Pensione minima: ecco quanto aumenta nel mese di aprile

Il mese di aprile potrebbe essere quello giusto non solo per l'atteso aumento della pensione minima ma anche per gli arretrati 2023.

Aumento pensione minima ad aprile

Due degli argomenti più delicati che tengono banco in questi giorni sono quelli riguardanti l'aumento della pensione minima e l'arrivo degli arretrati che fanno riferimento al periodo di gennaio-marzo 2023. Al riguardo, il mese giusto dovrebbe essere quello di aprile. Ecco dunque di seguito gli importi e le possibili date dei pagamenti.

Quanto aumenta la pensione minima nel mese di aprile

Tutti i titolari del trattamento minimo si stanno chiedendo in questo periodo se nel mese di aprile arriverà finalmente il tanto atteso aumento della pensione minima nell'ambito degli aumenti che sono stati disposti dal governo Meloni.

In rapporto ai valori dell'anno 2022, gli importi delle pensioni minimi sono andati sì incontro ad una rivalutazione del 7,3%, ma a mancare sono ancora due altri bonus che erano stati mesi sul tavolo dall'attuale governo.

Con ciò si fa riferimento per la precisione alla rivalutazione straordinaria dell'1,5% per quanto riguarda tutti quei pensionati che non hanno compiuto ancora i 75 anni e a quella del 6,4% per i pensionati che hanno invece già superato i 75 anni.

Di conseguenza, grazie anche a questi altri due bonus gli importi del trattamento minimo potranno aumentare leggermente: si passa così infatti dai 563,73 ai 572 euro per i pensionati sotto i 75 anni e ai 597 euro totali per i pensionati che hanno invece più di 75 anni.

Tali bonus per le pensioni si sono fatti attendere qualche mese: questi sarebbero infatti dovuti arrivare lo scorso mese di gennaio, ma l'INPS non li ha ancora erogati. Il mese giusto in tal senso sembrerebbe dunque essere proprio quello di aprile, con l'ufficialità che potrebbe arrivare entro una decina di giorni.

Aumento pensione minima e arretrati 2023: gli importi

Ad aprile avrà quindi quasi sicuramente luogo il pagamento dei due bonus, rispettivamente per gli under-75 e per gli over-75, che il governo aveva promesso a tutti coloro che percepiscono la pensione minima.

Per la comunicazione ufficiale da parte dell'INPS dovrebbe mancare davvero poco, ma insieme a tali pagamenti dovrebbero arrivare quasi sicuramente gli arretrati facenti riferimenti al periodo gennaio-marzo 2023.

I titolari del trattamento minimo con età inferiore a 75 anni dovrebbero ricevere circa 27 euro di arretrati (9 euro al mese per tre mensilità), mentre quelli con età superiore ai 75 anni dovrebbero invece ricevere 102 euro di arretrati circa (34 euro al mese per tre mensilità).

Includendo nel conto anche tali arretrati, nel mese di aprile dovrebbero esserci in totale importi di circa 600 euro per gli under-75 e di circa 700 euro per gli over-75.

Il calendario dei pagamenti

Per quanto riguarda infine le possibili date per l'erogazione dei pagamenti e degli arretrati 2023, il primo giorno bancabile consisterà in sabato primo aprile: trattandosi di sabato, le poste resteranno aperte soltanto nel corso della mattinata, mentre per altri metodi come il bonifico su libretti postali, conti correnti o Postepay Evolution bisognerà invece aspettare la giornata di lunedì 3 aprile.

Ecco dunque di seguito il possibile calendario per quanto riguarda i pagamenti delle pensioni del mese di aprile 2023 tenendo conto anche delle iniziali dei cognomi dei pensionati, anche se il calendario potrebbe comunque variare da una città all'altra:

  • Sabato 1 aprile: cognomi A-B (solo mattina)

  • Lunedì 3 aprile: cognomi C-E

  • Martedì 4 aprile: cognomi F-I

  • Mercoledì 5 aprile: cognomi L-O

  • Giovedì 6 aprile: cognomi P-R

  • Venerdì 7 aprile: cognomi S-Z