Contributi fondo perduto da 300.000 euro: il 4 novembre via alle domande. A chi spettano

In arrivo contributi a fondo perduto per le imprese da almeno 300.000 euro: a chi spettano, gli importi e come presentare la domanda a partire dal 4 novembre.

Si ritorna a parlare di contributi a fondo perduto di almeno 300.000€ in favore delle imprese. Si tratta di una delle misure introdotte nel programma di Green New Deal dedicato ai progetti di ricerca, sviluppo e innovazione per le imprese.

Nello specifico, con questi nuovi contributi a fondo perduto si ha l’obiettivo di finanziare e sostenere dal punto di vista economico tutti quei progetti il cui obiettivo è la decarbonizzazione dell’economia. 

Saranno coinvolti dalla possibilità di richiedere i contributi a fondo perduto da almeno 300.000€ tutte quelle imprese che svolgono la loro attività secondo un orientamento rivolto all’economia circolare, alla sostenibilità ambientale. 

Dunque, in linea generale, nella platea di beneficiari che potranno richiedere il contributo a fondo perduto da 300.000 euro, rientrano quelle imprese che adottano una serie di progetti volti alla mitigazione dei rischi correlati al cambiamento climatico.

Vediamo a chi spettano i contributi a fondo perduto da almeno 300.000 euro e come presentare le domande a partire dal 4 novembre.

Chi può richiedere i contributi a fondo perduto da almeno 300.000€

L’erogazione dei contributi a fondo perduto da un importo di almeno 300.000 euro è stata prevista a seguito dell’introduzione e dell’entrata in vigore del decreto interministeriale tra il Ministro dello Sviluppo Economico e quello del’Economia e delle Finanze.

Si tratta di un decreto approvato durante la giornata del primo dicembre dello scorso anno, rivolto proprio a sostenere i progetti delle imprese a cui sono destinati i finanziamenti agevolati del FRI.

Dunque, è proprio nei confronti delle imprese che rientrano nel Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti in ricerca, che spettano anche i nuovi contributi a fondo perduto dal valore di almeno 300.000 euro, purché vengano rispettati determinati requisiti.

In particolare, le condizioni di ammissibilità per la richiesta del contributo a fondo perduto sono riferite piuttosto che all’azienda o all’impresa in sé, quanto piuttosto ai progetti da loro elaborati.

Per godere dei contributi a fondo perduto oppure dei finanziamenti agevolati, i progetti in questione dovranno essere realizzati in una o più unità locali dell’impresa, circoscritte nel territorio nazionale. Tali progetti dovranno prevedere dei costi o delle spese non inferiori all’importo di tre milioni di euro fino ad un massimo di 40 milioni di euro.

Inoltre, per accedere ai contributi a fondo perduto, i progetti saranno considerati ammissibili soltanto se saranno avviati in data successiva rispetto a quella in cui si presenta la domanda, e avranno una durata di almeno un anno fino ad un massimo di tre anni.

Gli importi del contributo a fondo perduto per le imprese di almeno 300.000€

Ma come si calcolano gli importi del contributo a fondo perduto che potrà essere concesso alle imprese che presenteranno dei progetti sostenibili? Per calcolare gli incentivi occorre fare riferimento alla tipologia di progetti a cui fanno riferimento.

Nello specifico, il Ministero ha stanziato un totale di 150 milioni di euro destinati alla concessione dei contributi a fondo perduto, che saranno distinti nel seguente modo: 75 milioni per i progetti relativi alla procedura a sportello e 75 milioni per quelli con la procedura negoziale.

I contributi a fondo perduto spetteranno con una percentuale diversa in base alle spese a cui si riferiscono. Dunque, i contributi saranno del 15% per sostenere le attività di sviluppo sperimentale e di ricerca industriale; mentre del 10% come contributo per l’acquisizione di impianti e immobili per le attività di industrializzazione.

Come fare domanda per i contributi a fondo perduto di 300.000€ dal 4 novembre

A partire dalla data del 4 novembre le imprese interessate al beneficio dei contributi a fondo perduto dal valore minimo di 300.000 euro potranno cominciare a compilare la domanda, dopo essersi accreditate all’interno dell’area riservata del portale. 

In tal senso, sarà necessario fare riferimento alla piattaforma ufficiale del soggetto gestore del contributo a fondo perduto e dei finanziamenti agevolati, disponibile al seguente link: https://fondocrescitasostenibile.mcc.it/.

Per quanto riguarda la presentazione dell’istanza vera e propria, la domanda per ottenere i contributi a fondo perduto dal valore minimo di 300.000 euro potrà essere trasmessa soltanto a partire dal 17 novembre 2022, dal lunedì al venerdì, dalle ore 10 alle ore 18.

In merito alla domanda per il contributo a fondo perduto vale la pena fare una precisazione. Infatti, in base all’ammontare dei progetti presentati da parte delle imprese, si configureranno due diverse procedure per l’attribuzione dei fondi.

Nel caso di programmi con importi compresi tra i 3 milioni ed i 10 milioni di euro, con un massimo di tre imprese partecipanti, le procedure per la richiesta dei contributi a fondo perduto saranno a sportello. Mentre, per quei progetti di valore da 10 milioni fino a 40 milioni di euro con un massimo di cinque imprese, la procedura sarà di tipo negoziale.

Viviana Vitale
Viviana Vitale
Aspirante giornalista e social media manager freelance, classe 1995. Le mie più grandi passioni sono la scrittura e il marketing digitale. Sono state proprio queste a portarmi oggi a far parte del team di redattori di Trend-online e a collaborare come professionista della comunicazione con varie aziende italiane.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
774FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate