Autista privato: quanto guadagna? Ecco gli importi medi dello stipendio

autista-privato-quanto-guadagna

Tra le professioni in Italia che sta prendendo sempre più piede, c’è sicuramente quello dell’autista privato.

Si tratta di una professione che richiede non soltanto il possesso della patente di guida ma anche alcune competenze trasversali oltre che un approccio ottimale al cliente.

Sono in molti che si domandano non soltanto cosa serve e come diventare un autista privato in Italia, ma anche quanto guadagna un autista privato.

A questo proposito, nel seguente articolo, offriamo una panoramica generale su come diventare un autista privato e quali sono gli importi medi di uno stipendio di questa categoria di lavoratore.

Come diventare un autista privato

Diventare un autista privato richiede una serie di passi ben definiti. In primo luogo, è essenziale ottenere una patente di guida valida, conseguita in maniera regolare superando i due esami richiesti per la patente, quello teorico e quello pratico.

Nella maggior parte dei casi, per diventare un autista privato, occorre semplicemente dimostrare di essere in possesso di una patente di guida di categoria B.

Tuttavia, non basta. Infatti, questo tipo di lavoro richiede anche un’ampia esperienza di guida, preferibilmente in contesti che richiedono abilità di guida avanzate, come il trasporto di persone, e su diverse tipologie di strade urbane, extraurbane e su autostrade.

Oltre a tali competenze, sicuramente sono valutare al meglio ai fini di colloquio per diventare un autista privato, anche il possesso di ulteriori certificazioni, come ad esempio la formazione di pronto soccorso oppure la conoscenza delle regole sulla privacy. 

Leggi anche: Autista di autobus e tram: quanto guadagna? Gli importi ufficiali dello stipendio.

Cosa fa un autista privato: la professione

Gli autisti privati svolgono una serie di mansioni, principalmente focalizzate sul trasporto sicuro e confortevole dei propri passeggeri.

Questo tipo di professione, dunque, può includere spostamenti quotidiani da e per luoghi di lavoro o scuole, nonché viaggi più lunghi, anche di una giornata intera.

Proprio per questo motivo, la discrezione e la cortesia sono fondamentali per essere un autista privato, poiché spesso ci si ritrova a dover occuparsi del trasporto privato di clienti di alto profilo o con esigenze particolari.

Tuttavia, è importante sottolineare che l’autista privato non si occupa in maniera esclusiva di trasportare i suoi clienti da un luogo ad un altro, in base alle loro richieste. 

Oltre al trasporto confortevole dei passeggeri, l’autista privato è tenuto anche ad accertarsi che il proprio veicolo sia sempre in uno stato ottimale.

Dunque, la manutenzione e la pulizia del veicolo sono responsabilità dell'autista privato, contribuendo così a creare un ambiente accogliente per i passeggeri.

Quanto guadagna un autista privato

In molti si domandano quanto guadagna un autista privato. A questo proposito, il salario di un autista privato in Italia può variare notevolmente a seconda dell’esperienza e della località in cui si trova.

Secondo le statistiche, lo stipendio medio si aggira intorno ai 24 mila euro all’anno.  Parliamo di circa 11,76 euro all’ora.

Occorre anche chiarire che lo stipendio percepito da un autista privato cambia notevolmente sia a seconda del luogo in cui lavora, che in base alla sua esperienza nel settore.

Per questo motivo, verosimilmente un autista con una posizione entry level guadagna sicuramente molto di meno rispetto ad un autista con anni di esperienza nel campo.

In particolare, lo stipendio di un autista privato al suo primo anno di lavoro, si aggira orientativamente intorno ai 21.000 euro all’anno. Mentre, gli autisti privati con maggiore esperienza possono arrivare a guadagnare anche oltre 30.000 euro ogni anno.

C’è anche da sottolineare un altro aspetto, ovvero quello delle mance. Infatti, se si tratta di autisti privati che lavorano in luoghi particolarmente lussuosi, potrebbe essere più probabile che le mance che gli ospiti lasciano all’autista siano piuttosto elevate.

Se ti interessa l’argomento, leggi anche: Ecco quanto guadagna un tassista al mese nelle principali città Italiane nel 2022.