Bonus nido 2022: cosa bisogna sapere?

Come richiedere fino a 3.000 euro di incentivo con il bonus nido 2022? Ecco la nostra guida completa al bonus, ai requisiti e alla procedura per effettuare la domanda. Affrettati con la richiesta in quanto la scadenza è il prossimo 31 dicembre 2021.

Image

Il bonus nido 2022 è un sostegno economico riservato alle famiglie che permette di ottenere un rimborso per le spese sostenute per l’asilo nido fino a 3.000 euro per figlio a carico.

Il termine ultimo per richiederlo è fissato per il 31 dicembre 2021. Infatti, come afferma la testata nazionale La Nazione:

Per presentare domanda per il bonus asilo nido c'è tempo fino al 31 dicembre 2021. Dal 1 gennaio 2022 è infatti prevista l'introduzione dell'assegno unico, che comprenderà tutte le misure rivolte a nuclei familiari con figli minorenni.

Con il nuovo anno, infatti, tutti i bonus riservati alle famiglie verranno riuniti all’interno dell’erogazione mensile denominata assegno unico.

Ci troviamo, quindi, nell’ultima finestra temporale utile per richiedere e ottenere l’erogazione del bonus nido 2022. Ciò consentirà alle famiglie di ricevere un rimborso dei versamenti effettuati a strutture infantili fino a ben 3.000 per ogni minore fino a 3 anni a carico, come descrive nel dettaglio il portale INPS.

Vediamo nel dettaglio in che cosa consiste nello specifico questo bonus, chi ne ha diritto, qual è l’importo e come inviare correttamente la domanda.

Che cos'è il bonus nido 2022?

Il bonus nido 2022 è un incentivo economico riservato alle famiglie che hanno a carico dei figli appena nati o adottati e fino ai tre anni di età. Lo scopo di questa erogazione economica è quello di fornire un contributo per la copertura delle spese sostenute per la frequentazione dell’asilo nido o per quelle spese destinate alla copertura del supporto domiciliare necessario in caso di bambini con gravi problemi di salute.

Si tratta, quindi, di un aiuto molto prezioso che può decisamente migliorare le condizioni di vita di molte famiglie nonché la loro situazione economica in quanto, purtroppo, spesso le spese legate alle strutture educative che si occupano dei figli rappresentano dei costi decisamente elevati.

Qual è l'importo del bonus nido 2022?

L’importo che viene corrisposto ad ogni famiglia con l’erogazione del bonus nido 2022 varia in base al valore dell’importo ISEE di ciascun nucleo famigliare. In particolare, è necessario fare riferimento all’ISEE minorenni INPS. Quest’ultimo è un documento che immortala la situazione economica delle famiglie che viene rilasciato al momento del pagamento delle misure di sostegno destinare ai minori a carico.

L’ISEE minorenni si differenzia dall’ISEE classico in quanto prende in considerazione entrambi i redditi dei genitori del figlio o dei figli minorenni a prescindere dal fatto che siano sposati, conviventi o altro.

Si tratta, quindi, di un documento specificatamente studiato per la richiesta di prestazioni sociali erogabili per il sostentamento delle spese legate ai figli a carico.

Per richiedere il rilascio dell’attestazione ISEE minorenni occorre avere a portata di mano la seguente documentazione:

  • Copia di un documento di identità in corso di validità della persona che richiede la dichiarazione;
  • Codice Fiscale e/o Tessera Sanitaria di tutti i componenti che fanno parte del nucleo familiare;
  • Stato di soggiorno in caso di cittadini stranieri;
  • Certificazioni di invalidità o inabilità se sono presenti individui disabili all’interno del nucleo familiare;
  • Sentenza di Separazione o Divorzio se necessaria.

L'ISEE minorenni si può richiedere presso una delle qualsiasi sedi del CAF o tramite il servizio online ISEE post riforma 2015. Il rilascio è sempre gratuito e non comporta alcun costo.

L’attestazione ISEE è un documento fondamentale per l’erogazione del bonus nido 2022 in quanto, in mancanza di quest’ultimo, la famiglia riceverà solamente l’importo minimo previsto dall’incentivo che per l’anno 2022 è pari a 1.500 euro.

Per un più concreto esempio forniamo alcuni dei valori ufficiali comunicati direttamente dall’INPS:

  • 3.000 euro per importi ISEE minorenni fino a 25.000 euro;
  • 2.500 euro per importi ISEE minorenni compresi tra 25.001 e 40.000 euro;
  • 1.500 euro per importi ISEE minorenni che superano la soglia di 40.000 euro.

Come si può constatare, minore è il valore dell’attestato ISEE minorenni, maggiore sarà la somma che verrà erogata tramite il bonus nido 2022.

Tuttavia, ricordiamo, che in caso di mancata presentazione dell’attestazione ISEE non si perderà l’accesso al beneficio, ma si otterrà l’erogazione dell’importo minimo pari a 1.500 per ogni figlio minore di 3 anni a carico frequentante l’asilo nido.

Bisogna, inoltre, ricordare che gli importi indicati sopra sono dei massimali che vengono suddivisi in 11 mensilità. Questo significa che, nel caso in cui il figlio frequentasse per soli quattro mesi l’asilo nido, si avrà diritto all’erogazione di sole quattro rate e non dell’importo massimo previsto.

Spieghiamo meglio questo concetto tramite un esempio: se si è in possesso di un ISEE inferiore a 25.000 euro, si ha diritto a un importo massimo annuale di bonus nido 2022 pari a 3.000 euro e, quindi, un importo mensile di 272,72 euro. Se il proprio figlio ha frequentato la struttura scolastica per soli tre mesi, verranno erogate tre rate da 272,72 euro e verrà corrisposto, quindi, un valore totale di 818,16 euro.

Con un ISEE tra 25.001 euro e 40.000 euro, il tetto massimo annuale è di 2.500 euro per un importo mensile pari a 227,27 euro. In questo caso, se un minore frequenta l’asilo nido per soli tre mesi, si riceveranno tre rate da 227,27 per un totale di bonus di 681,81 euro.

Per tutte le altre famiglie, sopra la soglia di 40.000 euro di valore ISEE oppure che non presentano l’attestazione, possono ricevere un’erogazione massima all’anno di 1.500 che ripartita su 11 mesi comporta una rata di 136,37 euro. Questo importo andrà moltiplicato per il numero di mesi in cui il figlio ha frequentato effettivamente l’asilo nido.

Come richiedere il bonus nido 2022?

Per poter presentare la domanda per l’erogazione del bonus nido 2022 è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • avere la cittadinanza italiana o di un altro Stato membro dell’Unione Europea;
  • detenere la residenza in Italia;
  • essere convivente con il minore per cui si richiede l’incentivo e per cui si effettua il pagamento delle rette dell’asilo nido.

La domanda per la richiesta del bonus nido 2022 deve essere presentata dal genitore che effettua il pagamento delle rette scolastiche o dell’assistenza domiciliare in caso di disabilità. Questo punto è molto importante perché se verrà evidenziata una discrepanza in tal senso, il bonus non verrà erogato.

Da ricordare, inoltre, che il bonus può essere erogato solo in caso di frequentazione di asili nido pubblici o privati autorizzati per cui è necessario fare molta attenzione e chiedere preventivamente alla struttura se è idonea all’erogazione dell’incentivo statale.

Ad esempio, spazi come ludoteche, spazi gioco, spazi baby, spazi pre scuola e baby parking sono esclusi dal bonus nido 2022.

L’inoltro della domanda deve avvenire online mediante l’area dedicata presente all’interno del sito dell’INPS e, all’interno della richiesta, è necessario specificare i mesi in cui il bambino o la bambina frequenterà l’istituto scolastico, compresi i mesi di gennaio e dicembre 2021.

Al fine di ottenere il riconoscimento del bonus, il genitore deve allegare le ricevute che attestano l’avvenuto pagamento delle rette.

All’interno del suo sito INPS scrive un chiarimento:

“La domanda di contributo per l’introduzione di forme di supporto domiciliare deve essere presentata dal genitore convivente con il figlio per il quale è richiesta la prestazione ed essere accompagnata da un’attestazione del pediatra, che dichiari per l’intero anno l’impossibilità del bambino a frequentare gli asili nido a causa di una grave patologia cronica.”

Il bonus nido 2022 può essere richiesto per ogni figlio, allegando prontamente tutta la documentazione richiesta. Quindi, una famiglia con due figli e ISEE minorenni inferiore a 25.000 euro avrà diritto all’erogazione di ben 6.000 euro a titolo di sostegno alle spese per i minorenni.

Per effettuare la domanda per più figli, è semplicemente necessario ripetere la procedura tramite il portale web di INPS.

Scegliendo di effettuare la richiesta online, sarà necessario autenticarsi mediante SPID, Carta d’Identità Elettronica o Carta Nazionale dei Servizi.

Se si è già presentata la domanda per l’anno precedente, ossia nel corso del 2020, il modulo di richiesta verrà visualizzato già precompilato sulla base delle informazioni che sono state fornite per la precedente erogazione.

Per un video tutorial completo su come effettuare correttamente la compilazione della domanda per la richiesta del bonus nido, consigliamo la visione del video pubblicato all’interno del canale YouTube AllegraLu:

Entro quando bisogna fare domanda per il bonus nido 2022?

Il termine ultimo per presentare la domanda del bonus nido 2022 è il 31 dicembre 2021.

Attenzione perché, per il prossimo anno 2022, non sarà prevista alcuna erogazione di questo bonus, in quanto le incentivazioni per le famiglie saranno sostituite dall’assegno unico.

L’assegno unico erogato mensilmente a partire dal 1 gennaio 2022 è la nuova forma di incentivazione per le spese relative al sostentamento dei figli minorenni erogato dallo Stato. Esso andrà a inglobare anche il bonus mamma domani e il bonus bebè. Anche per quest’ultimo l’importo varierà in base al valore dell’ISEE minorenni e sarà compreso tra 50 e 175 euro.

A differenza del bonus nido, però, l’assegno unico spetterà a tutte le famiglie e per ogni figlio a carico di età compresa tra 7 mesi e 21 anni.

Quando arriva il pagamento del bonus nido 2022?

I termini con cui verranno effettuati i pagamenti degli importi spettanti per il bonus nido 2022 variano per ogni genitore.

È possibile controllare le date degli accrediti previste attraverso il medesimo portale INPS presso il quale si è effettuata la richiesta. Bisogna cliccare sul servizio online INPS, successivo su Bonus Asilo Nido e, infine, selezionare all’interno del menù di sinistra la voce Bonus nido: Consultazione pagamenti.

Da ricordare, infine, che l’erogazione del bonus nido 2022 non è cumulabile con la detrazione fiscale prevista per la frequenza degli asili nido. A tale scopo, se si è già richiesta l’erogazione dell’incentivo, è necessario ricordarsi in fase di dichiarazione dei redditi di non inserire nuovamente le fatture delle rette corrisposte in quanto si è già ricevuto il bonus nido 2022.