E come sempre è il terrore, la paura, lo strumento preferito dal Governo, che finanzia informazione e media, per indurre il popolo a pensare che sia giusto prorogare lo stato d'emergenza.

Ormai sono giorni che si va verso questa direzione: di nuovo terrore, di nuovo curve epidemiologiche, di nuovo mascherine all'aperto, di nuovo "morti", la nuova variante Omicron, ritenuta da chi l'ha scoperta, una variante che porta sintomi "ESTREMAMENTE LIEVI", praticamente pari ad un raffreddore, qui fa paura. Si parla di variante molto contagiosa, mortale, orribile, terribile, mostruosa.

Insomma tutti d'accordo. E anche questa misura SCANDALOSA, lesiva di ogni diritto, libertà e costituzione, passerà all'unanimità di un governo ormai palesemente dittatoriale.  

L'unica voce contraria alla proroga dello Stato di Emergenza è quella di Giorgia Meloni

L'unica voce contraria è la Meloni che tuona: Ma "dopo due anni che emergenza è? Dopo due anni devi  riuscire a combattere la pandemia ripristinando la pienezza dei diritti". Ma lei non può fare praticamente nulla. Unica oppositrice, insieme a Paragone, non possono fare nulla perché gli stessi alleati della Meloni accetteranno supinamente la decisione della proroga in Consiglio dei Ministri.

E con la proroga dello Stato d'emergenza, saranno prorogate tutte le misure d'emergenza: mascherina, distanziamento, green pass, super green pass. Non se ne può davvero più. È un virus, muta, ci saranno miliardi di varianti! Davvero si intende restare in stato di emergenza fino a quando non ci saranno più varianti? Cioè mai?

"Oggi in Cdm ci saranno ulteriori scelte sull'emergenza che stiamo vivendo". Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza, il quale, insieme agli altri geni del Governo, sta pensando di estendere l'obbligo di mascherine all'aperto per tutte le festività, su tutto il territorio nazionale.  Diversi sindaci hanno già introdotto l'obbligo nei loro Comuni. 

Con quale strumento legislativo si potrebbe prorogare lo stato d'emergenza?

Lo stato di emergenza in cui siamo ormai da due anni è regolato da una legge del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, poi aggiornata nel 2018 da un decreto legislativo in cui si dice che questo strumento "non può superare i 12 mesi, ed è prorogabile per non più di ulteriori 12 mesi". L’ultima proroga scade a fine anno.

Prorogare lo stato d'emergenza in maniera straordinaria fino a fine marzo, non si potrebbe fare se non grazie ad una legge ordinaria approvata con larga maggioranza dal parlamento. Sarà fatto in questo modo, davvero? Ho i miei giustificati dubbi. 

Intanto tra pass, green pass, super green pass e iper green pass gli Stati Uniti e il suo CDC sta sconsigliando di venire in Italia. Livello di allerta 4, il più alto. I viaggi agli americani in Italia vengono sconsigliati anche ai doppiamente vaccinati. Ma allora sto vaccino serve o non serve? Ma stiamo di nuovo punto e a capo?

Crisanti contrario alla proroga dello Stato d'Emergenza

"Prorogare lo stato di emergenza covid dopo due anni significa che abbiamo una classe politica che non ha trovato una soluzione di normalità", senza mezzi termini il microbiologo Andrea Crisanti scredita la decisione del governo di prorogare lo stato di emergenza.

"Io penso che uno stato di emergenza che dura 2 anni non è più uno stato di emergenza. Diventa uno stato di continuità" ha dichiarato il medico puntando il dito contro l'intera classe politica nazionale che non è riuscito a superare lo stato di crisi perenne. 

L'Italia ormai è rimasto l'unico paese ad avere ancora lo stato d'emergenza: vergognoso! Crisanti continua ancora affermando: "L'Inghilterra che io sappia lo stato di emergenza non ce l'ha, l'America non credo neanche. Mi sorprendo che dopo 2 anni ancora a questo punto. Bisognava trovare una soluzione strutturale e non sempre emergenziale". ha sottolineato Crisanti all'Adnkronos Salute

Secondo il Microbiologo, l'Italia senza stato d'emergenza, e quindi senza pieni poteri al governo, non riesce ad affrontare l'epidemia. 

"Abbiamo un vaccino che funziona solo un po' e ci ritroviamo ancora in trincea. Essere in emergenza ancora dopo due anni, vuole dire che il governo non ci ha capito nulla ancora".

Invece il pessimista per eccellenza, Dottor Pregliasco, parla, come è suo solito, terrorizzando il popolo, dell'arrivo di un inverno durissimo, di proroga dello stato di emergenza assolutamente necessario.

Insomma un tunnel infinito, dove la luce dell'uscita nemmeno si intravede.