Quanto guadagna un agente immobiliare in Italia tra fisso, provvigioni e bonus

Se si vuole intraprendere la carriera è giusto chiedersi quanto guadagna un agente immobiliare. Lo stipendio di questo professionista è molto variabile. Ecco perché.

quanto guadagna agente immobiliare

Se si vuole intraprendere la carriera è giusto chiedersi quanto guadagna un agente immobiliare, soprattutto perché lo stipendio di questo professionista varia molto in base a una serie di fattori.

A incidere sulla sua retribuzione, infatti, non sono solo gli anni di esperienza accumulati, cosa che vale anche per molte altre professioni. A far aumentare lo stipendio sono le caratteristiche proprie del lavoro da agente immobiliare.

Questa figura può lavorare sia come dipendente per un’agenzia (anche se, come vedremo, anche in questo caso è richiesta l’apertura della partita IVA) oppure operare come imprenditore di se stesso.

Sia nel primo caso sia nel secondo, molto spesso la parte più consistente dello stipendio è quella che riguarda le provvigioni sulla singola compravendita. È proprio per questo che stabilire delle cifre certe diventa quasi impossibile.

Vediamo, allora, qual è la retribuzione e, soprattutto, come calcolarla considerando che, tra fisso e provvigioni, le cifre sono soggette a variazioni significative.

Quanto guadagna un agente immobiliare in Italia

L’agente immobiliare lavora per lo più come libero professionista. Anche quando sottoscrive un contratto con un’agenzia immobiliare, infatti, a un certo punto sarà chiamato ad aprire la partita IVA.

Allo stesso tempo, anche determinare lo stipendio medio mensile di un agente immobiliare che apre una propria agenzia può risultare ancor più complesso.

In linea generale, si può dire che un agente immobiliare in Italia guadagna mediamente uno stipendio annuo di 26.400 euro.

Nel caso di un agente immobiliare che lavori con un’agenzia va tenuto conto anche di eventuali bonus (come vedremo a breve) e delle provvigioni calcolate in base alle vendite.

Come per molte altre professioni, a giocare un ruolo fondamentale sono gli anni di esperienza.

Un agente immobiliare alle prime armi, infatti, riceverà uno stipendio medio di 1.000-1.200 euro al mese, mentre chi ha molti anni di esperienza e si è specializzato in un determinato settore immobiliare può arrivare a guadagnare anche 1.800 euro al mese.

Quanto guadagna un agente immobiliare in Italia se lavora con un’agenzia

Come abbiamo visto, l’agente immobiliare può sia decidere di aprire la propria agenzia, sia optare per operare con un’altra agenzia immobiliare.

Da questo punto di vista, c’è anche la possibilità di collaborare con due o più agenzie immobiliari, ma la maggior parte delle volte queste ultime offrono contratti monomandatari.

In questi casi, individuare il guadagno mensile di un agente immobiliare può non essere semplice. Questo perché lo stipendio non è da considerarsi propriamente uno stipendio da lavoratore dipendente ed è formato da un’indennità fissa e dalle provvigioni per ogni singola compravendita.

L’indennità fissa è quella parte dello stipendio che viene pagata dall’agenzia a prescindere dagli obiettivi prefissati. In genere, per le figure junior, tale fisso oscilla tra i 400 e gli 800 euro.

La quota più importante per un agente immobiliare rimane quella delle provvigioni, cioè la percentuale che gli spetta su ogni singola compravendita conclusa.

È chiaro che, in questo caso, le cifre subiscano delle variazioni significative, in quanto strettamente legate al valore dell’immobile venduto.

In linea di massima, la percentuale che va all’agente immobiliare è del 10 o 20% sull’ammontare della provvigione.

All’indennità fissa e alla percentuale delle provvigioni si aggiunge, poi, un’ulteriore voce per l’agente immobiliare che lavora con un’agenzia.

In questi casi, infatti, il professionista può ottenere dei bonus, dei premi per la produttività che vengono erogati nel momento in cui si raggiungono determinati obiettivi, stabiliti dal contratto stipulato (per esempio, raggiunta una certa soglia di vendite nel mese o nell’anno).

Quanto guadagna un agente immobiliare in Italia che apre la propria agenzia

Operare con un’agenzia non è l’unico modo in cui un agente immobiliare può lavorare in Italia.

Questo professionista può scegliere di diventare imprenditore e aprire la propria agenzia.

Chiaramente, perseguendo questa strada si abbandona l’idea di poter ottenere un’indennità fissa e il guadagno dipenderà interamente dal valore delle transazioni portate a termine.

Ancor più in questo caso, dunque, stabilire uno stipendio mensile risulta difficile, anche perché si devono tenere in conto non solo le entrate, ma anche le uscite legate, per esempio, al costo dello studio, delle attività di marketing per trovare nuovi clienti e così via.

Di certo, ciò che può incidere positivamente sulla retribuzione di un agente immobiliare è l’andamento del mercato immobiliare in una determinata città o zona della città, così come l’individuazione di determinati settori.

Solo per fare un esempio, ci sono agenti immobiliari che operano nel settore degli immobili di lusso. È facile intuire che questo settore permetta di raggiungere guadagni di tutto rispetto. Un agente immobiliare di lusso può arrivare a guadagnare anche 2.320 euro mensili.

Leggi anche: I prezzi delle case scendono nel 2023. Da quando, secondo le previsioni