Da circa due anni, Linkedin il più importante portale social di comunicazione legato al mondo lavorativo che conta 774 milioni di membri nel mondo, nonché network a tutti gli effetti sull’argomento del mondo del lavoro in Italia con oltre 15 milioni di iscritti, ha stilato la sua classifica personale di start up italiane emergenti, individuandole attraverso il suo pacchetto dati e revisionandole con il suo team di indagine.

La notizia ci arriva dall’agenzia di stampa Adnkronos che precisa come i dati sono stati raccolti:

Top startups di LinkedIn è una classifica annuale delle startup emergenti per le quali lavorare, creata dal team di LinkedIn notizie e basata sui dati LinkedIn, che classificano le startup prendendo in considerazione quattro criteri: la crescita della forza lavoro di queste aziende, le interazioni degli utenti con le aziende e i loro dipendenti, l’interesse delle persone in cerca di impiego in queste startup e la loro capacità di attrarre talenti.”

Le 10 principali giovani startup hanno in comune quanto riportato anche da altri quotidiani online o specifici siti di settore come entilocali-online.it, youmark.it che riferiscono quanto segue:

La lista delle migliori startup italiane del 2021 di LinkedIn include 10 aziende emergenti attive in diversi settori e ambiti di specializzazione, che hanno come comune denominatore oltre alla forte connotazione innovativa, la volontà di agevolare la vita dei consumatori attraverso un’ampia offerta di prodotti, soluzioni e servizi.”

Ma non solo come anche riportato da corrierecomunicazioni.it:

“La classifica di quest’anno offre un quadro realistico di come la situazione economica attuale e le nuove modalità di vivere il “new normal” imposto dalla pandemia siano state una spinta per quelle startup che si sono caratterizzate non solo per innovazione e resilienza, ma anche per la capacità di rispondere alle necessità di una nuova quotidianità che tocca tutti i diversi aspetti della vita di ciascuno di noi.”

Dunque il comun denominatore sembra essere stato la capacità di rispondere in tempo forzato di pandemia alle esigenze quotidiane, ponendo un accento sulla risoluzione di problematiche che potessero risolvere in modo efficiente la vita di ciascuno di noi mettendo in campo l’aspetto innovativo e tecnologico.

Vediamo allora chi sono le 10 top Startup che hanno trionfato quest’anno.

Top Startup Italia 2021 le prime 3 migliori classificate

La lista fa riferimento ad una analisi sulle attività svoltesi su Linkedin che comprendono la normale ricerca del lavoro e la visualizzazione di pagine compiute dai frequentatori iscritti alla piattaforma.

Al primo posto della Classifica sulle Top Startup italiane dl 2021, abbiamo Banca AideXa.

Banca AideXa è una startup del mondo Fintech nata durante il periodo del Coronavirus. 

Si orienta alle Pmi e ai possessori di Partita Iva. Il suo obiettivo è quello di semplificare la vita agli imprenditori accompagnandoli nell’ideazione e nella messa in pratica del loro progetto imprenditoriale. Curiosando nel loro sito scopriamo che è finalizzata a società di capitali, di persone e ditte individuali costituite da almeno due anni e che i finanziamenti “senza garanzia” e il supporto del team servono ad accompagnare il cliente in modo veloce e semplice verso la realizzazione del proprio progetto. Secondo Linkedin si tratta della prima banca europea che sfruttando le spesso trascurate leve del digitale, proprio su questo approccia, si volge a rilanciare e sostenere i progetti dei propri clienti.

Al secondo posto lo avrete certamente sentito, soprattutto nelle grandi città. Ha in parte conquistato il mercato dello urban food, si tratta di Poke house.

E’ uno tra i brand che nel mondo potremmo definire leader del poke, il piatto tipico della cucina hawaiana che mixa ingredienti naturali e variegati, per una cucina sana e completa racchiusa in un piatto unico da comporre al momento. Oggi molto amato anche in Europa, propone un modello business fortemente digitale in quanto usa una piattaforma ad hoc con Crm proprietaria, cosa che l’ha fatta emergere sui mercati proprio per le sue campagne definite out-of-home. Per gli appassionati del genere qui potete trovare qualche chiarimento sulle specifiche logiche di marketing dell’out-of-home.

Al terzo posto a completare il podio delle prime tre, Casavo

Casavo, nasce a Milano nel 2017, trattasi di una instant buyer immobiliare. Che cosa fa un Instant Buyer? Non si definiscono una agenzia immobiliare, bensì un soggetto operatore che agisce sul mercato immobiliare, acquistando gli immobili direttamente dal venditore e rimettendoli sul mercato in brevissimo tempo, secondo una logica di massimo 30 giorni. Il modello di business usa dati e strumenti tecnologici per presentare offerte d’acquisto e di compravendita dirette e ridurre i tempi spesso lunghi di vendita delle proprietà. Il loro motto è la semplificazione dei processi.

Top Startup Italia 2021 le altre migliori classificate

Appena sotto al podio in quarta posizione, troviamo Boom, una startup che si occupa di fotografia commerciale. Con una community di oltre 30.000 fotografi sparsi per il mondo, si propongono sul mercato delle immagini fotografiche per le aziende attraverso un servizio a pagamento rapido e semplificato che promette in soli due giorni di avere immagini personalizzate e specifiche su richiesta. 

Al quinto posto Linkedin premia posizionandola al centro tra le top 10 Credimi.

Credimi è un Intermediario Finanziario autorizzato da Banca d'Italia che ha come clienti sempre le piccole e medie imprese e i liberi professionisti titolari di partita iva. Nel loro sito si definiscono “leader dei finanziamenti digitali per le imprese in Europa”. Operativi dal 2017 hanno erogato finanziamenti per oltre 1.7 miliardi di euro verso aziende e imprenditori. Sono anch’essi nel mondo del Fintech e lavorano per rendere veloce e semplice l’accesso al credito delle imprese.

Al sesto posto si ritorna nell’ambito del food legato al poke. Il settore piace, e questa volta a posizionarsi sesti è I Love Poke, un’azienda nata dall’imprenditoria di una giovane ricercatrice newyorkese. Poke come ricerca della salute e come “fast food sano” dunque cucina healthy. Secondo una stima di Growth Capital, il poke nel 2020 è stato considerato l’ottavo cibo tra i più ordinati attraverso la formula delivery in Italia. Il suo consumo è cresciuto in un anno del 133% capitalizzandosi sul mercato per un valore di 86 milioni di euro.

Al settimo posto Scalapay anch’essa startup del mondo fintech. Scalapay permette di scalare l’importo dei pagamenti eseguiti online, presso rivenditori di abbigliamento, viaggi, prodotti per la casa, beauty e tanto altro, in tre comode rate. Si tratta dunque di una startup he ha sviluppato una soluzione per terze parti che consente ai clienti sia online ma anche in store, di comprare subito e pagare dopo. Sono già moltissimi i negozi e le catene che l’hanno adottata come sistema di pagamento.

All’ottavo posto non proprio una new entry, è infatti già presente sul mercato da diversi anni, è Everli (ex supermercato24) che porta la spesa a casa scegliendo di fare la spesa online nel supermercato preferito. La comodità sta nel fatto che non si tratta di una unica insegna che offre il servizio di Click & Collect, ma di un servizio che si appoggia su più insegne di supermercati, totalmente indipendente dalle stesse e che usa la consegna a casa grazie a moltissimi shopper che offrono il loro servizio per fare la spesa e portarla presso la l’abitazione o l’ufficio del cliente.

Al nono posto incontriamo Milkman una fresca e giovane realtà che opera nella logistica e nei servizi supply chain. Lavorano per offrire costi contenuti ed efficacia per rivenditori, fornitori e servizi di terze parti sul quello che viene definito l’ultimo miglio nelle consegne. Con il settore e-commerce in crescita sono un’evoluzione perché lavorano sulle capacità strategiche del piccolo come del grande cliente per offrire consegne veloci, ormai prerogativa degli acquisti online.

Infine ultimo, ma non meno importante a chiudere la classifica delle Top startups Italia 2021 promossa da Linkedin è al decimo posto La Doublej un magazine dove è possibile fare shopping interamente dedicato al vintage, con abiti, gioielli e accessori autentici degli anni che vanno dagli anni ’60 agli anni ’00. Una startup non tanto originale nell’idea, ma sicuramente nelle proposte. Tra l’altro l’azienda ha anche allestito a Milano un proprio store monomarca, si tratta del suo primo negozio. Chissà che il successo non porti ad ampliare l’attività in altre località.

Considerazioni sui risultati della Top Top Startup Italia 2021 di Linkedin

Riassumendo, secondo Michele Perri “news editor” di LinkedIn Notizie Italia la classifica conferma un dato di importante: che l’innovazione tecnologica sta alla base delle principali startup italiane, come allo stesso modo la pandemia ha certamente messo in discussione il modo che avevamo di lavorare precedentemente.

E’ ed stato proprio in questo momento difficile che le piccole startup hanno saputo cogliere lo spunto per sviluppare il loro business, raccogliendo la sfida e orientando il mercato verso un’apertura anche volta alla ricerca di nuove competenze e talenti.

"Siamo onorati - sottolinea Federico Sforza, ceo Banca Aidexa - di avere ricevuto questo importante premio da un leader mondiale digitale. E’ un riconoscimento dell’impegno che la squadra Aidexa mette tutti i giorni per aiutare le imprese con prodotti bancari semplici, veloci e trasparenti.”

Il progetto che cresce in modo rapido necessita di persone e competenze, si conta infatti che Banca Aidexa pianifichi di ampliare l’organico assumendo oltre 100 persone entro il 2022. L’idea nata appena un anno fa ha raccolto oltre 47 milioni di euro in Europa, una cifra record e ad appena tre mesi dal rilascio della licenza bancaria, è stata aperta anche una sede milanese denominata Casa X.

“Siamo nati come banca digitale ma siamo presenti sul territorio nazionale con i nostri partner perché la vicinanza a chi fa impresa è un elemento fondante del nostro approccio.”

Afferma Federico Sforza, rimarcando che in tempi brevi nasceranno nuove idee oltre l’attuale finanziamento X Istant senza garanzie, idee che arricchiranno l’attuale gamma e offerta e di servizi per il finanziamento garantito e a medio termine.

Complimenti dunque a tutti i menzionati nella classifica.