Puntuali come ogni mese, andiamo a parlare di uno dei pagamenti dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale più atteso: il pagamento della NASpI. 

Come sappiamo, si tratta dell’indennità di disoccupazione che viene corrisposta nei confronti di coloro che hanno perso il lavoro per cause che esulano dalla loro volontà, come licenziamento o dimissioni per giusta causa

Quindi come avrai capito, non a tutti spetta il pagamento della NASpI. Inoltre, coloro che possono riceverlo non hanno mai una data a loro disposizione per comprendere che giorno arriverà l’erogazione. 

Infatti, stando alle linee generali dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale il pagamento della NASpI (compreso quello di agosto) arriverà tra l’8 ed il 15 del mese. Tuttavia, non possiamo fornire una data univoca in quanto è stata la stessa INPS a non determinare una, a differenza di quanto avviene per il Reddito di Cittadinanza che viene sempre erogato in due date: 15 e 27 di ogni mese (salvo festività, come accadrà sicuramente ad agosto in vista di Ferragosto). 

Ma quando scatterà il pagamento della NASpI? Quando puoi vedere la data in cui verrà accreditata la misura? Andiamo a scoprirlo in questo articolo. 

Quando vedrai il giorno del pagamento della NASpI? Vieni a scoprirlo qui!

Come avrai compreso, la NASpI non viene mai erogata lo stesso giorno per tutti coloro che ne beneficiano. Molto varia in base alla data nella quale è stata presentata la domanda. 

Ebbene, stando a quanto è avvenuto nel corso degli anni passati, la data di pagamento relativa alla NASpI dovrebbe essere pubblicata sul sito dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale in una data compresa tra il 1° agosto e l’8 dello stesso mese. 

Ovviamente la data potrebbe leggermente variare, ma non dobbiamo preoccuparci: l’erogazione arriverà anche nel mese di agosto. 

Per  quanto riguarda il pagamento della NASpI di agosto non abbiamo una data certa, ma stando a quanto avvenuto nei mesi e negli anni passati, questo arriverà tra l’8 ed il 15 agosto. 

Ovviamente anche in questo caso non sono delle date certe, perché il pagamento della NASpI varia di mese in mese e questo lo sanno bene coloro che la percepiscono. 

Ritardi nell’erogazione della NASpI? Cosa fare se il pagamento della NASpI di agosto è in ritardo?

C’è la possibilità che i pagamenti possano arrivare in ritardo? Purtroppo la risposta è sì, anche se si spera che almeno ad agosto questo non debba succedere, visto che molte famiglie che percepiscono la NASpI saranno comunque in ferie. 

Andiamo a vedere quali sono le ragioni che possono influire sulla puntualità del pagamento della NASpI, soffermandoci sul pagamento delle mensilità dopo la prima. 

Infatti, l’erogazione del primo pagamento della NASpI può sempre subire un ritardo, anche in base al momento in cui è stata presentata la domanda della misura. 

Inoltre, è importante ribadire che i ritardi nelle erogazioni della NASpI non si limitano solo a quella della prima mensilità, ma possono protrarsi anche nei mesi successivi. 

In linea generale dovresti ricevere l’erogazione della NASpI di agosto tra il settimo ed il ventesimo giorno (al massimo) del mese. 

Ma come capire se un pagamento è in ritardo? Andiamo a comprenderle nel cause più comuni. 

Come capire se il pagamento della NASpI di agosto è in ritardo?

Ma come facciamo a comprendere se il pagamento della NASpI sta effettivamente arrivando in ritardo? E quali sono le cause che potrebbero portare a questo ritardo nelle erogazioni? Andiamo a capirlo insieme per non generare il caos. 

Prima di tutto devi sapere che l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale può erogare il pagamento della NASpI entro l’ultimo giorno del mese. 

Dunque, abbiamo detto che in linea di massima i pagamenti arrivano entro la metà del mese, al massimo il 20, ma potrebbero protrarsi ancora. 

Ma non abbiamo finito con le possibilità! Devi anche sapere che ogni anno un cittadino con la NASpI che svolge anche un lavoro deve inviare all’INPS il reddito presunto. Se inizi un nuovo lavoro senza comunicarlo, la NASpI si blocca. 

Un altra casistica è quella per la quale l’area riservata sul sito dell’INPS si aggiorna in ritardo.

Ci sono altre tre cause che possono determinare il ritardo nel pagamento della NASpI. 

  • La prima riguarda il fatto che la NASpI non sostituisce l’indennità per malattia. Infatti, in caso di malattia l’erogazione viene sospesa. 
  • Lo stesso accade all’inizio del periodo di congedo di maternità. In questo caso la NASpI si sospende e viene ripristinata alla fine del periodo di maternità. 
  • Infine, l’ultima causa è attribuibile a dei veri e propri ritardi nelle erogazioni da parte delle sedi territoriali INPS.