Ecco la classifica delle regioni con maggiore disoccupazione

La media europea Eurostat per la disoccupazione conferma un trend negativo per alcune regioni italiane: vediamo quali.

disoccupazione regioni

Tre regioni italiane hanno i più alti tassi di disoccupazione per i giovani tra i 15 e i 29 anni nella top ten dell'UE (rispettivamente 40%, 38% e 37%), ma con un leggero calo rispetto al 2020. In fondo alla classifica si trovano le regioni di Ceuta in Spagna (56%), Macedonia orientale e Tracia in Grecia (45%), Macedonia occidentale (42%) e Melilla in Spagna (42%). Vediamo quali sono.

Le regioni italiane con più disoccupazione

L'anno scorso, quattro giovani su dieci in Sicilia, Campania e Calabria erano disoccupati. Si tratta di uno dei tassi peggiori dell'UE. È quanto emerge dalle statistiche sul mercato del lavoro di Eurostat per il 2021, pubblicate oggi.

Per quanto riguarda la media europea del 13% per i giovani nel 2021, Eurostat mostra anche una diminuzione di 0,9 punti percentuali di disoccupazione più bassa.

D'altra parte, i tassi di disoccupazione più bassi sono stati registrati nella regione sud-occidentale della Repubblica Ceca, nella regione di Wielkopolski in Polonia e nelle regioni della Repubblica Ceca e della Moravia centrale (tutte al 4%). Le regioni italiane che hanno registrato i risultati migliori sono state la Regione Autonoma di Bolzano (7%), la Regione Veneto e la Regione Autonoma di Trento (entrambe al 12%).

Tuttavia, la Campania e la Sicilia si sono classificate tra le più basse dell'UE in termini di occupazione totale degli adulti, con un adulto su cinque disoccupato nel 2021; il tasso di disoccupazione per le persone di età compresa tra i 15 e i 74 anni era del 19% nelle due regioni italiane, in calo rispetto al 18% del 2020; la media UE era del 7%.

Le altre regioni europee con maggiore tasso di disoccupazione

Solo Ceuta in Spagna (27%), le Isole Canarie (23%), l'Andalusia (22%), la Macedonia occidentale in Grecia (20%), altre due regioni spagnole, Melilla (20%) ed Estremadura (19%), si trovano in una situazione peggiore rispetto a Campania e Sicilia.

I tassi di disoccupazione più bassi in Italia si registrano invece nella regione autonoma di Bolzano (4%), in Veneto e nella regione autonoma di Trento (entrambe al 5%).

A livello europeo, la regione metropolitana di Varsavia in Polonia e la regione centrale della Transdanubia in Ungheria sono ai primi posti (entrambe al 2%).

Leggi anche: Disoccupazione giovanile: chi sono i NEET, dove sono esclusi