Pensione invalidità, nuova domanda online senza ulteriore visita. Ecco le novità dall’INPS

Novità per la procedura INPS di richiesta della pensione di invalidità. La domanda da qualche giorno può essere inoltrata online senza ulteriore visita in commissione, semplicemente allegando la cartella clinica. Ecco tutte le novità a riguardo.

inps-domanda-invalidita-civile-online

Novità per la Pensione di invalidità. Dopo gli aumenti voluti dal Governo Meloni per effetto della rivalutazione, ecco la nuova procedura di domanda online che snellisce e velocizza i tempi per il riconoscimento. Ecco le novità.

Nuova procedura per richiedere e vedere riconosciuta l’invalidità civile da parte dell’INPS.

Con il messaggio numero 1060 del 17-03-2023, l’Istituto fa sa sapere di avere reso più semplice la procedura grazie a nuove modalità online.

La nuova procedura di accertamento renderà più rapidi la validazione delle istanze da parte del medico-legale deputato all’accertamento medico-legale ai fini del riconoscimento di invalidità, handicap e revisioni.

Le modalità sono state recentemente semplificate, anche per la  legge 104 e per le revisioni così da permettere la facilitazione del processo da parte delle commissioni per la redazione dei verbali direttamente sulla base della documentazione medica presentata dal richiedente senza la necessità di presentarsi a visita medica per l’accertamento medico-legale.

Queste semplificazioni erano state già adottate nella fase di emergenza Covid per motivi evidenti e da qualche giorno sono entrate in vigore definitivamente con l’obiettivo di semplificare l’iter sanitario-amministrativo, garantendo tempi celeri di definizione delle istanze presentate.

Ecco cosa cambia con la nuova procedura.

Pensione invalidità, nuova domanda online senza ulteriore visita. Ecco le novità dall’INPS

Novità per l’accertamento dell’invalidità civile. L’INPS fa sapere nel Messaggio numero 1060 del 17-03-2023 di aver posto in essere un nuovo sistema di trasmissione delle domande e delle certificazioni al fine di rendere più snella e rapida la procedura di riconoscimento dell’indennità per invalidità civile.

Va ricordato che fino a qualche giorno fa l’assegno mensile di assistenza veniva riconosciuto agli invalidi civili con percentuale compresa tra il 74 e il 99%, a seguito di un controllo medico fatto dalla commissione incaricata dall’ASL insieme ad un medico incaricato dall’INPS.

Accertata l’invalidità con una percentuale tra il 74 e il 99%, il soggetto richiedente avrà diritto ad altre agevolazioni oltre alla pensione, tra le quali l’assegno mensile di assistenza di 313,29 euro al mese.

Con il nuovo comunicato, l’INPS fa sapere che tutta la documentazione sanitaria per accertare la situazione invalidante del soggetto potrà essere inviata online tramite trasmissione digitale.

Nella procedura di domanda si potrà allegare la certificazione necessaria direttamente sul portale.  Tale procedura potrà essere posta in essere anche dal medico certificatore o dal proprio patronato.

 In tal modo, semplicemente allegando la documentazione sanitaria la commissione proposta all’accertamento per il riconoscimento dell’invalidità civile potranno definire i verbali sulla base della documentazione inoltrata dal soggetto richiedente, evitando di chiamarlo a visita.

Solo quando i documenti presentati non permettono alla commissione un’attenta valutazione del quadro clinico, la stessa potrà convocare la persona a visita diretta.

Pensione di invalidità, questa la nuova procedura

I documenti attestanti la malattia invalidante potranno essere prodotti al fine del riconoscimento dello stato invalidante e dell’handicap su iniziativa del soggetto richiedente o su iniziativa della commissione medica.

L’interessato potrà allegare i documenti dopo aver effettuato l’accesso all’area personale sul sito INPS. Tale accesso può avvenire tramite identità digitale (SPID almeno di livello 2, CIE e CNS). La documentazione, inoltre potrà essere allegata online anche dal medico certificatore o dal Patronato.

La documentazione potrà essere allegata anche su iniziativa della commissione medica ad integrazione di quella ricevuta durante la fase di inoltro della domanda.

 Tale procedura è applicabile per le domande di primo accertamento e di aggravamento e per le revisioni sanitarie ed è l’unica modalità ammessa per l’invio di documentazione sanitaria. Infatti non sono più ammessi gli invii tramite PEC e perciò la documentazione così inviata non verrà presa in considerazione.

Pensione di invalidità, novità anche per le commissioni mediche ASL

Nello stesso messaggio, l’INPS fa sapere che l’istituto sta predisponendo un’implementazione dei sistemi informatici cosi da consentire uno scambio di comunicazioni tra le ASL con l’INPS, permettendo la visualizzazione della documentazione allegata e quindi la definizione dei verbali anche da parte delle commissioni mediche delle ASL