La lista dei lavori più richiesti nel 2023 per qualifica e stipendio medio

Anche per il 2023 abbiamo la lista dei lavori più richiesti, secondo il grado di qualifica richiesto e lo stipendio medio previsto.

lavori piu richiesti 2023

Ogni anno ci sono un sacco di lavori che, per vari motivi, si ritrovano ad essere quelli più richiesti da tantissime aziende, sia del pubblico che del privato.

A seconda di come va il mercato del lavoro, ogni anno alcuni lavori vengono confermati, altri invece rischiano di diventare obsoleti. Nei prossimi anni molti finiranno per non essere più richiesti, grazie allo sviluppo della tecnologia e della robotica.

Per facilitare il tutto, è stata ordinata la lista secondo il grado di qualifica richiesto e lo stipendio medio previsto.

La lista dei lavori più richiesti nel 2023 per qualifica

Per "qualifica" si intende il livello di studio e di esperienza richiesto per poter ottenere questo tipo di lavoro. In alcuni casi bisogna avere una laurea inerente a quel settore, e questo vale per la stragrande maggioranza dei lavori ad alta qualifica. Nel caso di lavori a media o bassa qualifica, potrà essere sufficiente il semplice diploma di scuola superiore.

Nel caso dei lavori ad alta qualifica, i più richiesti nel 2023 sono i seguenti:

  • Data Analyst,

  • Data Scientist,

  • Cyber Security Analyst,

  • Sviluppatore Python,

  • Machine Learning,

  • Architetto,

  • Ingegnere Edile,

  • Digital Project Manager,

  • Social Media Manager,

  • Content Creator,

  • Legal Consultant,

  • Esperti Contabili,

  • Commercialisti.

I primi cinque lavori rientrano nel campo delle STEM (science, technology, engineering and mathematics).

Bisognerebbe essere laureati in ingegneria informatica, o al limite avere un titolo equipollente (Matematica, Fisica...). Ci sono diversi master specializzati in questi ambiti.

Oltre alle classiche mansioni di Architetto e Ingegnere Edile, e ai loro relativi titoli di studio, gli altri rientrano nel settore Comunicazione, Giurisprudenza ed Economia.

E' richiesta la laurea, o almeno il superamento di un master specifico. Nel caso dei lavori a indirizzo economico, bisogna essere iscritti ai rispettivi Albi professionali.

Nel caso dei lavori più richiesti a media e bassa qualifica, ci sono:

  • Tecnico Elettromeccanico,

  • Progettista Impianti Elettrici,

  • Responsabile Controllo Qualità,

  • Tecnici e Agenti Commerciali,

  • E-commerce Specialist,

  • Assistenza Clienti,

  • Contact Center,

  • Contabili e addetti tesoreria,

  • Addetti ufficio gare.

In questo caso, i primi della lista rientrano nel settore Tecnico, mentre gli altri rientrano nel settore Commerciale, Servizio Clienti e Amministrazione. È sufficiente il diploma di scuola superiore, o ancora meglio il diploma di qualifica professionale, se per tecnici o progettisti di impianti.

Lo stipendio medio dei lavori più richiesti nel 2023

Anche se molto richiesti, questi lavori possono avere uno stipendio medio non sempre alto. A contare infatti sono (e saranno sempre) gli anni di esperienza maturati sul campo, la disponibilità finanziaria del datore di lavoro e la numerosità e la complessità degli incarichi assunti.

Nel caso dei lavori più richiesti nel 2023, ad alta qualifica, lo stipendio medio annuo rientra in una forbice tra i 18.000 e i 42.000 euro.

Lo stipendio minimo è previsto per chi è alla sua prima esperienza, mentre il massimo è previsto per chi ha maturato moltissimi anni, o rientra in categorie come Machine Learning, Content Creator, Ingegnere Edile e Data Scientist.

In genere il settore che più sta garantendo degli stipendi medi più alti è quello delle STEM, pertanto tutte le mansioni quali Data Analyst, Sviluppatore Python e Data Scientist.

Nel caso dei lavori a media e bassa qualifica, abbiamo una forbice tra i 15.000 e i 28.000 euro annui, dovuti sia agli anni di esperienza, sia al grado di  complessità della mansione.

Verso lo stipendio minimo si aggirano gli addetti all'Assistenza Clienti e al Contact Center, mentre verso il massimo troviamo Tecnici Elettromeccanici, Progettisti Impianti Elettrici e i Contabili e addetti tesoreria.

Caso a parte è quello dell'Agente di Commercio. Se esperto, può guadagnare anche fino a 60-80mila euro annui, altrimenti rientra nella forbice sopraccennata.

Ovviamente, ripetiamo, questo dipenderà anche dall'azienda, e dalle sue disponibilità economiche.

Leggi anche: Crescono i salari dei lavoratori in Italia: ecco in quali settori guadagni di più

Quali lavori scompariranno nei prossimi anni

Purtroppo nel lungo periodo diversi lavori saranno sempre meno richiesti, o addirittura non troveranno né clienti né mercato.

Sono tutti lavori che nel futuro potranno essere condotti da macchine, robot, intelligenze artificiali, pertanto non sarà più necessario assumere personale per queste mansioni. Parliamo di lavori quali:

  • Tassista,

  • Selezionatore di posta,

  • Corriere,

  • Geometra e tecnico cartografico,

  • Lettore di contatori,

  • Lavoratore di fast food,

  • Camionista,

  • Contadino,

  • Cameriere,

  • Interprete o traduttore,

  • Consulente finanziario,

  • Gioielliere,

  • Bibliotecario.

Sono tutti lavori che prima o poi verranno automatizzati tramite programmi online o robot.

Tassisti, camionisti e piloti non saranno più necessari con l'avvento dei veicoli a guida automatica, taxi, camion o aerei che siano.

Corrieri, selezionatori di posta, lavoratori di fast food, così come camerieri e gioiellieri, saranno superati dai vari droni, app take-away e dallo shopping online. Così pure i lettori di contatori, con l'arrivo dei contatori intelligenti.

Consulenti e bibliotecari diventeranno obsoleti con la digitalizzazione automatica dei processi, e con l'uso sempre più esteso degli ebook.

Interpreti e traduttori non serviranno più se le app per la traduzione automatica diventeranno sempre più precise e infallibili.

E infine i contadini, che con l'automatizzazione del lavoro agricolo non serviranno più. O anche solo con i cambiamenti climatici: difficilmente si potrà coltivare la terra se diventa incoltivabile.

Leggi anche: 5 siti per trovare lavoro online: le piattaforme migliori