Demos & Pi, istituto di ricerca politica e sociale fondato da Ilvo Diamanti, ha elaborato nei giorni scorsi un sondaggio per il quotidiano La Repubblica. Sono state studiate le intenzioni elettorali degli italiani e in particolare è stata analizzata la situazione relativa al governo guidato da Mario Draghi e quella interna al Movimento 5 Stelle che si è caratterizzata da un vivace scambio dialettico prima della pace sancita a Marina di Bibbona tra il fondatore Beppe Grillo e l'ex Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

Nell'articolo tutti i dati relativi ai partiti elaborati da Demos & Pi.

Sondaggio Demos & Pi: i dati dei partiti

Ecco i dati dei partiti che fanno riferimento al periodo dal 12 al 14 luglio nel sondaggio curato da Demos & Pi per il quotidiano La Repubblica. La rilevazione periodica curata da Ilvo Diamanti si è aperta con la seguente domanda:

"Se ci fossero oggi le elezioni politiche nazionali, lei quale partito voterebbe alla Camera?"

Le risposte:

  • Lega 20,5%
  • Fratelli d'Italia 20,1%
  • Partito Democratico 19,7%
  • Movimento 5 Stelle 15,3%
  • Forza Italia 8%
  • Liberi e Uguali-La Sinistra 3,7%
  • Azione 2,5%
  • Italia Viva 2,5%
  • Più Europa 2%
  • Altri 5,7%

Chi non risponde o si dichiara intenzionato all'astensione è al 27%.

Sondaggio Demos & Pi: il gradimento dei leader

Demos&Pi ha poi interpellato gli italiani sul gradimento dei vari leader politici. La domanda rivolta è stata:

"Che voto darebbe su una scala da 1 a 10 a...."

Accanto a ogni nome di politico la percentuale di chi esprime una valutazione uguale o superiore al voto 6:

  • Mario Draghi 77
  • Luca Zaia 59
  • Giuseppe Conte 59
  • Roberto Speranza 52
  • Giorgia Meloni 51
  • Paolo Gentiloni 48
  • Matteo Salvini 44
  • Stefano Bonaccini 44
  • Dario Franceschini 44
  • Emma Bonino 42
  • Nicola Zingaretti 42
  • Silvio Berlusconi 42
  • Enrico Letta 40
  • Vincenzo De Luca 39
  • Luigi Di Maio 39
  • Attilio Fontana 37
  • Carlo Calenda 32
  • Matteo Renzi 26
  • Beppe Grillo 11

Sondaggio Demos & Pi: gli italiani e la durata del Governo

La terza domanda è stata fatta sulla durata del Governo Draghi:

"Secondo lei il governo Draghi per quanto tempo resterà in carica?"

Le risposte:

  • fino alla fine della legislatura nel 2023 56%
  • più di un anno ma non fino alla fine della legislatura 16%
  • al massimo un anno 16%
  • per pochi mesi 6%
  • non sa-non risponde 6%

Sondaggio Demos & Pi: il leader del Movimento 5 Stelle

Domanda anche agli interpellati sul leader del Movimento 5 Stelle dopo lo strappo poi ricucito al ristorante tra Beppe Grillo e Giuseppe Conte.

"Se il Movimento 5 Stelle dovesse scegliere un nuovo capo politico lei chi preferirebbe?"

  • Giuseppe Conte 71%
  • Luigi Di Maio 3%
  • Davide Casaleggio 2%
  • Alessandro Di Battista 1%
  • Beppe Grillo 1%
  • Altri 4%
  • non sa-non risponde 18%

Sondaggio Demos & Pi: le opinioni del curatore Ilvo Diamanti

Il fondatore di Demos Ilvo Diamanti ha commentato il sondaggio per La Repubblica. "Le stime di voto oggi appaiono decisamente chiare: ci sono tre partiti in testa, non troppo lontani uno dall'altro (Lega, Fratelli d'Italia e Partito Democratico) e un quarto il Movimento 5 stelle che insegue".

"La Lega - spiega Diamanti - è ancora davanti a tutti gli altri ma di poco. Giorgia Meloni e Fratelli d'Italia sono in costante crescita, sono sopra al 20% e nettamente sopra il dato delle elezioni politiche del 2018. Il Partito Democratico è al terzo posto, poco sotto il 20%".

Sondaggio Demos & Pi: le difficoltà del Movimento 5 Stelle

Al quarto posto c'è il Movimento 5 Stelle: "Oggi è in chiara difficoltà - spiega Diamanti - sul piano interno è stato logorato dalle polemiche tra Beppe Grillo e Giuseppe Conte. Queste tensioni incidono anche nelle stime e nei sondaggi elettorali con i pentastellati in forte calo e dimezzati rispetto alle politiche del 2018".

Consenso comunque elevato per Giuseppe Conte che tra gli elettori del Movimento 5 Stelle supera il 91% del gradimento. Da segnalare anche il fatto che Luca Zaia, presidente della Regione Veneto ed esponente di punta della Lega sia più in alto rispetto al suo leader nazionale Matteo Salvini. 

Sondaggio Demos & Pi: lo squilibrio tra Parlamento e elettori

Quello che evidenzia Diamanti nella sua analisi è che l'Italia al momento non ha un baricentro politico.

"E' evidente - scrive - una asimmetria tra il Parlamento e gli elettori. Ci sono squilibri perche il Parlamento è stato votato alle politiche del 2018. E' passata un'era politica, era un'altra epoca: oggi i partiti di centrodestra sono molto vicini sommati al 50%. Quasi dieci punti percentuali sopra alla somma di Movimento 5 Stelle e Partito Democratico e possibili alleati".

"Ogni elezione - aggiunge Diamanti - però è imprevedibile come si è visto nell'esperienza degli ultimi anni e le prossime con il taglio di un terzo dei componenti nei due rami del Parlamento non faranno eccezione. Ci troviamo in un contesto politico e istituzionale instabile".

Per Diamanti mentre attorno al Governo c'è la maggioranza di tutti i partiti tranne Fratelli d'Italia, proprio lei Giorgia Meloni continua a guadagnare, non a caso, consensi.

"E' lo specchio di un paese frammentato", analizza Diamanti. "Un paese unito oltre che dalla Nazionale di calcio solo da Mario Draghi visto che il Presidente del Consiglio viene stimato praticamente da pratiamente 3 italiani su 4".