Questa frase che l'influencer italiana da 23,3 milioni di follower e dal fatturato mozzafiato pronuncia in una scena del documentario dedicato alla sua vita, "Chiara Ferragni - Unposted", è presto divenuta virale:

"Io non volevo diventare famosa, non era questo il mio obiettivo, però volevo fare qualcosa che avesse un senso".

Tuttavia, la Ferragni famosa lo è diventata eccome, anzi: ormai è uno dei nomi italiani più conosciuti in tutto il mondo. In che modo la giovane imprenditrice digitale è riuscita a scalare le vette del successo, costruendo, un giorno dopo l'altro, un autentico ed oltremodo proficuo impero? Grazie ad un social network: Instagram.

Molti ancora snobbano la professione dell'influencer, non considerandola neanche tale. Molti, infatti, non sanno che, invece, i lavoratori che appartengono a tale categoria, riescono ad ottenere degli stipendi decisamente alti rispetto alla media

Molti altri, invece, sperano un giorno di potersi affermare in questo ambito. La professione, piuttosto redditizia, non richiede uno specifico titolo di studi: l'importante è avere "quel qualcosa in più" che all'inizio attiri l'attenzione e che, successivamente, faccia innamorare. Il carisma, ossia la capacità di esercitare un ascendente innegabile e diffuso, è quindi l'unica dote davvero imprescindibile.

Dopotutto, si sa, ci sono personalità più eccentriche e forti di altre. Chi ha detto che tu non rientri fra queste? Se vuoi darti una possibilità, allora non puoi fare a meno di leggere questo articolo, in cui parleremo di come provare a conquistare una fetta di pubblico sul suddetto sociale conseguentemente a guadagnarci

Come evidenziato, Instagram può far intascare dei bei soldi. In che modo? Ad esempio attraverso le sponsorizzazioni, oppure appoggiandosi a siti di affiliazione, come Amazon. Ma scopriamo insieme e dettagliatamente di che cosa si tratta!

Che cos'è Instagram

Instagram è un social network di origine statunitense che, principalmente, consente agli utenti di scattare delle fotografie, eventualmente modificarle, applicando dei filtri, ed infine pubblicarle, cioè condividerle con la community.

Nel 2010, dalle menti di Kevin Systrom e Mike Krieger nasce Instagram. In principio, era un'app sviluppata appositamente per i dispositivi iOS; soltanto in un secondo momento è stata resa disponibile per ogni tipo di iPhone, iPad ed iPod. Nel 2012, invece, è stata resa disponibile anche per i dispositivi Android. Nello stesso anno, Facebook, lungimirante, decide di metterci le mani sopra: la compra, sborsando l'incredibile cifra di un miliardo di dollari.

Blogmeter, l'istituto di ricerca social certificato ASSIRM (Associazione Italiana Ricerche di Mercato), si occupa ormai da svariati anni della ricerca "Italiani e Social Media". Nel 2020, ciò che ne è emerso è che il social network più utilizzato nel nostro Paese resta Facebook, con il 90% degli utenti, seguito da YouTube, con il 89% degli utenti, e da Instagram che, nonostante si aggiudichi la medaglia di bronzo con il 73% degli utenti, è comunque sul podio.

Come provare a fare soldi con Instagram

C'è una cosa che devi sapere prima di tutte le altre: è difficile trasformare il proprio account Instagram in una fonte di guadagno in piena regola senza essere popolari sul social in questione. Quindi, se ti sei messo in testa di provare a monetizzare i tuoi contenuti, anzitutto cerca di far espandere la cerchia dei tuoi seguaci, ma specialmente cerca di renderli attivi: ci sono profili con meno follower di altri, eppure sono gestiti da persone che riescono ad intascare di più, proprio per questa ragione.

Detto ciò: hai bisogno di qualche suggerimento per divenire maggiormente popolare su Instagram? Partendo dal presupposto che non esiste una vera e propria ricetta segreta per avere successo in questo ambito (così come in quasi tutti gli altri), ecco qualche dritta che potrebbe tornarti utile.

In primis, il tuo profilo deve apparire sempre curato e ricco, ovviamente di contenuti di vario genere: foto, video, reels, video IGTV e, perché no, dirette. Tenta di attirare l'attenzione, tenta di accaparrarti la simpatia degli utenti, non soltanto di quelli che già ti seguono.

Non sottovalutare gli hashtag: sceglili attentamente. Se hai bisogno di consigli in merito a ciò, sappi che puoi affidarti ad alcuni programmi appositi, come Top hashtag, oppure Top Tags, disponibili sul pc e per i dispositivi iOS ed Android.

Interagisci con gli altri utenti: metti like, commenta esprimendo la tua opinione (gentilmente, mi raccomando), salva i post che ti conquistano.

Come fare soldi con Istagram grazie alle sponsorizzazioni

Il tuo sogno nel cassetto è quello di diventare uno sponsor su Instragram, o per meglio dire un influencer? Quest'ultima è (ormai a tutti gli effetti) una figura professionale, che in molti, soprattutto tra i membri della generazione Z, aspirano a diventare.

La sua principale attività è quella di mostrare e consigliare prodotti e servizi, offrendo così pubblicità ai brand. Ovviamente, è necessario che, tra l'influencer e l'azienda (o il singolo) che richiede la prestazione, si stipuli una sorta di "contratto di collaborazione", in cui si stabilisce che, in cambio di uno o più post contenenti la sponsorizzazione a favore dell'azienda, l'influencer ottenga una certa somma di denaro.

Naturalmente, non tutti possono affermarsi in questo mondo. A dispetto da ciò che si può pensare, infatti, soltanto alcuni hanno la fortuna (e/o le capacità) per raggiungere la popolarità di cui c'è bisogno per essere contattati e cominciare a trarne profitto.

Quindi, se il tuo account ha un numero piuttosto elevato di follower, nella maggior parte dei casi, saranno le aziende stesse a mettersi in contatto con te, chiedendoti se ti piacerebbe lavorare con e per loro. Tuttavia, se hai deciso di provare a farti strada in questo ambiente, ma ancora non sei sufficientemente conosciuto, non scoraggiarti: la prima cosa che guardano le aziende non è il numero dei seguaci, bensì il livello di fiducia e di engagement del tuo pubblico.

Puoi però pure provare ad "autocandidarti", inviando un messaggio ben scritto tramite Instagram oppure (ancora meglio) con un'email. Che cosa scrivere per convincere l'azienda a puntare su di te? Per cominciare, presentati nel migliore dei modi. Racconta chi sei, che cosa suscita la tua curiosità, che cosa ami e a che cosa ambisci nella tua vita. Al di là di ciò che ti caratterizza e distingue dagli altri potenziali candidati, soffermati anche sulla descrizione del tuo profilo. Aggiungi, per finire, il tuo numero di telefono ed il tuo indirizzo email per farti ricontattare.

Se l'idea non ti dispiace, ma non sai come muoverti, sappi che esistono delle piattaforme per influencer che potranno esserti d'aiuto. Alcuni esempi:

  • Fohr, dopo aver collegato tutti i tuoi account dei vari social network a cui sei iscritto, ti concederà la possibilità di creare una "carta dell'influencer": un mezzo virtuale che mostrerà alle aziende che sono alla ricerca di collaboratori l'estensione potenziale del tuo pubblico. Inoltre, esso ti fornirà una lista di aziende che avrai la possibilità di contattare in prima persona.
  • indaHash ti darà invece la possibilità di prendere parte alle campagne pubblicitarie delle aziende. Condividendo un post con l'hashtag richiesto, verrete pagati. Quali sono i requisiti minimi? Avere almeno 700 follower attivi.

Se sarai in grado di portare a casa il risultato, e ti ritroverai dunque ad incassare facendo da sponsor su Instagram, allora non dimenticare di continuare ad essere corretto con chi ti segue: ogni post che contiene pubblicità retribuita, deve essere accompagnato dagli hashtag appositi, come #adv (che sta per "advertising", tradotto: "pubblicità").

Quanto potresti riuscire a mettere in tasca in questo modo? Dipende. Spesso le condizioni dei contratti di questo genere, così come la remunerazione, sono negoziabili. Secondo Forbes, però, gli influencer con un numero ridotto di follower rispetto alla media (stiamo parlando di 2.000/100.000mila) richiedono dai 150 ai 300 dollari a post.

Come fare soldi con Istagram grazie alle affiliazioni

Un altro modo per fare soldi con Instagram è sfruttare le cosiddette affiliazioni. I programmi di affiliazione di cui potresti servirti sono svariati. Qualche esempio? Amazon. Questa famosa piattaforma di shopping online ti offre la possibilità di creare dei link affiliati, che, una volta generati, dovranno comparire sul tuo profilo social.

Quando un utente cliccherà sul link da te ripostato e, quindi, accederà al sito di riferimento, potrà ovviamente decidere di comprare o meno il prodotto a cui è stato indirizzato. Se l'acquisto verrà effettuato entro un determinato lasso di tempo, la società del sito di affiliazione ti verserà una certa somma. Infatti, in tal caso, essa avrà incassato grazie alla tua pubblicizzazione; dunque, ti spetterà una percentuale (variabile, chiaramente). Amazon riconosce una percentuale che può andare dall'1% al 12%, perché tutto dipende dalla tipologia di articolo. 

Per ottenere il link di affiliazione, è anzitutto necessario recarsi sul sito prescelto. Dovrai accedere (se sei già registrato, altrimenti dovrai per prima cosa iscriverti per poi accedere) e successivamente dovrai utilizzare i tool (ossia dei software appositi, utili alla semplificazione di diverse azioni) della piattaforma. Attraverso di essi, infatti, è possibile generare i suddetti link.

Hai deciso di tentare questa strada? Potrebbero farti comodo un altro paio di consigli. Tanto per cominciare, non pensare che più prodotti sponsorizzerai, tanto più denaro riuscirai a mettere in tasca. Infatti, è bene cercare di capire quale tipo di pubblico si ha. Che cosa pensi possa interessare ai tuoi seguaci? Bene, allora non dovrai far altro che proporre questa categoria di articoli. Inoltre, sarebbe meglio tu pubblicizzassi unicamente prodotti che hai avuto già modo di sperimentare in prima persona.

Sarebbe anche meglio, per onestà, se informassi i tuoi follower che, nel caso in cui comprassero ciò che è apparso loro accedendo al link da te postato, tu ne beneficeresti economicamente.  

Come fare soldi con Istagram vendendo prodotti

Il famoso social network di cui stiamo parlando in questo articolo può essere anche utilizzato per vendere. Fare soldi così ti risulterà piuttosto semplice, ed i soldi che farai non saranno neanche pochi. Specifichiamo, però, che soltanto quelli che hanno un discreto seguito possono guadagnare davvero con tale metodo. Quando i follower scarseggiano, infatti, le possibilità di riuscire nell'impresa si riducono notevolmente. Il numero minimo richiesto di seguaci è 5.000.

Prima di poter usufruire di questa funzione, dovrai dunque pensare a come farti notare. Dopodiché, dovrai trasformare il tuo account standard in un account business (che è proprio delle aziende). Attenzione: l'account aziendale deve essere collegato alla pagina Facebook di riferimento.

La funzione Shop consente d'inserire i tag nei post pubblicati da un account business. Ciò è utile agli utenti che sono intenzionati a comprare, perché viene facilitata loro la vita: basta cliccare sulla foto per veder apparire tutte le informazioni inerenti al prodotto o al servizio raffigurato, come il prezzo. Premendo l'indice direttamente sull'articolo, invece, si può poi cliccare sul tasto Acquista: esso reindirizza al sito ufficiale dell'azienda in questione, dove poter mettere nel carrello e completare l'operazione, pagando.

Se t'interessa saperne di più sull'argomento, ti consiglio la visione di questo video dello youtuber esperto di economia e con un master in marketing, Arcangelo Caiazzo, il quale saprà offrirti altri interessanti spunti per porvare a fare soldi con Instagram!