A distanza di circa un anno e mezzo dallo scoppio della crisi del coronavirus, si conferma lo stravolgimento del consueto calendario per il pagamento da parte di Poste Italiane delle pensioni erogate dall'Inps.

Pensioni luglio pagate prima. Ordinanza della Protezione Civile

In linea con quanto accaduto nei mesi scorsi, anche per l'estate sono arrivate nuove indicazioni per il pagamento in anticipo delle prestazioni previdenziali presso gli uffici di Poste Italiane.

La Protezione Civile lo scorso 18 maggio ha emanato l'ordinanza n.788, comunicando il nuovo calendario per le pensioni di giugno, luglio e agosto 2021.

L'anticipo del pagamento è disposto per consentire a Poste Italiane di gestire nel rispetto delle norme anti Covid l'accesso ai propri sportelli da parte dei pensionati che si recano solitamente a ritirare fisicamente presso gli uffici postali l'assegno previdenziale.

Pensioni luglio: date per cognome per il ritiro alle Poste. Al via il 25 luglio

Come si legge nell'ordinanza della Protezione Civile, il pagamento delle pensioni di competenza del mese di luglio è anticipato dal 25 giugno all'1 luglio 2021.

Come di consueto, in questo arco temporale i pensionati potranno recarsi presso gli uffici postali e ritirare l'assegno Inps seguendo un calendario ben preciso in base alla lettera iniziale del cognome.

In attesa delle date ufficiali che saranno pubblicate nei prossimi giorni da Poste Italiane, è possibile anticipare la suddivisione per cognomi sulla scora dei criteri seguiti nei mesi scorsi.

Nella giornata di venerdì 25 giugno potranno ritirare la pensione chi ha un cognome che inizia con le lettere dalla A alla B, mentre il 26 giugno, solo di mattina in quanto sabato, toccherà alle lettere C e D.

Bisognerà attendere lunedì 28 giugno per i cognomi con le iniziali dalla E alla K e il giono dopo, il 29 giugno, toccherà ai cognomi dalla L alla O.

L'ultimo giorno del mese, il 30 giugno, sarà dedicato alle lettere dalla P alla R, mentre dovranno attendere l'1 luglio quanti hanno il cognome che inizia con le attese dalla S alla Z.

Pensioni luglio: quando saranno pagate a chi ha l'accredito

A partire dal 25 giugno Poste Italiane metterà a disposizione l'assegno mensile dell'Inps ai clienti titolari di un libretto di risparmio, di un conto BancoPosta o di una Postepay Evolution.

Diverso il discorso per coloro che solitamente ricevono la pensione con accredito sul conto corrente bancario, visto che in tal caso bisognerà attendere per il pagamento il primo giorno bancabile del mese, ossia l'1 luglio.

Pensione a domicilio: come funziona

Anche per l'assegno pensionistico di luglio sarà possibile usufruire del servizio a domicilio già attivo da oltre un anno.
Chi ha un'età pari o superiore a 75 anni, può chiedere di ricevere gratuitamente l'assegno mensile presso il proprio domicilio, dove sarà recapitato dai Carabinieri, previa delega al ritiro.

Pensioni: più soldi dall'Inps a luglio. Ecco per chi

Da ricordare che la pensione di luglio per alcuni sarà più ricca del solito, visto che sarà erogata dall'Inps la quattordicesima.

Si tratta di un bonus riconosciuto a quanto abbiano compiuto almeno 64 anni di età entro il 31 luglio prossimo.

Un altro requisito essenziale è quello della situazione reddituale, visto la quattordicesima spetta solo a chi un reddito complessivo fino ad massimo di 1,5 volte il trattamento minimo annuo (per il 2021 è pari a 515,58 euro) del Fondo pensioni lavoratori dipendenti fino al 2016 e fino a 2 volte il trattamento minimo annuo del Fondo lavoratori dipendenti dal 2017.